Ultima modifica:
29-01-2019

Atlântico sul cantiere navale, pernambuco, Brasile

Le famiglie furono costrette fuori di lì le case e sfrattate dalle loro terre nella regione di Suápe in Brasile. Le autorità locali hanno deciso di espandere il cantiere navale e il porto del mare per renderlo accessibile per cisterne molto grandi.


Descrizione:

--- Abaixo em português ------

Vedi altro
Informazioni di base
Nome del conflittoAtlântico sul cantiere navale, pernambuco, Brasile
NazioneBrasile
Città e regione Pernambuco.
Localizzazione del conflittoIpojuca (complesso industriale del porto di Suape)
Accuratezza della localizzazioneAlta (livello locale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloInfrastrutture e cementificazione
Tipo di confitto. Secondo livelloAccaparramento di terre (land grabbing)
Inquinamento legato al trasporto (sversamento, polveri, emissioni)
Reti d'infrastrutture per il trasporto (strade, ferrovie, idrovidie, canali, gasdotti, oleodotti, ecc)
Porti e aeroporti
RisorseServizi di trasporto, costruzione navale
Terra
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

Gli altri hanno una capacità di trasformazione di 160 mila tonnellate di acciaio / anno, 1 milione e 620 mila metri quadrati di terreno. -La area industriale ha coperto 130 mila metri quadrati e un bacino secco lungo 400 metri, 73 metri di larghezza e 12 metri di profondità. -La diga è servita da due portici Goliaths di 1.500 tonnellate / ciascuna, due gru di 50 tonnellate / ciascuna e due di 35 tonnellate / ciascuna. -La dimensione di queste apparecchiature consente una sostanziale riduzione del tempo di costruzione, consentendo di essere parte del team selezionato di piante navali di quattro generazioni, insieme a cantieri navali asiatici, considerati l'avanguardia della costruzione navale mondiale. -La EAS ha anche un molo di finitura lungo 730 metri dotato di due gru da 35 tonnellate.

Area del progetto160 ha.
Tipo di popolazioneSemi-urbana
Popolazione impattata:circa 500 famiglie
Data di inizio del conflitto:2005
Imprese coinvolte (private o pubbliche)Camargo Corrêa S.A from Brazil
Queiroz Galvão from Brazil
Royal Van Oord from Netherlands
Istituzioni internazionali o finanziarieAtradius DSB from Netherlands
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Conselho Pastoral Dos Pescadores (CPP); Fórum Sutape;
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoAlta (diffusa, mobilitazione di massa, arresti e reazione delle forze dell'ordine)
Temporalità del conflittoIn reazione all'implementazione del progetto
Gruppi mobilitati:Contadini
Popoli indigeni
Contadini senza terra
Abitanti (cittadini/comunità rurali)
Gruppi etnici/razziali discriminati
Quilombolas (Marrons)
Pescatori
Forme di mobilitazione:Lavoro di rete/azioni collettive
Occupazione di terre
Azioni legali/giudiziarie
Media-attivismo
Lettere e petizioni di reclamo
Campagne pubbliche di informazione e denuncia
Proteste di strade/manfestazioni
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Perdita di biodiversità, Insicurezza alimentare/danni alle produzioni agricole, Degradazione paesaggistica, Deforestazione/perdita di aree verdi/vegetazione
Potenziale: Riscaldamento globale
Impatti sulla saluteVisibile: Malnutrizione
Impatti socio-economiciVisibile: Aumento della corruzione/cooptazione dei diversi attori, Sgomberi/sfollamenti, Perdità dei mezzi di sussistenza, Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture, Violazione dei diritti umani, Espropri di terra, Deterioramento del paesaggio/perdita del senso del luogo
Risultati
Status attuale del progettoOperativo
Risultato del conflitto/risposta:Criminalizzazione degli attivisti
Delimitazione territoriale
Giudizio in attesa di sentenza
Migrazioni/sfollamenti
Repressione
Rafforzamento della partecipazione
Attacchi violenti ad attivisti
Applicazione della legislazione vigente
Le accuse raggiungono le Nazioni Unite
Sviluppo di proposte alternative:Continua con il sostentamento locale (pesca e agricoltura)
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:NO
Spiegare brevemente il motivoIl progetto è in funzione
Meta informazioni
Ultima modifica29/01/2019
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.