Ultima modifica:
23-01-2017

Didipio Gold e Copper Mine, Nueva Vizcaya, Filippine

Lo sviluppo minerario aggressivo nelle Filippine: la miniera di oro di didipio e rame, di proprietà di Oceanagold Corporation, ha causato grandi violazioni dei diritti umani e distruzione ambientale.



Questo modulo è stato tradotto per tua comodità utilizzando il software di traduzione fornito da Google Translate. Pertanto, potrebbe contenere errori o discrepanze. In caso di dubbi sull'accuratezza delle informazioni contenute in queste traduzioni, fare riferimento alla versione del caso all'indirizzo: Inglese (Originale)

Descrizione:

La miniera di Oceana Gold e Copper, situata a Barangay Didipio, Nueva Vizcaya, è stato il primo progetto minerario assegnato un accordo di assistenza tecnica finanziaria (FTAA) dal governo filippino, consentendo alla società di gestire esplorazioni minerarie al 100%, possesso da straniero da straniero Investor Oceanagold Corporation [1]. La miniera si trova in un'area in cui la maggior parte delle persone è indigena. [3]. È diventato un sito molto contestato a causa di grandi lamentele sulle violazioni dei diritti umani e sulla distruzione ambientale [2; 3; 4]. È stato presunto la società che abbia ottenuto un consenso informato prima (FPIC) gratuito delle comunità colpite creando un "Consiglio degli anziani" composto da persone che non appartenevano alle comunità colpite o hanno ricevuto premi in cambio del loro consenso [5 ]. Premiato con l'FTAA negli anni '90, la società ha avviato l'attuazione del progetto dal 2000. Le petizioni formali contro l'FTAA sono state presentate nel 2006 ma respinte [3]. Il 2 ottobre 2009, è stato riferito che la società ha sfrattato con forza i villaggi locali senza previo consenso, ha fatto demolire e bruciare 187 case, assistite da forze di sicurezza private, usando lacrime e violenza contro abitanti del villaggio e vicini che hanno resistito a lasciare [3]. In relazione alla tensione che circonda la miniera, Kalikasan ha riferito che nel dicembre 2012 due oppositori di miniera su larga scala; Entrambi i membri dell'Associazione multiuso di Didipio Earthsavers (Desama), sono stati uccisi da aggressori non identificati a Didipio, Nueva Vizcaya [8]. Cheryl Ananayo, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco insieme a suo cugino Randy Nabayay mentre stavano guidando a Didipio alle 18:00 del 7 dicembre 2012. Desama è un'organizzazione popolare contraria all'attuazione in corso del Didipio Gold di 17.626 ettari Progetto di rame di proprietà dell'Australian su larga scala Oceanagold Corporation. Nabayay era un minatore su piccola scala che aveva differenze con Oceanagold sulla sua proprietà. Ananayo era con il suo bambino di 4 anni e portava il suo bambino di 3 mesi, entrambi incolumi. [8].

La Commissione per i diritti umani (CHR) di Le Filippine hanno esortato il governo a ritirare l'FTAA a causa di grandi prove di violazioni dei diritti [2; 3]. Tuttavia, il governo apparentemente si schierava con la società, che affermava di fare "mining etico, responsabile e sostenibile" [2]. La costruzione è stata completata nel 2012 e la produzione commerciale è iniziata il 1 ° aprile 2013 [1]. Da quando è iniziata la produzione, è stata registrata una crescente contaminazione dei fiumi da parte dei metalli pesanti, superando significativamente i limiti di sicurezza standard, pertanto, influenzando fortemente l'ambiente e il sostentamento delle comunità locali [4]. Le persone che vivono accanto al fiume, così come a valle, sono preoccupate per il calo delle scorte di pesci e dell'irrigazione dei campi agricoli vicini [4]. L'aumento del rumore e dell'inquinamento atmosferico si aggiunge alla situazione, mentre la società è stata ulteriormente accusata di evitare pagamenti fiscali [6]. Al giorno d'oggi, petizioni e proteste contro la miniera di Didipio, prendendo di mira la società e il Dipartimento dell'ambiente e delle risorse naturali (DENR) che emette i permessi, continuano. A livello nazionale, la miniera di Oceanagold è una delle tante miniere, causando gravi tensioni tra gli interessi aziendali alla ricerca di nuove frontiere delle materie prime e comunità indigene, con l'obiettivo di preservare le loro identità, opporsi a queste tendenze che chiamano "aggressività dello sviluppo" [5].

***** Questo testo è stato aggiornato il 1 ottobre 2016.

un precedente La versione non ha dichiarato che la miniera si trovasse su terreni di bugkalot ancestrali. In effetti, l'area è stata abitata da molti indigeni a cui la terra è stata una parte cruciale del loro sostentamento e dell'identità. Tuttavia, provenivano originariamente da altri luoghi per i quali non possono rivendicare formalmente il dominio ancestrale su Dipdio. Informazioni recuperate da: [3]

Informazioni di base
Nome del conflittoDidipio Gold e Copper Mine, Nueva Vizcaya, Filippine
NazioneFilippine
Città e regioneNueva Vizcaya e Quirino, Luzon
Localizzazione del conflittoBarangay Didipio, 270 km a nord di Manila
Accuratezza della localizzazioneAlta (livello locale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloEstrazione mineraria e cave
Tipo di confitto. Secondo livelloEsplorazione ed estrazione di minerali
Scarti / rifiuti da attività minerarie
RisorseTerra
Rame
Oro
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

L'autorizzazione mineraria si svolge ai sensi di un accordo di assistenza tecnica finanziaria (FTAA). L'FTAA è stato ottenuto per la prima volta da Climax Arimco Mining Corporation il 24 giugno 1994, che in seguito, dopo le fusioni con altre società, divenne Oceana Gold Philippines Inc., una consociata della Australian Oceanagold Corporation [1; 3]. Ai sensi dell'FTAA, la società può essere posseduta al 100% da una società straniera, che ha inoltre un periodo fino a 5 anni per recuperare tutte le spese di pre-operazione. Successivamente, il governo ha diritto al 60% dei ricavi netti [1]. Oceanagold Corporation è la prima società che ha ricevuto un tale accordo FTAA.

Vedi altro
Area del progetto12.900
Livello degli investimenti:320.000.000
Tipo di popolazioneRurale
Popolazione impattata:almeno 200 famiglie
Data di inizio del conflitto:24/06/1994
Imprese coinvolte (private o pubbliche)Climax Arimco Mining Corporation (CAMC) from Philippines - mining
Oceana Gold Philippines Inc. from Australia - mining, gold, copper
Oceana Gold Corp from Australia
Trafigura (trading and logistics) from Netherlands
Attori governativi rilevanti:Dipartimento dell'ambiente e delle risorse naturali; Bureau di miniere e geoscienze
Istituzioni internazionali o finanziarieANZ Bank New Zealand Limited (ANZ) from New Zealand - banking
HSBC Bank Australia Limited (banking) from Australia - banking
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Associazione multiuso di Didipio Earth-Savers (Desama);
Alyansa Tigil Mina (ATM);
Kalikasan People's Network for the Environment (Kalikasan-PNE); Agham (sostenitori della scienza e della tecnologia per le persone); Alleanza provinciale Alyansa ng Nagkakaisang Novo Vizcayano Para Sa Kalikasan (Annvik); Kalipunan ng katubong mamamayan ng pilipinas (kamp); Komisyon ng Karapatang Pantao ng Pilipinas (Commissione per i diritti umani delle Filippine); Azione per la pace e lo sviluppo nelle Filippine;
Franciscans International (FI);
Europe Third World Center (CETIM);
FUNDACION DE ESTUDIOS PARA LA APLICACION DEL DERECHO (FESPAD) e altri
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoAlta (diffusa, mobilitazione di massa, arresti e reazione delle forze dell'ordine)
Temporalità del conflittoResistenza preventiva (fase di precauzione)
Gruppi mobilitati:Minatori
Contadini
Popoli indigeni
Organizzazioni sociali locali
Abitanti (cittadini/comunità rurali)
Gruppi etnici/razziali discriminati
Scienziati / professionisti locali
Bugkalot Community indigena
Pescatori
Forme di mobilitazione:Elaborazione di documenti indipendenti (es. reports, dossier, note informative)
Lavoro di rete/azioni collettive
Coinvolgimento delle ONG nazionali e internazionali
Azioni legali/giudiziarie
Lettere e petizioni di reclamo
Campagne pubbliche di informazione e denuncia
Proteste di strade/manfestazioni
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Inquinamento atmosferico, Perdita di biodiversità, Insicurezza alimentare/danni alle produzioni agricole, Degradazione paesaggistica, Inquinamento acustico, Contaminazione dei suoli, Fuoriuscite di contaminanti, Deforestazione/perdita di aree verdi/vegetazione, Contaminazione delle acque di superficie e peggioramento della qualità delle acque, Contaminazione delle falde acquifere/riduzione dei bacini idrici, Sversamenti di residui di lavorazione dei minerali
Potenziale: Erosione
Impatti sulla saluteVisibile: Problemi mentali compresi stress, depressione e suicidi, Episodi di violenza collegata a effetti nocivi sulla salute fisica e mentale (omicidi, stupri, ecc)
Potenziale: Problemi di salute pubblica connessi ad alcolismo, prostituzione ecc.
Impatti socio-economiciVisibile: Sgomberi/sfollamenti, Aumento della violenza e della criminalità, Perdità dei mezzi di sussistenza, Violazione dei diritti umani, Espropri di terra, Deterioramento del paesaggio/perdita del senso del luogo
Potenziale: Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture, Militarizzazione e aumento della presenza/controllo militare e forze dell'ordine, Aumento dei problemi sociali (alcolismo, prostituzione,ecc), Specifici impatti sulle donne
Risultati
Status attuale del progettoOperativo
Risultato del conflitto/risposta:Morti, Omicidi, Assassinii
Sentenze sfavorevoli alla giustizia ambientale
Migrazioni/sfollamenti
Repressione
Rafforzamento della partecipazione
Attacchi violenti ad attivisti
Applicazione della legislazione vigente
Uccisione di Cheryl Ananayo, membro del gruppo anti-mining Desama e suo cugino Randy Nabayay
Sviluppo di proposte alternative:I gruppi locali vogliono fermare il progetto minerario.
Sulla base di una valutazione delle lorde violazioni dei diritti umani, la Commissione per i diritti umani (CHR) nelle Filippine ha invitato a fermare l'accordo FTAA; Tuttavia, il governo non lo ha fatto.
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:NO
Spiegare brevemente il motivoIl progetto continua.
Fonti e materiali
Leggi e normative correlate - fonti legislative e testi giuridici

Executive Order No. 79 (July 2012) Institutionalizing And Implementing Reforms In The Philippine Mining Sector Providing Policies And Guidelines To Ensure Environmental Protection And Responsible Mining In The Utilization Of Mineral Resources
[click to view]

Philippine Mining Act of 1995
[click to view]

The Indigenous Peoples’ Rights Act of 1997 (IPRA)
[click to view]

Bibliografia di libri pubblicati, articoli universitari, film o documentari pubblicati

[3] Resolution of the displacement complaint of residents of Didipio, Kasibu, Nueva Vizcaya.
[click to view]

[5] William Holden, Kathleen Nadeau and R. Daniel Jacobson 2011. Exemplifying Accumulation By Dispossession: Mining And Indigenous Peoples In The Philippines. Geografiska Annaler: Series B
[click to view]

[1] OceanaGold Corporation Company website (accessed 16/03/2015)
[click to view]

[2] GMANEWS online (7/3/2011): "Despite CHR protest, NZ-based miner to bankroll Didipio copper project" (accessed 16/03/2015)
[click to view]

[4] PIPLINKS (18/9/2014): "Philippine environmentalists, indigenous people protest OceanaGold mine for ‘deception, displacement, and destruction’" (accessed 16/03/2015)
[click to view]

[6] Philstar article (17/7/2013): "OceanaGold in Nueva Vizcaya shut down" (accessed 16/03/2015)
[click to view]

[7] Center for Environmental Concerns article (17/12/2014) on the case. (accessed 16/03/2015)
[click to view]

[8] GMANEWS online (29/8/2008): "Lender asked to withdraw funding for gold mine" (accessed 16/03/2015)
[click to view]

[8] KALIKASAN online (08/12/2012) Another mother, anti-mining activist killed days before Human Rights Day. (accessed 13/04/2015)
[click to view]

Media correlati - links a video, campagne, social networks

Protests outside the mine
[click to view]

News report on the case
[click to view]

Altri tipi di documenti

Oxfam Mining Ombudsman - Full report 2003
[click to view]

Resolution of the displacement complaints by the Comission on Human Rights in the Philippines
[click to view]

Philippine groups express solidarity to people of El Salvador in fight against mining giant Oceana Gold/Pacific Rim Mining Corporation
[click to view]

Human Rights Situation in Australia - With focus on the Government of Australia’s responsibility toward the human rights violation committed by Australian corporations
[click to view]

Meta informazioni
Ultima modifica23/01/2017
ID del conflitto:1878
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.