Ultima modifica:
12-03-2019

Complesso minerario-metallurgico a Corumbá, Mato Grosso do Sul, Brasile

Il tentativo di istituire un palo minerario-metalurgico a Corumbá ha aumentato la deforestazione per il carbone di legna, che influisce sulle comunità indigene. Il fallimento del complesso ha ridotto l'estrazione del carbone di carbone, ma non l'estrazione mineraria e il suo impatto alle comunità locali.


Descrizione:

La regione di Corumba e Ladario, situata nel Bioma Pantanal (zone umide brasiliane) di Mato Grosso do Sul, ha la terza riserva più grande di minerale di ferro in Brasile. Il principale minerale di ferro della regione è il Morro do Urucum. Si stima che la montagna contiene 30 miliardi di tonnellate di jaspilite e 890 milioni di tonnellate di terreno colluviale. $% $% Complesso minerario-metallurgico sui popoli indigeni, organizzazioni ambientali e organizzazioni di supporto delle comunità tradizionali sono state attive nel conflitto. Dal 2008, l'Organizzazione Ecologia E Ação (ECOA), il Gruppo di ricerca Articulação Mineração e Siderúrgia di Rede Brasileira de Justiça Ambiental (AMS-RBJA) e alcune delle Comunità si sono riunite per scambiare informazioni sui problemi locali e sulle strategie della lotta. Come risultato di una vasta mobilitazione locale e nazionale, le organizzazioni di giustizia ambientale sono riuscite a stabilire una piattaforma per il dialogo con le società al fine di minimizzare gli impatti dell'attività. Come risultato di questa piattaforma, le aziende hanno finanziato il completamento di una valutazione ambientale strategica (mare) del polo industriale minerario di Corumbá che ha guardato le loro influenze sul bioma Pantanal. Questo studio è stato condotto da ricercatori presso la Universidade federale do Rio de Janeiro (UFRJ) e ha sottolineato una serie di impatti sugli ecosistemi e le comunità e gli scenari futuri simulati per la regione, indicando anche misure per la loro mitigazione e monitoraggio [5, 7]. $% & $% & Nel 2008 e 2009, il crescente polo minerario-metallurgico di Corumbá ha attraversato un periodo di ristrutturazione derivato dalla crisi economica e dallo scenario macroeconomico internazionale negativo, che ha ridotto la domanda internazionale di materie prime. Nel 2009, Vale ha acquisito le operazioni di minerale di ferro appartenente a Rio Tinto e MMX ha venduto la sua impianti di acciaio al gruppo vettoriale, mantenendo solo le operazioni della miniera di minerale di ferro - che è stata anche sospesa più di una volta [8, 9, 3]. A differenza di Rio Tinto, Vale non aveva intenzione di investire nell'industria siderurgica della regione, ma piuttosto previste in espansione delle sue operazioni di minerale di ferro. Oltre alla miniera di Morraria de Santa Cruz (conosciuta anche come Mining di Corumbaense Reunida) acquisita da Rio Tinto, Vale ha anche prodotto anche il minerale di ferro e il minerale di manganese a Corumbá, entrambi estratti dalla stessa miniera di Urucum dal 1981 [10, 11]. $ % E $% e con la ristrutturazione del complesso ferro e dell'acciaio nel 2008-09, il minerario di minerale di ferro è stato intensificato, mentre lo sviluppo di un polo d'acciaio e anche la domanda di carbone perduto. Tra il 2007 e il 2009, di fronte a tali trasformazioni combinate con un'intensa ispezione della deforestazione da parte di Ibama, la produzione di carbone è stata ridotta di oltre il 70% [14]. Da allora, i conflitti principali generati da minerarie a Corumbá sono conflitti sull'acqua che, in ogni caso, erano già importanti prima di questo processo di ristrutturazione - principalmente perché il flusso decrescente dell'acqua dai flussi e dalla contaminazione dei fiumi [13, 4, 16]. La riduzione dell'acqua dei flussi e del peggioramento della qualità dell'acqua influenza l'approvvigionamento idrico di varie comunità. Nella tradizionale comunità di Antônio Maria Coelho, la popolazione è venuta a dipendere dalla fornitura di camion aquiloni contratti dalla società mineraria Vale. Nel 2014 la Comunità ha deciso di sopportare tutti i costi per la costruzione di un sistema di approvvigionamento idrico, anche senza alcun aiuto finanziario delle compagnie minerarie [15]. $% E $% &

Informazioni di base
Nome del conflittoComplesso minerario-metallurgico a Corumbá, Mato Grosso do Sul, Brasile
NazioneBrasile
Città e regioneMato Grosso do Sul
Localizzazione del conflittoCorumbá e ladário.
Accuratezza della localizzazioneMedia (livello regionale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloEstrazione mineraria e cave
Tipo di confitto. Secondo livelloEsplorazione ed estrazione di minerali
Deforestazione
Lavorazione di minerali
RisorseMinerali ferrosi
Cemento
Carbone vegetale
Acciaio
Manganese.
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

Le seguenti società operano o gestite a Corumbá: i) Corumba Minercao Ltda (Comin), compagnia mineraria di ferro collegata a Vetiral Steel Group, che estrasse circa 432.000 tonnellate / anno nel 2007, una parte significativa del minerale estratto viene inviato al maiale di ferro Pianta di Ribas Do Rio Pardo; II) MINERAÇÃO E Metallicos Do Brasil LTDA (MMX) ha il potenziale per estrarre da 2,6 milioni di tonnellate / anno di minerale di ferro. Nel 2007, la sua unità di acciaio ha iniziato a operare, con una capacità di 375.000 T / anno di ferro da maiale e 400.000 tonnellate / anno di laminati, ma è stato venduto nel 2009; iii) Mineracao Piramide Partecipacioes (MPP) ha avuto una miniera sperimentale che ha annunciato la produzione di 180.000 tonnellate nel 2007, raggiungendo 1.440.000 tonnellate / anno; III) Mineração Corumbaense Reunida (MCR) è stata una società del multinazionale Rio Tinto - con la produzione di 3 milioni di tonnellate nel 2007 e consentito da Ibama di esplorare fino a 6 milioni di tonnellate / anno - che è stato venduto a Vale nel 2009; IV) Vale, oltre al minore del MCR, controlla il Urucum Mineracao (UMSA), che producono circa 2.500.000 tonnellate / anno di minerale di ferro e 800.000 tonnellate di minerale di manganese, oltre a ferro-leghe basate sul manganese V) Companhia Cimento Portland Itau, Ha un sistema che integra una miniera a un impianto di cemento di Grupo votorianim Cimentos, con la produzione di calcare di 550.000 tonnellate / anno e fabbrica di cemento, 330.000 tonnellate / anno di clinker e 380.0000 T / YR di cemento. Tutte le aziende esportano il prodotto finale, sia sotto forma di minerale di ferro, manganese, ferro da maiale, laminato a caldo, lega, clinker o cemento [5, 9, 10].

Area del progetto118.000.
Tipo di popolazioneRurale
Data di inizio del conflitto:2000
Imprese coinvolte (private o pubbliche)Mineracao e Metalicos do Brazil Ltda (MMX) from Brazil
Corumba Mineracao Ltda (COMIN) from Brazil
Mineracao Piramide Participacioes (MPP) from Brazil
Mineracao Corumbaense Reunida (MCR) from Brazil
Rio Tinto (Rio Tinto ) from United Kingdom
Vale (Vale) from Brazil - formerly named Companhia Vale do Rio Doce
Urucum Mineracao (UMSA) from Brazil
Rio Doce Mineracao (RDM) from Brazil
Companhia Cimento Portland Itau from Brazil
Grupo Votorantim Cimentos from Brazil
Attori governativi rilevanti:Istituto Brasileiro de Meio Ambiente e Recursos Naturais Renovaveis - Ibama, Polícia Federal, Ministerio PUBINO Do Trabalho, Departamento Nacional de Producao Mineral
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Associatao Civil Ecologia e Acao (ECOA), Rede Brasileira de Jousica Ambiental (RBJA)
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoMedia (proteste, mobilitazione visibile)
Temporalità del conflittoMobilitazioni dopo gli impatti
Gruppi mobilitati:Contadini
Popoli indigeni
Lavoratori industriali
Organizzazioni sociali locali
Abitanti (cittadini/comunità rurali)
Scienziati / professionisti locali
Forme di mobilitazione:Ricerca partecipativa (es. epidemiologia popolare)
Elaborazione di documenti indipendenti (es. reports, dossier, note informative)
Lavoro di rete/azioni collettive
Sviluppo di proposte alternative
Coinvolgimento delle ONG nazionali e internazionali
Azioni legali/giudiziarie
Presentazione osservazioni alla VIA/AIA
Referendum e altre consultazioni popolari
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Inquinamento atmosferico, Perdita di biodiversità, Contaminazione dei suoli, Erosione, Deforestazione/perdita di aree verdi/vegetazione, Contaminazione delle falde acquifere/riduzione dei bacini idrici, Contaminazione delle acque di superficie e peggioramento della qualità delle acque
Potenziale: Insicurezza alimentare/danni alle produzioni agricole, Riscaldamento globale, Sversamenti di residui di lavorazione dei minerali
Impatti sulla saluteVisibile: Incidenti/infortuni, Malattie professionali e incidenti sul lavoro, Morti
Potenziale: Malnutrizione, Problemi di salute pubblica connessi ad alcolismo, prostituzione ecc.
Impatti socio-economiciVisibile: Mancanza di sicurezza sul lavoro, assenteismo al lavoro, licenziamenti, disoccupazione
Potenziale: Aumento della corruzione/cooptazione dei diversi attori, Aumento della violenza e della criminalità, Perdità dei mezzi di sussistenza
Risultati
Status attuale del progettoOperativo
Risultato del conflitto/risposta:Rafforzamento della partecipazione
Soluzione tecniche per migliorare erogazione/qualità/distribuzione delle risorse
Nuove valutazioni d'impatto ambientali e altri studi
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:NO
Spiegare brevemente il motivoI problemi derivanti dall'estrazione del carbone di carbone sono stati ridotti con la crisi di ferro e complessa in acciaio, ma i problemi derivanti dal crescente mining persistono.
Meta informazioni
Ultima modifica12/03/2019
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.