Ultima modifica:
08-04-2014

Durinis Ecoforest 2000, Ecuador

Descrizione:

Esmeraldas ha i principali resti ecuadoriani delle foreste pluviali tropicali primarie. Durante gli anni '70, 1980, l'industria della registrazione si diffuse ampiamente su questa zona che porta a una deforestazione accelerata. Il caso Esmeraldas rispecchia l'andamento mondiale delle foreste tropicali in quel momento. In risposta a questa situazione, dai livelli internazionali ai livelli nazionali nuovi approcci di gestione delle foreste sono stati sviluppati e implementati. In generale, queste riforme sono state modellate sulle iniziative volontarie di autoregolamentazione o sulla regolamentazione, anche se i finanziamenti con programmi di aiuto destinati a incoraggiare il cambiamento tecnico e istituzionale. In questo contesto, il Gruppo Durini, un potente gruppo di lavorazione del legno privato ecuadoriano, ha presentato una nuova proposta aziendale (Ecoforest 2000) alla struttura globale dell'ambiente (GEF). Consisteva principalmente in un piano di piantagioni e riforestazione anche se l'acquisto di 3143ha di terra deforestata in Esmeraldas. Come parte del progetto, il Consorzio ha fatto domanda per un prestito di 5 milioni di dollari USA dall'IFC e da 2 milioni di dollari USA dalla GEF. Alla luce di questa situazione, le ONG ambientali ecuadorie hanno immerso la comunità di aiuti internazionali coinvolte nel processo sostenendo che il progetto avrebbe vantaggio esclusivamente il gruppo di registrazione privato, aumenta il rischio di colonizzazione della terra indigena e priva di sostenibilità. Il GEF ha respinto il progetto. $% E $% e $% e $% &

Informazioni di base
Nome del conflittoDurinis Ecoforest 2000, Ecuador
NazioneEcuador
Città e regioneEsmeraldas.
Localizzazione del conflittoEsmeraldas.
Accuratezza della localizzazioneMedia (livello regionale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloBiomassa e conflitti legati alla terra (gestione delle foreste, dell'agricoltura, della pesca e degli allevamenti)
Tipo di confitto. Secondo livelloPiantagioni
Deforestazione
RisorseCellulosa
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

Ecoforest 2000 è stato un progetto di riforestazione di 12,8 milioni di dollari USA, per i quali il Gruppo Durini Timber ha sollecitato un prestito di 5 milioni di dollari USA dalla International Finance Corporation (IFC), il braccio finanziario privato della Banca Mondiale, a: (1) Acquisto 3143 h di terra che era stata parzialmente utilizzata per il ranch di bestiame e la produzione agricola da agricoltori e coloni poveri; (2) ribollire selettivamente la terra forestale degradata con specie di legname nativo; e (3) copre parte dei costi di sviluppo di 2975 ore di piantagioni precedentemente stabilite. Il Gruppo ha inoltre richiesto una sovvenzione di $ 2 milioni di dollari da GEF da parte di GEF per avviare un programma di Silvicoltura, ricerca sull'ecologia forestale e un'estensione forestale della foresta e un ulteriore US $ 500 000 per contrarre le ONG internazionali indipendenti per monitorare l'impatto sociale e ambientale delle piantagioni fino al Prima raccolta prevista per il 2010.

Area del progetto3.143.
Tipo di popolazioneUrbana
Data di inizio del conflitto:1991
Imprese coinvolte (private o pubbliche)Durini Group from Ecuador
Naturgy (Naturgy) from Spain
Enchapes Decorativos S.A. from Ecuador
Bosques tropicales S.A (BOTROSA) from Ecuador
Servicios y Trabajos Forestales (SETRAFOR) from Ecuador
Fundacion Forestal Juan Manuel Durini from Ecuador
Attori governativi rilevanti:L'Istituto nazionale ecuadoriano per foreste, natura e fauna selvatica
Istituzioni internazionali o finanziarieCorporación financiera Internacional (CFI)
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Bank Information Center, ACTION ECOLIGICA, CIDESA, ECOCIENCIA, FALDEAL
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoLatente (mobilitazione poco visibile, conflitto sopito ma esistente)
Temporalità del conflittoResistenza preventiva (fase di precauzione)
Gruppi mobilitati:Popoli indigeni
Forme di mobilitazione:Sviluppo di proposte alternative
Coinvolgimento delle ONG nazionali e internazionali
Impatti del progetto
Impatti ambientaliPotenziale: Perdita di biodiversità, Desertificazione, Insicurezza alimentare/danni alle produzioni agricole, Riscaldamento globale, Erosione, Deforestazione/perdita di aree verdi/vegetazione
Impatti sulla salutePotenziale: Malnutrizione
Impatti socio-economiciPotenziale: Aumento della corruzione/cooptazione dei diversi attori, Perdità dei mezzi di sussistenza, Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture, Espropri di terra, Deterioramento del paesaggio/perdita del senso del luogo
Risultati
Status attuale del progettoFermato
Risultato del conflitto/risposta:Cancellazione del progetto
Gli attivisti insieme alle comunità indigene invece di questo progetto hanno promosso progetti di sviluppo alternativi locali al fine di ridurre la loro dipendenza dalla registrazione.
Sviluppo di proposte alternative:La principale attività alternativa promossa è stata progetti di gestione agro-forestale.
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:SI
Spiegare brevemente il motivoLo sforzo di lobbying ha avuto successo ed Ecoforest 2000 è stato respinto per i finanziamenti IFC e GEF, e la Banca Mondiale ha chiesto all'organizzazione ombrello di ONG di sottoporsi a Inefan (la contropartita del governo ecuadoriano al finanziamento della GEF) una proposta alternativa per lo sviluppo e la conservazione in Esmeraldas, che è diventato il 35 ° progetto finanziato da GEF in Ecuador. Quest'ultima iniziativa è stata rivolta a sviluppare una strategia per la zona tampone attorno al recC (Reserva Ecologica Cotacachi-Cayapas), compresi 25 piani di gestione della comunità. Come parte di questa nuova iniziativa, US $ 350.000 sono stati assegnati a pianificare e sviluppare una gestione sostenibile delle foreste comunitarie afroecuadoriane e di Chachi.
Meta informazioni
Ultima modifica08/04/2014
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.