Ultima modifica:
28-04-2021

Bulakati Airstrip Lands (LUKAYA Airfield), Uganda

I residenti che vivono sulla dismessa Bulakati Airstrip stanno protestando la forza di difesa del popolo dell'Uganda (UPDF) si muove per riposssurare la terra. Un leader della lotta dei residenti contro lo sfratto è stato assassinato. È stato proposto un parco industriale in parte della terra.


Descrizione:

Bulakati Airstrip, anche definito come Airfield Lukaya, è un aeroporto in disuso situato nella città di Lukaya. Nel giugno 2008 è stato riferito che l'esercito prevedeva di sfrattare le persone che rivendicava erano "encrorers" sul campo dell'aeroporto di Bulakati. Ssali Kiddu, Presidente del Consiglio di Lukaya, ha dichiarato che le persone colpite non erano ancora state notificate sullo sfratto programmato ed era infelice a causa del futuro incerto degli sviluppi che era emerso da parte della terra, compreso un mercato multi-milione, un parco giochi e un centro sanitario [1]. $% $% Gunmen minacciarono di ucciderlo se non ha consegnato i suoi soldi. Lo picchiano gravemente prima di passare a un'altra casa. I seguenti giorni vittime della RAID hanno dato affermazioni alla polizia, comprese due delle vittime di stupro che non avevano ancora avuto accesso alle cure mediche. Segretario della Difesa nella cellula di Juma, Richard Mujuzi, ha detto che alcuni residenti avevano identificato i ladri come soldati dal distacco dell'esercito di Lukaya. Più di 300 persone hanno preso d'assalto il distaccamento UPFF nella città di Lukaya per protestare contro il raid nel loro villaggio. Chiesero il rilascio dei soldati sospettati dei crimini nelle loro mani. $% $% $% $% $% $% Almeno 90 residenti hanno chiesto un rimborso dalle autorità dopo che non avevano pagato per. I residenti interessati, in possesso di ricevute generali rilasciate dal Consiglio comunale di LUKAYA, completa di firme e sigilli, ha chiesto un rimborso completo di interessi che copre il periodo di sette anni dal momento che il loro denaro è stato raccolto nel 2012 dopo il rilascio di una relazione di audit speciale sulla vendita di la terra. Un residente colpito ha detto che i soldati UPPF gli avevano fermato lo sviluppo sulla terra. Il Consiglio comunale di Lukaya e UPDF sono rimasti coinvolti nella disputa sulla proprietà del terreno e i residenti colpiti che erano stati rilasciati con un avviso di sfratto stavano considerando azioni legali [7]. Nel settembre 2017 sono stati annunciati i piani di governo di utilizzare la terra contestata per un parco industriale. Presidente Museveni, esortando il pubblico a sostenere una legge contenziosa che consente l'acquisizione obbligatoria della terra privata per uso pubblico, ha detto che parte del Bulakati dovrebbe essere utilizzato per un parco industriale in quanto c'era bisogno di città industriali indipendenti. Ha suggerito che una di queste nuove città dovrebbe essere stabilita a Bulakati. Presidente distrettuale distrettuale di Kalungu recentemente eletto Mr Richard Kyabagggu ha detto che l'iniziativa avrebbe portato i benefici di maggiori entrate per i casse distrettuali e creare opportunità di lavoro. Tuttavia, il sig. Joseph Ssewungu, il portavoce del partito democratico del distretto Kalungu West MP e del distretto, ha descritto il parco industriale proposto come un altro "impegno fittizio" al popolo di Kalungu. Ha sottolineato che un parco industriale proposto nella vicina Bukakkata, svelata nel 2015, non era riuscito a materializzarsi. I residenti che occupano il pezzo di terra al Bulakati Airstrip, che era stato supplicato con l'esercito e il governo di non sfittarli per un lungo periodo di tempo, erano ancora spaventati mentre il presidente non ha detto nulla del loro destino. Habitat International Coalition (HIC) ha incluso i dettagli della minaccia dello sfratto forzato dalla terra di Bulakati sul loro sito web [8]. $% La sua carta d'identità del personale è stata trovata nel suo portafoglio. Il suo omicidio ha lasciato i residenti incerti su cosa fare per continuare la loro lotta terrestre, che aveva sostenuto. Il corpo di Tamale era stato scoperto nel villaggio di Nkoni, a pochi chilometri a ovest di Lukaya. Era sopravvissuto da due mogli e nove bambini [9]. $% UPDF possiede solo 180 ettari. Abbiamo bisogno di giustizia ". Il presidente del Consiglio comunale di Lukaya Mr Charles Tamale ha detto che i residenti dovrebbero continuare ad accedere al terreno ", i residenti utilizzano i sentieri sul pista di atterraggio per anni e bloccandoli ora causa sospetto". Maj Flavia Terimulungi, portavoce della brigata meccanizzata a base di Masaka a Kasijjagirwa, ha affermato che la terra contestata apparteneva all'esercito che aveva un distaccamento su di esso. Ha detto: "Coloro che sostengono di possedere la terra non conoscono la sua storia; Stiamo lavorando a stretto contatto con tutte le parti interessate per garantire che tutti gli encrorers lasciano quella terra volontariamente ". Ha avvertito i soldati del distaccamento dell'esercito di Bulakati contro il battito dei residenti sconvolgenti sulla terra, dicendo che tali azioni appannano l'immagine delle forze di difesa. Il ministro dell'Agricoltura e il Kalungu East MP Vincent Ssempijja ha dichiarato che il governo stava cercando investitori a stabilire industrie in parte della terra, ma durante la campagna elettorale generale del 2021 ha detto che la polemica sopra la terra di Bulakati era stata risolta e che i residenti che avevano acquisito i terreni erano liberi per svilupparli. In questo momento aveva detto: "Avevamo diversi incontri con il presidente e i funzionari UPFF e abbiamo concordato che permettiamo a tutti i residenti che hanno invaso questa terra per usarlo mentre l'altra parte rimanente è utilizzata dagli investitori per iniziare un parco industriale" . Presidente della cellula Juma (il villaggio che è stato fatto irruzione il 22 marzo 2011), Me Edward Ssentongo, ha affermato che le persone sarebbero sicure solo della loro sicurezza sulla terra se hanno ricevuto documenti dal governo che redigne la loro locazione [10]. $% E $% &

Informazioni di base
Nome del conflittoBulakati Airstrip Lands (LUKAYA Airfield), Uganda
NazioneUganda
Città e regioneDistretto di Kalungu
Localizzazione del conflittoLUKAYA Town.
Accuratezza della localizzazioneAlta (livello locale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloInfrastrutture e cementificazione
Tipo di confitto. Secondo livelloAccaparramento di terre (land grabbing)
Conflitti legati allo sviluppo urbano
Porti e aeroporti
Installazioni militari
RisorseTerra
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

Bulakati Airfield è stato utilizzato come base di formazione tra il 1969 e il 1979, poi cadde in rovina [5]. Un distacco dell'esercito, Bulackati Army Barracks, è stata fondata sulla terra nel 2009 per proteggere l'Airfield [2]. I piani di utilizzare la terra contestata per un parco industriale sono stati annunciati dal governo nel settembre 2017 [8].

Area del progetto463.43 ettari.
Tipo di popolazioneUrbana
Popolazione impattata:200 residenti possono affrontare lo sfratto
Data di inizio del conflitto:17/06/2008
Attori governativi rilevanti:Uganda People's Defense Force (UPDF)
Consiglio comunale di Lukaya.
LUKAYA Town Board.
Ministero della Difesa
Governo dell'Uganda.
Bordo di terra militare
Brigata corazzata Masaka.
Uganda Land Commission.
Distretto di Kalungu
Bamugireire Land Commission.
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Habitat International Coalition (HIC) http://www.hlrn.org/violation.php?id=p21pak0=#.yigadz_twuk
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoAlta (diffusa, mobilitazione di massa, arresti e reazione delle forze dell'ordine)
Temporalità del conflittoResistenza preventiva (fase di precauzione)
Gruppi mobilitati:Organizzazioni sociali internazionali
Governi locali/partiti politici
Abitanti (cittadini/comunità rurali)
Movimenti sociali
Forme di mobilitazione:Lavoro di rete/azioni collettive
Lettere e petizioni di reclamo
Proteste di strade/manfestazioni
Impatti del progetto
Impatti ambientaliPotenziale: Degradazione paesaggistica, Inquinamento acustico, Riduzione della resilienza ecologica/idrogeologica
Impatti sulla saluteVisibile: Episodi di violenza collegata a effetti nocivi sulla salute fisica e mentale (omicidi, stupri, ecc), Morti
Potenziale: Problemi mentali compresi stress, depressione e suicidi
Impatti socio-economiciVisibile: Aumento della violenza e della criminalità, Militarizzazione e aumento della presenza/controllo militare e forze dell'ordine, Specifici impatti sulle donne, Violazione dei diritti umani
Potenziale: Sgomberi/sfollamenti, Perdità dei mezzi di sussistenza, Espropri di terra, Deterioramento del paesaggio/perdita del senso del luogo, Altro (specificare)
Altro (specificare)Perdita di accesso alle terre dell'aeromobile che vengono utilizzate come sentiero tra la città di Lukaya e diversi villaggi
Risultati
Status attuale del progettoSconosciuto
Risultato del conflitto/risposta:Morti, Omicidi, Assassinii
Repressione
Attacchi violenti ad attivisti
Il 27 marzo 2018 il corpo del sig. Tamal Muhammad, residente dei villaggi di Bulakati e Lusango e leader della lotta dei residenti di Bulakati contro lo sfratto da parte di UPDF, è stato scoperto in un pool di sangue. Secondo i suoi colleghi era stato rapito e poi ucciso.
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:NO
Spiegare brevemente il motivoI residenti che vivono sul Bulakati Airstrip Lands possono affrontare lo sfratto come la forza di difesa del popolo Uganda (UPDF) si è trasferito a rimodellare la terra e un parco industriale in parte della terra è stato proposto. Alcuni dei residenti, spesso indicati dai militari come "encrorers", hanno vissuto in terra dagli anni '70. Le strutture tra cui un centro sanitario, il mercato e un parco giochi sono stati stabiliti su parte della terra e la pista dismessa è utilizzata come un sentiero. I residenti hanno chiesto la rimozione di un distacco dell'esercito costruito sulle terre contese dopo un violento raid sul villaggio delle cellule JUMA nel marzo 2011. Tre donne furono violentate e altre persone sono state picchiate e derubate. I testimoni hanno identificato i soldati UPFF che partecipano al RAID e presunti una copertura dopo una rapida convinzione di un solo soldato.
Meta informazioni
Ultima modifica28/04/2021
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.