Ultima modifica:
23-04-2020

Discarica di Aruwakkalu, puttalam, Sri Lanka

Nonostante le continue proteste di massa e una valutazione critica dell'impatto ambientale, una 1.200 tonnellate di rifiuti giornalieri di Colombo verrà scaricato nella nuova discarica di Aruwakkalu, situata proprio accanto al fragile ecosistema del Parco Nazionale di Wilpattu.



Questo modulo è stato tradotto per tua comodità utilizzando il software di traduzione fornito da Google Translate. Pertanto, potrebbe contenere errori o discrepanze. In caso di dubbi sull'accuratezza delle informazioni contenute in queste traduzioni, fare riferimento alla versione del caso all'indirizzo: Inglese (Originale)

Descrizione:

La discarica sanitaria di Aruwakkalu di recente apertura dello Sri Lanka si trova nel distretto di puttalam, 170 chilometri a nord di Colombo. È stato proposto come soluzione a lungo termine alla crisi dei rifiuti in corso nella provincia occidentale del paese, ma è stata molto controversa per i suoi gravi impatti ambientali, il completo ignorante delle voci della comunità e il cambiamento discutibile e costoso del problema dei rifiuti di Colombo alla periferia . La sua costruzione è stata annunciata nel 2017, subito dopo che il tragico crollo della discarica della spazzatura a Meethotamulla ha ucciso 32 persone e perché nessun'altra posizione è stata trovata nell'area metropolitana a causa di problemi di lunga data di discarico pericoloso e risultante "non nel mio cortile" delle proteste dei residenti - Vedi anche le due voci del caso correlate nell'Ejatlas.

L occhiate su cave di calcare abbandonate della società di cemento Holcim e nella zona cuscinetto del parco nazionale di Sri Lanka, La discarica dovrebbe ricevere 1.200 tonnellate di rifiuti al giorno nei dieci anni successivi - un periodo che potrebbe essere esteso. Secondo i piani iniziali, la discarica di Meethotamulla dovrebbe essere convertita in un centro di raccolta dei rifiuti da cui l'area metropolitana sarebbe stata trasportata ad Aruwakkalu via ferrovia. Il progetto con un costo di $ 107 milioni è stato proposto per la prima volta nel 2014 e inizialmente ha accettato di essere finanziato dalla Banca mondiale, ma senza decollare. Dopo il crollo della discarica nel 2017, il governo ha intensificato i suoi sforzi per avviare il progetto e la società China Harbour Engineering Company (CONTROLLE) - nella lista nera dalla Banca mondiale tra il 2009 e il 2011 e dal governo del Bangladesh nel 2018 per la presunta corruzione [1] - per ha vinto controverso il processo di offerta e si è contratto; Gran parte del finanziamento è stato infine fornito da un prestito della Banca di investimento delle infrastrutture asiatiche [2]. Le interruzioni sono iniziate nel 2018 e si aspettavano che sarebbero state finalizzate entro marzo 2020, ma i rifiuti hanno già iniziato a essere trasferiti dai camion nel marzo 2019 mentre la discarica ad interim di Colombo a Kerawalapitiya era gravemente traboccante e la spazzatura ha iniziato ad accumularsi nelle strade di diversi quartieri. [1] [3] [4] [5] [6]

Lo cals e gli ambientalisti si sono opposti al progetto di discarica sin dai primi annunci nel 2014 [ 1]. Hanno indicato le sue minacce alle acque sotterranee, all'ecosistema, alla pesca e alla fauna selvatica e alle comunità rurali di Serakkuliya, Karathivu, Gangewadiya ed Eluwankulama. Il sito coincide con le aree frequentate da elefanti e altri animali selvatici e confini con una patch incontaminata di mangrovie. Gli scienziati ambientali hanno affermato che l'area non è adatta per il dumping, che in particolare il centro di elaborazione dei rifiuti è situato in un'area critica, che la dinamizzazione nella vicina fabbrica di cemento potrebbe causare crepe negli effluenti delle discariche, che il percolato potrebbe contaminare le mangrovie, gli habitat e gli habitat e gli habitat Laguna, e quella forte pioggia porterà a traboccare la discarica e la diffusione delle acque reflue. La discarica rischia il sostentamento di circa 16.000 famiglie che dipendono dalla laguna e dal suo ecosistema. Inoltre hanno criticato che le condizioni stabilite nella valutazione dell'impatto ambientale sono state ora completamente violate e che la comunità - nonostante le proteste - non è stata consultata e ignorata dalla valutazione dell'impatto. L'area in cui la società di cemento scavi coincide anche con un unico sito fossile Miocene, da cui solo una piccola parte chiamata "Wedi Pitiya" è ancora conservata ma ora si sovrappone alla discarica. Un altro punto di critica è che i costi del trasporto della spazzatura - alla fine che si svolgono da una stazione di trasferimento a Kelaniya - sono enormi, pari a circa Rs. 4 milioni al giorno ($ 52.000). [3] [4] [5] [6]

Nel tentativo di fermare il progetto, è stata avviata la campagna "pulizia puttalam", unendo un ampio movimento della società civile composta da residenti, ONG, gruppi di giovani, associazioni femminili, leader religiosi e gruppi politici. Dal 2016, il movimento, che ha ricevuto sostegno da tutto il paese, ha lanciato regolari marce dimostrative, scioperi, petizioni, programmi di sensibilizzazione e dibattiti pubblici per discutere degli impatti del progetto di discarica. Ha anche partecipato ai dialoghi IT con i politici e ha riferito di una mancanza di risposte e pianificazione a lungo termine da parte di coloro che sostengono il progetto. [1] [7] [8] Anche ambientalisti come Hemantha Withanage del Center for Environmental Justice ha definito il progetto un crimine e non vale il costo e hanno invece suggerito politiche a zero rifiuti e riciclaggio per affrontare le cause della radice. L'esperto di gestione dei rifiuti Sumith Pilapitiya ha confermato che la posizione prescelta era la peggiore possibile, ma ha osservato che da un punto di vista tecnico, il concetto di discarica sarebbe buono, se gestito correttamente. Come consiglio per ridurre al minimo i danni in Aruwakkalu, diversi esperti hanno suggerito di scaricare i rifiuti in un'altra cava di calcare abbandonata più a sud, ma Holcim non ne era favorevole e hanno affermato che non era responsabile del progetto. [3] Già prima del progetto di discarica, la produzione di cemento dell'azienda, nonché una centrale a carbone vicina, aveva causato sostanziali impatti ecologici sull'ecosistema locale e gli abitanti dei villaggi vicini, che tra gli altri soffrivano di contaminazione da mercurio [7] [8]. L'attivista e sociologo locale Ansah Nazeeha ha sottolineato: “Siamo già gravati da abbastanza problemi. Non possiamo tollerare più ingiustizie "[8] e" Se la laguna di puttalam viene inquinata il sostentamento delle persone che si affidano a pesci e agricoltura di gamberi, sale e turismo saranno gravemente colpiti "[8].

A luglio 2018, la discarica e le costruzioni sono state bloccate per quattro giorni; A settembre si sono svolte manifestazioni di massa contro la discarica e ad ottobre una marcia da donna; A novembre le ferrovie erano bloccate. Alcuni attivisti furono successivamente prodotti in tribunale. Alla fine del 2018, una resistenza di 100 giorni è stata annunciata da pulito puttalam, mentre il comitato interreligioso (Dirc) di puttalam ha dichiarato "giorni neri" e ha invocato la popolazione per indossare bracciali neri, fasce e bandiere e per protestare in silenzio contro l'apertura della discarica. [1] [8] Le proteste sono proseguite all'inizio del 2019 prima che iniziassero i rifiuti. Un giorno di mobilitazione di massa, luoghi di lavoro e negozi chiusi e gli studenti sono rimasti lontani da scuola. Le manifestazioni a puttalam si dissolvono violentemente dalla polizia; Ulteriori proteste si sono svolte a Colombo. [8] [9] [10] [11] [12] Il presidente di Dirc ha dichiarato: “Abbiamo prove scientifiche per dimostrare che questa discarica può causare gravi danni all'ambiente e alle persone, inquina anche la laguna. Questa discarica non è adatta a puttalam ”[8]. Secondo i media, la spazzatura è stata scaricata senza alcun trattamento e anche un'esplosione in un serbatoio di drenaggio nell'area delle discariche. Durante tutto il 2019, le emsussations a puttalam hanno continuato e bloccato camion in arrivo e strade principali. Le autorità hanno incolpato i manifestanti per vandalismo e ostruzione e hanno annunciato conseguenze legali per quattro organizzatori di protesta; Un tribunale ha quindi proibito manifestazioni, mentre i camion della spazzatura - che sono stati utilizzati perché le strutture ferroviarie non erano ancora finalizzate - hanno ricevuto la protezione della polizia. [4] [5] [6] [13] [14] Alla fine del 2019, i residenti delle vicine città di Serakkuliya e Karathivu hanno nuovamente organizzato proteste. Hanno riferito che i pesci hanno iniziato a morire poiché la laguna era colpita dal percolato e si è lamentata della contaminazione dell'aria e del dumping incontrollato in aree al di fuori della discarica. [6] Nel dicembre 2019, un politico locale ha persino annunciato uno sciopero della fame sulla morte [14].

Informazioni di base
Nome del conflittoDiscarica di Aruwakkalu, puttalam, Sri Lanka
NazioneSri Lanka
Città e regioneProvincia nord -occidentale
Localizzazione del conflittoPuttalam
Accuratezza della localizzazioneAlta (livello locale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloGestione dei rifiuti
Tipo di confitto. Secondo livelloConflitti sulla privatizzazione e la gestione di rifiuti
Discariche, trattamento rifiuti speciali/pericolosi, smaltimento illegale
Inquinamento legato al trasporto (sversamento, polveri, emissioni)
RisorseRifiuti urbani domestici
Metalli riciclati
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

Situata nella provincia di puttalam, la discarica di Aruwakkalu dovrebbe ricevere 1.200 tonnellate di rifiuti al giorno (la stessa quantità prodotta da Colombo nel 2019), trasportata da Colombo via ferrovia. I rifiuti hanno iniziato a essere scaricati nel 2019. La discarica è gestita dalla China Harbour Engineering Company (check). [3] [4] I costi del progetto sono di 107 milioni di dollari e il finanziamento è stato fornito dalla Banca di investimento delle infrastrutture asiatiche [2]. La discarica di 30 ha ha molte cave abbandonate da cui il calcare è stato estratto dalla Holcim Cement Company negli ultimi decenni. Si prevede che riceverà 4.700.000 metri cubi di rifiuti nei prossimi 10 anni. [3] Il sito è circondato da piccoli villaggi come Serakkuli, Karaivu, Periyanagavilllu, Mangalapura, Eluwankulam e Gangewadiya, che vivono in gran parte dalla pesca. [4]

Area del progetto30 ha
Livello degli investimenti:107.000.000
Tipo di popolazioneRurale
Popolazione impattata:50.000
Data di inizio del conflitto:2014
Attori governativi rilevanti:Ministero di Megapolis e Western Development (MPWD)
Ministero dell'ambiente e delle risorse naturali (MENR)
Colombo Municipal Council (CMC)
Autorità per la gestione dei rifiuti della provincia occidentale (WPWMA)
Autorità ambientale centrale (CEA)
Governo nazionale
Istituzioni internazionali o finanziarieAsian Infrastructure Investment Bank (AIIB)
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Pulito puttalam
Comitato interreligioso (Dirc) di puttalam
Movimento di massa per la giustizia sociale - Colombo (MMSJ)
Center for Environmental Justice (CEJ)
Nokunu
Programma di conservazione del paleobiodiversità
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoAlta (diffusa, mobilitazione di massa, arresti e reazione delle forze dell'ordine)
Temporalità del conflittoResistenza preventiva (fase di precauzione)
Gruppi mobilitati:Contadini
Organizzazioni sociali locali
Governi locali/partiti politici
Abitanti (cittadini/comunità rurali)
Movimenti sociali
Sindacati
Organizzazioni/comitati di donne
Gruppi etnici/razziali discriminati
Utenti a scopo ricreativo
Scienziati / professionisti locali
Gruppi religiosi
Pescatori
Forme di mobilitazione:Azioni artistico-creative (es. teatro guerilla, murales)
Blocchi stradali o picchetti
Elaborazione di documenti indipendenti (es. reports, dossier, note informative)
Lavoro di rete/azioni collettive
Sviluppo di proposte alternative
Coinvolgimento delle ONG nazionali e internazionali
Azioni legali/giudiziarie
Media-attivismo
Presentazione osservazioni alla VIA/AIA
Lettere e petizioni di reclamo
Campagne pubbliche di informazione e denuncia
Sabotaggi
Proteste di strade/manfestazioni
Scioperi
Occupazioni di spazi pubblici e edifici
Scioperi della fame
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Inquinamento atmosferico, Perdita di biodiversità, Degradazione paesaggistica, Contaminazione dei suoli, Fuoriuscite di contaminanti, Contaminazione delle acque di superficie e peggioramento della qualità delle acque, Contaminazione delle falde acquifere/riduzione dei bacini idrici, Riduzione della resilienza ecologica/idrogeologica, Altro (specificare sotto)
Potenziale: Incendi, Inondazioni, Insicurezza alimentare/danni alle produzioni agricole, Riscaldamento globale, Erosione, Deforestazione/perdita di aree verdi/vegetazione
Altro (specificare sotto)Conflitto di elefanti umani
Impatti sulla salutePotenziale: Malnutrizione, Problemi mentali compresi stress, depressione e suicidi, Morti
Impatti socio-economiciVisibile: Aumento della corruzione/cooptazione dei diversi attori, Violazione dei diritti umani, Deterioramento del paesaggio/perdita del senso del luogo
Potenziale: Sgomberi/sfollamenti, Mancanza di sicurezza sul lavoro, assenteismo al lavoro, licenziamenti, disoccupazione, Perdità dei mezzi di sussistenza, Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture, Militarizzazione e aumento della presenza/controllo militare e forze dell'ordine, Aumento dei problemi sociali (alcolismo, prostituzione,ecc)
Risultati
Status attuale del progettoOperativo
Risultato del conflitto/risposta:Corruzione
Criminalizzazione degli attivisti
Repressione
Negoziazione in corso
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:NO
Spiegare brevemente il motivoLa scelta della posizione è chiaramente problematica e causerà una serie di danni irreversibili agli habitat e agli ecosistemi locali. Invece di perseguire strategie di rifiuti zero più sostenibili, il governo spende denaro in costosi trasporti di immondizia al fine di spostare l'inquinamento ambientale fuori dalla vista. Il progetto è stato implementato a tutti i costi, nonostante le enormi proteste e l'opposizione di un'ampia alleanza della società civile e senza alcuna consultazione delle comunità locali i cui mezzi di sussistenza sono interessati.
Fonti e materiali
Bibliografia di libri pubblicati, articoli universitari, film o documentari pubblicati

Environmental Impact Assessment Report of the Proposed Project on Metro Colombo Solid Waste Management, Ministry Of Megapolis and Western Development, August 2017.
[click to view]

[10] Hiru News (2019): Protest against garbage dump in Puthlam – Riot police disperse protestors. 22.03.2019. (Online, last accessed: 31.03.2020)
[click to view]

[12] Lanka Views (2019): Opposition to Aruwakkadu Dumping Yard in Colombo. 20.03.2019. (Online, last accessed: 31.03.2020)
[click to view]

Media correlati - links a video, campagne, social networks

[9] Meelparvai Newspaper (2019): A Protest in Galle Face against dumping of garbage at Puttalam, Aruwakkadu, which was dumped at Meethotamulla. (Picture footage on Twitter)
[click to view]

[11] BBC News Sinhala (2019): Puttalam tense due to a protest against Aruwakkalu (Video footage on Twitter)
[click to view]

Altri tipi di documenti

Environmental Impact Assessment report 2017
[click to view]

Meta informazioni
Collaboratore:EnvJustice project (MS)
Ultima modifica23/04/2020
ID del conflitto:5020
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.