Ultima modifica:
22-12-2018

Zabeleen contro la gestione dei rifiuti aziendali a El Cairo, in Egitto

Il Cairo's Zabeenen mantiene uno dei sistemi di riciclaggio dei rifiuti più efficienti e sostenibili. Dopo che i contratti di gestione dei rifiuti con le multinazionali si sono conclusi nel 2017 i loro mezzi di sostentamento sono migliorati, ma affrontano anche nuove minacce da iniziative private di riciclaggio.



Questo modulo è stato tradotto per tua comodità utilizzando il software di traduzione fornito da Google Translate. Pertanto, potrebbe contenere errori o discrepanze. In caso di dubbi sull'accuratezza delle informazioni contenute in queste traduzioni, fare riferimento alla versione del caso all'indirizzo: Inglese (Originale)

Descrizione:

Lo ZabeLeen del Cairo, che, tradotto liberamente tradotto, significa spazzatura, vivere nella "Città della Garbage" del Cairo, un insediamento di baraccopoli all'interno dell'area metropolitana del Cairo. La baraccopoli è chiamata mokattam. L'insediamento è famigerato per essere coperto di spazzatura, comprese le strade, i tetti e i balconi. La community Zabeen nel villaggio di Mokattam ha una popolazione di circa 20.000 a 30.000, oltre il 90% dei quali sono cristiani copti. ZabeLeen sono i tradizionali collezionisti dei rifiuti del Cairo, originariamente i migranti dell'Alto Egitto, che nel tempo hanno creato uno dei sistemi di recupero delle risorse più efficienti e sostenibili del mondo e dei sistemi di riciclaggio dei rifiuti. Hanno creato nuovi insediamenti che sono stati conosciuti come villaggi di spazzatura o città nella periferia del Cairo e hanno fornito aree residenziali con collezione di rifiuti porta a porta. La raccolta dei rifiuti è iniziata a raccogliere rifiuti organici da alimentare ai loro maiali in cambio di una piccola tassa mensile pagata dai residenti. Mentre in precedenza utilizzavano i carrelli d'asino, oggi usano camion. Come tale, hanno notevolmente migliorato la capacità del Cairo per gestire i suoi rifiuti a costi minimi o sforzi per l'amministrazione della città. Tuttavia, il sistema di sostentamento e gestione dei rifiuti creato da ZabeLeen è attualmente in minaccia. Dal 2003, il Governatorato del Cairo ha attuato una politica di privatizzazione della gestione dei rifiuti solidi municipali attraverso il contratto di società multinazionali, mettere a repentaglio il sostentamento e la sostenibilità delle comunità dei collezionisti della spazzatura, rimuovendo la loro attività economica centrale: rifiuti solidi comunali. Governatorato del Cairo, il più grande in Egitto, affronta significative sfide comunali di gestione dei rifiuti solidi.
Nell'anno 2000, il governo che inizia a privatizzare il sistema di gestione dei rifiuti e l'Interfacci International (spagnolo e italiano) e le società nazionali per la raccolta dei rifiuti. Contratti di 15 anni fino a $ 50 milioni sono stati firmati nel 2002 con quattro società internazionali per fornire servizi integrati di gestione dei rifiuti, compresa la raccolta, il trasferimento e lo smaltimento, nel Cairo e Alessandria. Uno di questi contratti è stato risolto nel 2006 a causa di "questioni contrattuali con il governo". Oltre a queste quattro (ora 3) aziende, anche alcune società private locali e nazionali sono state contratte. Mentre Zabebeen aveva precedentemente riciclato l'80% dei rifiuti che hanno raccolto, queste aziende erano tenute a riciclare il 20%, il cui resto entrerebbe nelle discariche. Lo Zabeleen potrebbe mantenere i loro lavori come lavoratori salariali con queste aziende, e sarebbero anche responsabili della spazzata stradale e del collocamento dei bidoni della spazzatura. La rivendicazione ZabeLeen, tuttavia, che i salari offerti sono meno di quello che hanno usato per rendere in modo indipendente, e che hanno usato il 90% del loro reddito dal riciclaggio piuttosto che dalla tassa di raccolta.
Questi contratti facevano parte di una strategia governativa Per migliorare la gestione dei rifiuti solidi municipali (MSWM) in Egitto, nell'ambito del programma di politica ambientale egiziana (EEPP), il quale è stato quello di migliorare le prestazioni e l'efficienza del SWM. Ai sensi del presente programma, la strategia nazionale per la gestione dei rifiuti solidi municipali integrata (IMSWM) è stata rilasciata dalla MSEA e dalla SEEA nel 2000, che ha portato all'idea di partenariato pubblico-privato per MSWM nelle sue diverse fasi. Alcuni ricercatori hanno collegato piani di privatizzazione per la riforma economica del FMI degli anni '90 e il programma di adeguamento strutturale (ERSAP) che ha applicato le strategie economiche della Banca Mondiale delle imprese di mercato libero, la privatizzazione dei servizi statali (compresa la gestione dei rifiuti) e la riduzione della spesa pubblica eliminando i sussidi per il minimo lezioni.
Inoltre, non ha tenuto conto del fatto che i grandi camion delle aziende non possono entrare nelle stradine del Cairo, che richiedono il collocamento dei contenitori nei punti di raccolta centrale, allo sgomento dei residenti.
I cittadini preferiscono il Sistema Zabeleen con le sue tariffe più economiche. Respingono il piano del governo per pagare tasse extra a società private. In quanto tale ZabeLeen raccoglie ancora rifiuti solidi municipali insieme alle società multinazionali e ai comuni locali, evidenziando la contestazione sui rifiuti solidi municipali del Cairo, dove è considerato come una merce da parte delle aziende e una fonte di sostentamento per lo Zabeen.
La Zabbeleen è tassata Ricevi commissioni più elevate, uniformi, veicoli governativi e programmi di formazione [24].
I chioschi prendono riciclabili come carta, lattine e plastiche e al giorno d'oggi sono possedute e gestite da giovani. Le boli di Nermeen sono una delle persone che gestiscono un tale chiosco; "Ho passato tutti i miei risparmi per stabilire questo chiosco, poi ha affittato un enorme magazzino, insieme a 5 collaboratori, che ora sono aumentati a 14," dice. "Attualmente sto istruindo una società di riciclaggio, dopo che mi ero riuscito a fare partnership con composti residenziali e grandi hotel per raccogliere la spazzatura da loro regolarmente." [32]. Kiosk Boles compra riciclabili ai seguenti prezzi per chilogrammo: carta e cartone per due sterline egiziane ($ 0,10), plastica per quattro ($ 0,22) e lattine per 15 ($ 0,83).
Nell'aprile 2017, Shehata Meqadas ha annunciato che ha pianificato Invia un memo ai funzionari dopo l'incontro con 1500 collezionisti della spazzatura. Nel memo, viene richiesto un nuovo piano per la pulizia della città che include attivamente i collezionisti della spazzatura. Finora, i chioschi sono stati istituiti come mezzo per limitare l'inquinamento e promuovere il riciclaggio senza tenere conto degli individui che hanno guadagnato una vita da riscossione e riciclaggio dei rifiuti [35].
Su scala nazionale, le autorità sembrano speranzosi in la capacità di risolvere il problema dei rifiuti nazionali in combinazione con un aumento della quota nazionale "energetica rinnovabile" [39].

e

Informazioni di base
Nome del conflittoZabeleen contro la gestione dei rifiuti aziendali a El Cairo, in Egitto
NazioneEgitto
Città e regioneGovernatorato del Cairo.
Localizzazione del conflittoCairo
Accuratezza della localizzazioneMedia (livello regionale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloGestione dei rifiuti
Tipo di confitto. Secondo livelloConflitti legati allo sviluppo urbano
Conflitti sulla privatizzazione e la gestione di rifiuti
RisorseRifiuti urbani domestici
Alluminio/Bauxite
Metalli rari
Metalli riciclati
Plastica, carta / cartone
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

"Garbage City" si trova sulla cinghia di povertà del Cairo nell'insediamento Manshiet Nasser situato sull'altopiano inferiore della montagna Muqattam, sulle frange orientali del Cairo. La Comunità è caratterizzata da un'elevata incidenza di epidemie, analfabetismo, cattive condizioni ambientali e bassi redditi ($ 60-75 al mese).

Vedi altro
Tipo di popolazioneSemi-urbana
Popolazione impattata:80.000-150.000.
Data di inizio del conflitto:31/12/2003
Imprese coinvolte (private o pubbliche)Egyptian Company for Garbage Collection (ECGC) from Egypt
URBASER from Spain - Spanish Waste management company
FCC from Spain - Private Spanish waste management company
AMA S.p.A. (ama) from Italy - Italian Waste management company
Emaar from United Arab Emirates - Dubai-based Emaar property development company that proposes developing urban luxury residential gated communities in the neighbourood
Recyco Life - RecycoLife's recycling model conflicts with that of the Zabbaleen, because the start-up purchases waste while the Zabbaleen collect it for free.
Bekia from Egypt - Additional recycling initiative offering competition to the Zabbaleen
Sell Your Garbage (SYG) from Egypt - Some trash for cash kiosks have been met with resistance from both informal Zabbaleen recyclers and private garbage collectors.
Attori governativi rilevanti:Ministero dello Stato per gli affari ambientali (MSEA)
Agenzia per gli affari ambientali egiziani (EEAA)
L'autorità del Cairo detergente e abbellimento (CCBA)
Governatorato del Cairo.
Ministero delle abitazioni, Utilità e comunità urbane (MHUUC)
Organizzazione generale per la pianificazione fisica (GOPP)
Ministero dello sviluppo locale (Mold)
Ministero delle finanze (mof)
Istituzioni internazionali o finanziarie International Finance Corporation (of World Bank) (IFC)
German Development Bank KfW (KfW) from Germany
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Associazione per la protezione dell'ambiente (APE)
Sviluppo della comunità e istituzionale (CID)
Internazione di qualità dell'ambiente (EQI)
Azienda di protezione ambientale (EPC)
Spirito della gioventù (soia)
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoMedia (proteste, mobilitazione visibile)
Temporalità del conflittoIn reazione all'implementazione del progetto
Gruppi mobilitati:Contadini
Popoli indigeni
Lavoratori industriali
Lavoratori informali
Organizzazioni sociali locali
Contadini senza terra
Abitanti (cittadini/comunità rurali)
Pastori
Sindacati
Operatori dei rifiuti, del riuso e riciclo
Organizzazioni/comitati di donne
Gruppi etnici/razziali discriminati
Utenti a scopo ricreativo
Scienziati / professionisti locali
Gruppi religiosi
Lo Zabeleen è cristiani copti
Forme di mobilitazione:Azioni artistico-creative (es. teatro guerilla, murales)
Ricerca partecipativa (es. epidemiologia popolare)
Coinvolgimento delle ONG nazionali e internazionali
Presentazione osservazioni alla VIA/AIA
Campagne pubbliche di informazione e denuncia
Azionariato critico
Proteste di strade/manfestazioni
Scioperi della fame
Impatti del progetto
Impatti ambientaliPotenziale: Riscaldamento globale, Contaminazione dei suoli, Fuoriuscite di contaminanti
Impatti sulla salutePotenziale: Malattie infettive
Impatti socio-economiciPotenziale: Perdità dei mezzi di sussistenza, Mancanza di sicurezza sul lavoro, assenteismo al lavoro, licenziamenti, disoccupazione, Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture, Espropri di terra
Risultati
Status attuale del progettoIn costruzione
Risultato del conflitto/risposta:Applicazione della legislazione vigente
Sviluppo di proposte alternative:Un membro della consulenza CID ha proposto di integrare lo ZabeLeen nei contratti delle società internazionali. Suggerisce che le stazioni di trasferimento possono essere stabilite dove il MSW non organico può essere ordinato e inviato a commercianti esistenti. Lo ZabeLeen può continuare a raccogliere la velocità su base porta a porta e continuare il riciclaggio e passare solo i rifiuti residui alle aziende. Inoltre, possono ricevere rifiuti inorganici da queste società come input per il business del riciclaggio e ottenere contratti per tipi specifici di rifiuti direttamente dai generatori di rifiuti, come la carta dei negozi di stampa, ecc. Inoltre raccomanda l'istituzione di una piccola comunità Impianti di compostaggioBased. Inoltre, la loro rete di trading nationwide può essere collegata al settore formale della gestione dei rifiuti solidi, rendendo così il sistema reciprocamente vantaggioso per entrambi i lati.
Ezzat Naem Gendy, presidente del sindacato del Garbage Collector, propone che un sistema ideale sarebbe quello di dividere il Cairo in diverse aree, supervisionato dalle società di raccolta locali. Ciò contribuirebbe a localizzare gli sforzi all'interno di ciascuna area per la gestione dei rifiuti e aggirando la negligenza mostrata da importanti società che tendono a sottoperformare.
Secondo il Dr. Leila Iskandar, presidente della consulenza cid, lavorando a pieno titolo, lo Zabeleen sarà in grado di coprire lo spreco di due terzi del Cairo. Ora hanno formato circa 32 aziende per consentire al governo di fornire loro contratti invece di società più grandi (dati del 2012). Entro il 2019, circa 120 società Zabeen sono state stabilite e sono contratte dal governo [24].
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:Incerto
Spiegare brevemente il motivoUn importo significativo di ZabeLeen ha ricevuto opportunità di occupazione formale sia nel settore del riciclaggio che nel settore del riciclaggio (lavori patch e tessitura), forniti da entrambe le organizzazioni governative e da ONG. Ma ZabeLeen che non ha ancora ottenuto l'opportunità di farlo, o preferire rimanere informali perché guadagnano un reddito più elevato sono ancora di fronte a minacce da varie iniziative di trash-for-Cash in Cairo.
Fonti e materiali
Leggi e normative correlate - fonti legislative e testi giuridici

Egypt does not have an integrated MSWM law. Rather, the legal framework is scattered in many bylaws and regulation: The most significant pieces of legislation are:

- Law # 38/ 1967

- Law # 31/ 1976

- Law # 4/ 1994

- Law # 10/ 2005

- The Prime Minister Decree #1741/ 2005

- Law # 9/ 2009

The Presidential Decree # 86/ 2010

Bibliografia di libri pubblicati, articoli universitari, film o documentari pubblicati

[1] Municipal Solid Waste Management in Egypt - Focus on Cairo (04/2012)
[click to view]

[2] Towards Sustainable Management of Solid Waste in Egypt
[click to view]

[2] Towards Sustainable Management of Solid Waste in Egypt
[click to view]

[4] Cairo’s Contested Garbage: Sustainable Solid Waste Management and the Zabaleen’s Right to the City
[click to view]

[4] Cairo’s Contested Garbage: Sustainable Solid Waste Management and the Zabaleen’s Right to the City (2010)
[click to view]

[5] Cairo’s Contested Garbage: Sustainable Solid Waste Management and the Zabaleen’s Right to the City (2004)
[click to view]

[22] Zabbaleen: Trash Town (05/2016)
[click to view]

[23] Garbage Dreams: A documentary about the Zabbaleen (04/2009)
[click to view]

5] Cairo’s Contested Garbage: Sustainable Solid Waste Management and the Zabaleen’s Right to the City (2004)
[click to view]

[7] Waste not: Egypt's refuse collectors regain role at heart of Cairo society
[click to view]

[7] Waste not: Egypt's refuse collectors regain role at heart of Cairo society (03/2014)
[click to view]

[8] President’s controversial waste collection programme becomes institutionalised
[click to view]

[9] Despite a new regime, Cairo’s garbage collectors face the same hardships (02/2013)
[click to view]

[21] Cairo Municipal Solid Waste Management Project : Project Information Document (Concept Stage) (12/2014)
[click to view]

[24] The “Garbage People”: The Faces of Cairo’s Trash System (04/2019)
[click to view]

[25] Spirit of Youth: Empowering the Zabaleen through education and integration into the formal Waste Management sector of Cairo
[click to view]

[25] Spirit of Youth: Empowering the Zabaleen through education and integration into the formal Waste Management sector of Cairo (Date unknown)
[click to view]

[36] Egypt Set to Clean Streets by Imposing Garbage Fine (04/2018)
[click to view]

[39] Waste-to-Energy for a Sustainable Future in Egypt (06/2018)
[click to view]

President’s controversial waste collection programme becomes institutionalised
[click to view]

Media correlati - links a video, campagne, social networks

[22] Zabbaleen: Trash Town (05/2016)
[click to view]

[23] Garbage Dreams: A documentary about the Zabbaleen (04/2009)
[click to view]

Altri commenti:Disclaimer: l'introduzione, in questo caso, si basa sulle informazioni fino all'inizio del 2018. I riferimenti a questa parte del caso sono quelli numerati da [1] - [21] alla fine del caso. Nella seconda parte del caso alcuni aggiornamenti vengono forniti sulla situazione dopo il 2017. Questo è quando vari contratti con le multinazionali riguardanti la gestione dei rifiuti dell'Egitto (e specificamente il Cairo) sono terminate.
Meta informazioni
Collaboratore:Catherine Moughalian, Asfari Institute, AUB and Chandni Dwarkasing - EnvJustice ICTA-UAB
Ultima modifica22/12/2018
ID del conflitto:2695
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.