Ultima modifica:
03-09-2020

Bumbuna Dam, Sierra Leone

In un territorio ricco di diamanti, oro, ferro, rutilo e bauxite, la diga sta alimentando l'industria mineraria piuttosto che fornire elettricità alla popolazione. L'espressione "quando Bumbuna è completata" diventa per la gente della Sierra Leone un modo per dire "mai".



Questo modulo è stato tradotto per tua comodità utilizzando il software di traduzione fornito da Google Translate. Pertanto, potrebbe contenere errori o discrepanze. In caso di dubbi sull'accuratezza delle informazioni contenute in queste traduzioni, fare riferimento alla versione del caso all'indirizzo: Inglese (Originale)

Descrizione:

In un territorio ricco di diamanti, oro, ferro, rutilo e bauxite, l'ideazione della diga di Bumbuna è stata accompagnata da una serie di promesse fatte dai politici al potere: posti di lavoro per tutti e elettricità libera, turismo e prosperità economica, compensazione monetaria. Tuttavia, l'espressione "quando Bumbuna è completata" diventa per la gente della Sierra Leone un modo per dire "mai" [1, p.15]. Il primo inventario idroelettrico a livello nazionale della Sierra Leone è stato finanziato dall'UNDP nel 1970, che ha identificato 22 potenziali siti. Nel 1982 l'italiano Salini Costructori (noto a livello di Salcost) iniziò i lavori di costruzione per una diga cofinanziata dalla Banca mondiale, dal governo italiano e dalla banca africana di sviluppo.

0 < /Codice> tra il 1995 e il 1997, tuttavia, scoppiò una guerra civile e l'area intorno alla diga era il centro degli scontri tra i vari gruppi armati coinvolti nel conflitto: la diga divenne un obiettivo strategico. I direttori della società di costruzioni, quindi, hanno deciso di assumere truppe mercenarie per proteggere il proprio personale, attrezzature e macchinari [2]. Nel 2002 sono state riprese le opere con la previsione di completamento che si concluderà nel 2007. Dopo le prove e la risoluzione di alcuni problemi tecnici, le turbine da 50 MW della centrale elettrica sono iniziate nel novembre 2009. Da allora, tuttavia, problemi tecnici e polemiche a causa dei frequenti L'interruzione dell'offerta della stazione non è apparsa [2]. Solo una delle due turbine della pianta di 30 anni funzionava e all'epoca circa il cinque percento della popolazione aveva accesso al potere, nonostante le attività di estrazione mineraria erano al solito. Tuttavia, la seconda fase del progetto è prevista per l'aumento dell'offerta da 50 MW a 350 MW entro il 2017 "Bumbuna sarà terminata solo alla fine del mondo", ironicamente cantato il noto cantante Sierra Leone Emerson Bockarie [3]. La sfiducia, il sospetto e la presunzione di corruzione sono diventate la sensazione generale intorno al progetto. Secondo un'indagine intrapresa dalla Banca mondiale, vi era un'opinione diffusa tra gli abitanti del distretto di Tonkolili che le opere per completare la centrale elettrica erano state deliberatamente rallentate dagli stessi costruttori italiani - presumibilmente con l'accordo di alcuni membri corrotti di membri corrotti il governo, per avere più tempo per estrarre segretamente e contrabbandare l'oro e i diamanti trovati durante la costruzione della diga [1]. È anche interessante notare che la popolazione locale era convinta che la diga appartenesse alla stessa società di costruzioni. Quest'ultimo aveva cercato di costruire nel corso degli anni una relazione di "buon vicinanze" con gli abitanti dei villaggi vicino alla diga, facendo doni di vario genere. In questo modo, è stata istituita una relazione paternalistica in cui le comunità locali "stavano implorando il costruttore invece di chiedere i loro diritti, di cui non erano pienamente consapevoli" [2]. Due comunità principali sono state direttamente influenzate dalla costruzione del progetto, protestando contro la costruzione "sconsiderata" della diga e "la mancanza di inclusione delle comunità colpite nel processo decisionale" [1]. Un altro episodio ha sollevato tensioni e sospetti tra i proprietari terrieri lungo il percorso in cui erano stati costruiti i piloni ad alta tensione. Nel 2009, circa 176 case sono state demolite lungo questo percorso. Per motivare questa operazione, le autorità hanno spiegato che c'era un alto rischio per la salute. Ma un giornale satirico locale ha messo in dubbio i motivi scientifici per questa spiegazione, descrivendolo come un mito urbano. Il dubbio era che la ragione medica per demolire la casa potrebbe essere solo una scusa per "disturbare, Harry e terrorizzare altre persone" [2].

Aggiornamento: in Luglio 2020, le rivolte scoppirono a Makeni per la decisione del governo di trasferire un generatore di standby, fornito dalla diga di Bumbuna. Durante una violenta protesta di due giorni, cinque persone sono morte in scontri con la polizia. Un flusso costante di elettricità di Bumbuna non può ancora essere garantito durante la stagione secca. Tuttavia, il Ministero dell'Energia e la distribuzione dell'elettricità e l'autorità di fornitura (EDSA) hanno deciso durante la notte di trasferire il generatore nella città aeroportuale Lungi [4].

Inoltre, Sierra Il Ministero dell'Energia di Leone ha raggiunto un accordo con Joule Africa e vari partner di sviluppo per finanziare e lanciare la costruzione di Bumbuna II [5]. Bumbuna II è costituito da un secondo progetto di diga situato a 32 km a monte di Bumbuna a Yiben, che dovrebbe aggiungere 143 a Bumbuna I. Non è stato ancora condotto uno studio sull'impatto sociale e ambientale.

Per ulteriori informazioni su Bumbuna II, controlla:

https://ejatlas.org/conflitt/bumbuna-ii-dam

Informazioni di base
Nome del conflittoBumbuna Dam, Sierra Leone
NazioneSierra Leone
Città e regioneDistretto di Tonkolili
Localizzazione del conflittoBumbuna
Accuratezza della localizzazioneAlta (livello locale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloGestione dell'acqua
Tipo di confitto. Secondo livelloEsplorazione ed estrazione di minerali
Idroelettrico e conflitti legati alla distribuzione dell'acqua
RisorseAlluminio/Bauxite
Oro
Minerali ferrosi
Elettricità
Acqua
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

Il progetto, situato a circa 350 km da Freetown, è costituito da una diga di Rockfill con una centrale elettrica semi-outdoor, situata sulla riva destra a valle in punta, che ospita due unità di turbina Francis con una capacità installata totale di 50 MW; Due 9 m. dia. tunnel di diversione; Due sfioraggi a forma di campana. [4]

Area del progetto392.000
Livello degli investimenti:1.100.000.000
Tipo di popolazioneRurale
Popolazione impattata:6.146
Imprese coinvolte (private o pubbliche)Salini Impregilo from Italy
Attori governativi rilevanti:Governo italiano (istituto di finanziamento)
Istituzioni internazionali o finanziarieThe World Bank (WB) from United States of America
African Development Bank - Banque Africaine de Développement
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoBassa (attività modesta di organizzazioni locali con scarsa capacità di mobilitazione)
Temporalità del conflittoIn reazione all'implementazione del progetto
Gruppi mobilitati:Movimenti sociali
Scienziati internazionali
Forme di mobilitazione:Elaborazione di documenti indipendenti (es. reports, dossier, note informative)
Canzoni
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Riscaldamento globale, Degradazione paesaggistica, Contaminazione delle acque di superficie e peggioramento della qualità delle acque, Impatti sul sistema idrogeologico, Riduzione della resilienza ecologica/idrogeologica, Sversamenti di residui di lavorazione dei minerali
Potenziale: Perdita di biodiversità, Insicurezza alimentare/danni alle produzioni agricole, Contaminazione dei suoli, Contaminazione delle falde acquifere/riduzione dei bacini idrici
Impatti sulla salutePotenziale: Problemi mentali compresi stress, depressione e suicidi, Episodi di violenza collegata a effetti nocivi sulla salute fisica e mentale (omicidi, stupri, ecc), Problemi di salute pubblica connessi ad alcolismo, prostituzione ecc., Malattie infettive
Impatti socio-economiciVisibile: Aumento della corruzione/cooptazione dei diversi attori, Sgomberi/sfollamenti, Perdità dei mezzi di sussistenza, Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture, Violazione dei diritti umani, Espropri di terra, Deterioramento del paesaggio/perdita del senso del luogo
Potenziale: Aumento della violenza e della criminalità, Mancanza di sicurezza sul lavoro, assenteismo al lavoro, licenziamenti, disoccupazione, Aumento dei problemi sociali (alcolismo, prostituzione,ecc)
Risultati
Status attuale del progettoOperativo
Risultato del conflitto/risposta:Corruzione
Migrazioni/sfollamenti
Repressione
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:NO
Spiegare brevemente il motivoLa diga ha impiegato 30 anni per essere completato e serve le industrie minerarie, mentre la stragrande maggioranza della popolazione della Sierra Leone manca di elettricità
Fonti e materiali
Bibliografia di libri pubblicati, articoli universitari, film o documentari pubblicati

[1] Mazzei, L., Scuppa, G. 2006. The Role of Communication in Large Infrastructure. The Bumbuna Hydroelectric Project in Post-Conflict Sierra Leone. World Bank Working Paper 84. Washington, D.C.: The World Bank

[2] D’Angelo, 2014 Changing Environments, Occult Protests, and Social Memories in Sierra Leone. Social Evolution & History, Vol. 13 No. 2, September 2014 22–56

Government of the Republic of Sierra Leone and World Bank. Bumbuna Hydropower project: Resettlement Action Plan for the reservoir and dam area
[click to view]

[3] Awareness Times. 2008. President Ernest Koroma, Afsatu & Co. Overcome

[4] Politico SL Free Media Group (2020). Christiana Saccoh
[click to view]

[5] Sierra Leone Telegraph. 2020. Abdul Rahsid Thomas
[click to view]

Meta informazioni
Collaboratore:AB - ICTA
Ultima modifica03/09/2020
ID del conflitto:2839
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.