Ultima modifica:
21-09-2019

Dislocamento della comunità rom a causa della riforestazione a Lozenetz, Stara Zagora, Bulgaria

Roma sfrattata a causa del progetto di imboschimento che non ha mai avuto luogo, nel quartiere Lozenetz nella città di Stara Zagora. Hanno un sostegno da altri Rom nel distretto di Fakulteta a Sofia.


Descrizione:

L'amministrazione della città di Stara Zagora ha istituito un piano per lo sfratto di massa di tutti gli insediamenti Rom nel trimestre di Lozenetz a causa di una riforestazione dell'area nel periodo 2014-2016 [1] [2]. Il piano è iniziato con la demolizione di oltre 50 case Rom nel luglio 2014. Due anni dopo (2016), il terreno non era stato riportato [1] $% Roma case nel quartiere Lozenetz e la riforestazione dell'area [1]. La costruzione effettiva di imbarco cattolico è emerso comunque [1] [2]. $% $% $% Due manifestanti sono stati arrestati e autorità addestranti addebitati a costi contro di loro [4]. Inoltre, il distretto di Roma Fakulteta nella città di Sofia era a sostegno degli abitanti del distretto di Lozenets a Stara Zagora, le cui case illegali sono state demolite. I treni dei treni sono stati bloccati sulla strada a causa della protesta [3]. $% E "La creazione di senzatetto non affronta problemi sociali, li crea. Il comportamento irresponsabile dello Stato porterà a maggiori giudizi contro la Bulgaria e a lungo termine avrà gravi conseguenze per tutta la società", ha detto il Comitato Bulgaro Helsinki un comunicato stampa [4]. $% E $% &

Informazioni di base
Nome del conflittoDislocamento della comunità rom a causa della riforestazione a Lozenetz, Stara Zagora, Bulgaria
NazioneBulgaria
Città e regioneStara Zagora.
Localizzazione del conflittoStara Zagora, Tinter Lozenetz
Accuratezza della localizzazioneAlta (livello locale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloInfrastrutture e cementificazione
Tipo di confitto. Secondo livelloConflitti legati allo sviluppo urbano
RisorseTerra
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

Nel 2016 le azioni e le decisioni relative alla demolizione dell'alloggiamento e il trasferimento delle famiglie Rom a causa di una riforestazione di un'area che non ha mai avuto luogo. Allo stesso tempo i rom non sono stati inclusi nel piano urbano "verde". Invece, i Rom sono stati espulsi dal quartiere e hanno affrontato il rischio di vivere per le strade [1].

Vedi altro
Area del progetto80.
Tipo di popolazioneSemi-urbana
Popolazione impattata:400.
Data di inizio del conflitto:01/01/2014
Attori governativi rilevanti:Governo bulgaro. Il sindaco di Stara Zagora.
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Engagement locale per Roma Inclusion (Leri) (basata su micro-crediti) https://fra.europa.eu/en/project/2013/mul-annual-Roma-Programme/Local-egagement
Mondo senza confini https://www.ngo.sviatbezgranici.org/
La commissione bulgara di Helsinki https://www.bghelsinki.org/en/
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoBassa (attività modesta di organizzazioni locali con scarsa capacità di mobilitazione)
Temporalità del conflittoIn reazione all'implementazione del progetto
Gruppi mobilitati:Organizzazioni sociali internazionali
Organizzazioni sociali locali
Abitanti (cittadini/comunità rurali)
Gruppi etnici/razziali discriminati
Forme di mobilitazione:Ricerca partecipativa (es. epidemiologia popolare)
Elaborazione di documenti indipendenti (es. reports, dossier, note informative)
Sviluppo di proposte alternative
Coinvolgimento delle ONG nazionali e internazionali
Occupazione di terre
Lettere e petizioni di reclamo
Proteste di strade/manfestazioni
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Degradazione paesaggistica
Impatti sulla salutePotenziale: Incidenti/infortuni
Impatti socio-economiciVisibile: Sgomberi/sfollamenti, Perdità dei mezzi di sussistenza, Violazione dei diritti umani, Espropri di terra
Potenziale: Deterioramento del paesaggio/perdita del senso del luogo, Aumento della corruzione/cooptazione dei diversi attori
Risultati
Status attuale del progettoOperativo
Risultato del conflitto/risposta:Migrazioni/sfollamenti
Soluzione tecniche per migliorare erogazione/qualità/distribuzione delle risorse
Negoziazione in corso
Sviluppo di proposte alternative:Il mondo senza Borders ONG e il Leri è riuscito a convincere un team di due professori universitari, un tutor di costruzioni e due studenti di studenti master per preparare e progettare il piano di costruzione standardizzato uguale a tutti nella città di Lozenetz. Alcuni rappresentatori municipali erano presenti anche all'incontro. Tuttavia, i funzionari municipali che erano stati coinvolti direttamente nell'integrazione abitativa hanno rissificato l'esperto di campo Leri e utilizzati dichiarazioni razziste contro i Rom [1].
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:NO
Spiegare brevemente il motivoSu una nota positiva, sono state prese alcune decisioni municipali, come l'offerta di terreni di terra a un prezzo scontato per i Rom e stabilire una struttura abitativa sociale basata sulla ricerca. Ancora solo quattro famiglie (su 400 persone) sono state impegnate ad avere case sulle nuove trame e c'è un'organizzazione civile che è in grado e pronta a difendere per loro. Sul lato negativo è la minaccia permanente dello sfratto derivante dalle comunicazioni distribuite in alcune sotto-aree del vicinato, quindi posticipare l'azione per un termine indefinito; Quindi distribuire nuovi avvisi di sfratto in un'altra sotto-area, quindi posticiparsi di nuovo, ecc. [1]. La riforestazione non ha mai avuto luogo, né i rom sono inclusi nel piano "verde". Dall'inizio, il piano è escludere il rom dalla città. Pertanto, questo conflitto non può essere caratterizzato come successo [1] [2].
Meta informazioni
Ultima modifica21/09/2019
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.