Ultima modifica:
15-07-2022

Mine di Phondo nella contea di Lhundrub e proteste locali, Tibet, Cina

Nell'aprile 2011 i residenti sono scesi in strada per protestare contro l'operazione mineraria. Molte persone sono state picchiate dalle forze di sicurezza e sei tibetani sono stati arrestati. Nell'agosto 2014, sono stati confermati nella prigione di Drapchi, Lhasa.



Questo modulo è stato tradotto per tua comodità utilizzando il software di traduzione fornito da Google Translate. Pertanto, potrebbe contenere errori o discrepanze. In caso di dubbi sull'accuratezza delle informazioni contenute in queste traduzioni, fare riferimento alla versione del caso all'indirizzo: Inglese (Originale)

Descrizione:

La contea di Lhundrub si trova nella valle del Phenpo, a circa 65 km a nord -est di Lhasa, la capitale di Tibet. Le montagne di Nyenchen Tanglha attraversano la contea, così come il fiume Lhasa. L'area è agricola e contiene circa un terzo della terra coltivata della prefettura. Le colture principali sono orzo, grano, colza e verdure. La contea ha anche risorse minerali, tra cui piombo, zinco, barite, carbone e gesso e due stazioni idroelettriche. La contea di Lhundrub è stata la scena delle operazioni minerarie cinesi dal 1998. [4] Il governo cinese aveva iniziato i preparativi per il suo progetto minerario chiamato "Phondo Chubey Gaktsel" nell'area con promesse di creazione di posti di lavoro e generazione di entrate per la popolazione tibetana locale. [2] Una fonte di esilio tibetana ha affermato che "tuttavia, i funzionari minerari non hanno mantenuto le loro promesse e hanno invece causato la distruzione ambientale e il danno al bestiame da esplosioni ed esplosioni su larga scala". [2] Nel 2009 il governo cinese ha anche iniziato a danneggiare lo Yarlung Tsangpo nella Contea di Lhundrub, la fonte del fiume Brahmaputra. Ai residenti locali è stato detto che la diga avrebbe portato benefici alla comunità locale. Invece, la diga sta causando danni all'ambiente locale. In effetti i tibetani locali sospettano anche che il mining avrà luogo una volta contenuto il fiume. [1]. Nel 2009, le autorità hanno rimosso con forza 119 case tibetane dalle vicinanze del sito minerario, un'area che ora si dice sia sott'acqua. Il sostegno promesso per la transizione non si è materializzato e molti tibetani hanno trovato difficile, in particolare quelli che erano precedentemente agricoltori o nomadi. [1] Dopo che gli appelli al governo locale per fermare le operazioni minerarie sono rimasti incolume, nell'aprile 2011 i residenti sono scesi in strada per protestare contro l'operazione mineraria che aveva già causato danni sufficienti ai tibetani locali. [3] Le autorità hanno detto agli avversari che sarebbero stati arrestati e accusati di crimini politici. [1] Di conseguenza molte persone sono state picchiate dalle forze di sicurezza durante la protesta e sei tibetani sono stati successivamente arrestati nello stesso mese. [4] Nell'agosto 2014, tre anni dopo il loro arresto, sei tibetani sono stati confermati nella prigione di Drapchi, Lhasa. Kunga e Pema sono stati entrambi condannati a 12 anni, Ngawang Yeshi, Choeyang Woser e Penpa Gyalpo a 11 anni e Pema Gyalpo a 8 anni. [1] Nel 2014, Zhang Qingli, allora segretario del comitato regionale autonomo (TAR) del Partito comunista (CCP) della Cina, aveva affermato che il governo cinese avrebbe esplorato i minerali di Tibet in modo "giustificato e intensivo" in arrivo cinque anni. [2]

Informazioni di base
Nome del conflitto Mine di Phondo nella contea di Lhundrub e proteste locali, Tibet, Cina
NazioneCina
Città e regioneContea di Lhundrub nella regione autonoma tibet
Localizzazione del conflitto Phenpo Valley nel comune di Lhasa
Accuratezza della localizzazioneAlta (livello locale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloEstrazione mineraria e cave
Tipo di confitto. Secondo livelloEsplorazione ed estrazione di minerali
Idroelettrico e conflitti legati alla distribuzione dell'acqua
RisorsePiombo
Carbone
Zinco
gesso; barite
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

#VALUE!

Tipo di popolazioneRurale
Data di inizio del conflitto:01/04/2011
Imprese coinvolte (private o pubbliche)Phondo Chubey Gaktsel from China
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Tibet: ambiente e sviluppo:
http://tibet-edd.blogspot.com.es/;
Orologio tibet: http://www.tibetwatch.org/;
Organizzazione delle nazioni e delle persone non rappresentate:
http://unpo.org/
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoAlta (diffusa, mobilitazione di massa, arresti e reazione delle forze dell'ordine)
Temporalità del conflittoMobilitazioni dopo gli impatti
Gruppi mobilitati:Contadini
Abitanti (cittadini/comunità rurali)
Pastori
Forme di mobilitazione:Lettere e petizioni di reclamo
Proteste di strade/manfestazioni
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Impatti sul sistema idrogeologico
Potenziale: Contaminazione dei suoli, Contaminazione delle acque di superficie e peggioramento della qualità delle acque, Riduzione della resilienza ecologica/idrogeologica, Sversamenti di residui di lavorazione dei minerali
Impatti sulla salutePotenziale: Problemi mentali compresi stress, depressione e suicidi, Problemi di salute pubblica connessi ad alcolismo, prostituzione ecc.
Impatti socio-economiciVisibile: Sgomberi/sfollamenti, Perdità dei mezzi di sussistenza, Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture, Militarizzazione e aumento della presenza/controllo militare e forze dell'ordine, Espropri di terra, Violazione dei diritti umani
Potenziale: Aumento dei problemi sociali (alcolismo, prostituzione,ecc), Deterioramento del paesaggio/perdita del senso del luogo
Risultati
Status attuale del progettoOperativo
Risultato del conflitto/risposta:Criminalizzazione degli attivisti
Sentenze sfavorevoli alla giustizia ambientale
Migrazioni/sfollamenti
Repressione
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:NO
Spiegare brevemente il motivoPrima della protesta, un certo numero di famiglie tibetane erano state costrette a trasferirsi per ospitare progetti minerari. Nell'aprile 2011, i tibetani locali hanno fatto interruzioni numerose richieste per la fermata mineraria, ma gli è stato detto che a chiunque si opponesse sarebbe stato arrestato e accusato di crimini politici. In effetti nel 2014, tre anni dopo il loro arresto, sei tibetani sono stati confermati nella prigione di Drapchi, Lhasa.
Fonti e materiali
Bibliografia di libri pubblicati, articoli universitari, film o documentari pubblicati

[4] Tibet Watch “Environmental Protest on the Tibetan plateau”, Britain based, January 2015
[click to view]

International Campaign for Tibet, U.S. State Department details rights abuses, raises concern on Tibet in 2015 Annual Human Rights Report, April 13, 2016
[click to view]

[1] Free Tibet, MISSING TIBETANS CONFIRMED JAILED, 11th August 2014
[click to view]

[2] Phayul, Six Tibetans sentenced upto 12 years for 2011 mining protest in Phenpo, August 5 2014
[click to view]

[3] Tibetsociety, Anti-mining protestors jailed for up to 12 years
[click to view]

[5] Livejournal, Tibetans continue to protest against the Chinese mining projects, August 9 2014
[click to view]

[6] UNPO, UNREPRESENTED NATIONS AND PEOPLES ORGANIZATION, Tibet: Anti-Mining Protesters Face Harsh Sentences, 7 August 2014
[click to view]

Tibet: Environment and Development
[click to view]

Tibet.hu, Hat tibetit tizenkét évig terjedő börtönbüntetésekre ítéltek egy 2011-es bányászat elleni tüntetés miatt, augusztus 5 2014
[click to view]

Meta informazioni
Ultima modifica15/07/2022
ID del conflitto:2276
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.