Ultima modifica:
04-04-2022

Lote Ocho - El Estor, Lake Izabal, Guatemala

Dopo decenni di resistenza contro i minerali di Hudbay e altre aziende, compresi i casi giudiziari in Guatemala e Canada, la comunità locale di Maya Q’Eqchi è riuscita a fermare ufficialmente l'estrazione del nichel nel 2020. Tuttavia, nel 2022 il governo guatemalteco concesso per



Questo modulo è stato tradotto per tua comodità utilizzando il software di traduzione fornito da Google Translate. Pertanto, potrebbe contenere errori o discrepanze. In caso di dubbi sull'accuratezza delle informazioni contenute in queste traduzioni, fare riferimento alla versione del caso all'indirizzo: Inglese (Originale)

Descrizione:

Il 28 marzo 2011 un gruppo di 11 donne guatemalteche ha intentato una causa presso la Corte superiore in Ontario, in Canada, contro i minerali di Hudbay e la sua compagna sussidiaria guatemalteca Guatemalteco de Niquel (CGN). Le donne hanno affermato che le compagnie erano complici degli stupri di gruppo subiti dalle donne per mano del personale di sicurezza assunto dalle società convenute. Le donne affermano che gli stupri di gruppo si sono verificati nel gennaio 2007 durante gli sfratti forzati dei membri della comunità di Maya Q’Eqchi che vivono a Lote Ocho / El Estor, dove si trova il progetto di mining di nichel delle società - il progetto Fenix ​​- [5]. I membri di questa comunità hanno contestato la legittimità della concessione mineraria concessa per il progetto Fenix ​​per decenni. Hudbay Minerals afferma che si difenderà vigorosamente dalle accuse di stupro [4]. A causa dell'elevata domanda globale di nichel per produrre batterie per veicoli elettrici e ibridi [9], la società ha un grande interesse economico nel continuare le attività di mining.

La popolazione indigena locale di Ocho di Lote, composta da 100 case e si trovava a 45 minuti di auto dalla città più vicina Cahaboncito, era stata minacciata di lasciare la loro terra dalla fine del 2006 dai voli in elicottero sul villaggio, la distruzione delle case e il saccheggio attività [5]. Avevano ripetutamente resistito fino a quando il conflitto è finalmente scoppiato il 17 gennaio 2007. Come prova (e -mail, messaggi, ecc.) Dal caso giudiziario in corso testimonia La società canadese in carica nel momento in cui Skye Resources, in cui erano coinvolti anche il contatto con le autorità locali [3]. On the day of the violent eviction, which was carried out by armed and masked external security personnel hired by the Guatemalan subsidiary CGN, and the local police, the men of the community had left the village to do their agricultural work, so only women and I bambini erano lì [2]. Gli esecutori dello sfratto utilizzavano metodi illegali, come le armi da fuoco operative, ed era noto che questa società di sicurezza privata assunta era stata coinvolta in attività illegali prima [1]. Come le 11 donne di Lote Ocho, che si sono avvicinate alla Corte Superiore in Ontario, in Canada, con il sostegno di vari ONG (ad esempio, Mujeres Transformendo El Mundo, Equipho de Estudios Comunitarios y ACCIón Psicosocial, Action Rights e altri), hanno riferito nel caso giudiziario , gli uomini invasori hanno violentato le donne usando metodi brutali già usati nella guerra civile dopo aver rifiutato di lasciare il villaggio. Alcune donne erano incinte all'epoca e successivamente hanno sperimentato l'aborto forzato o hanno partorito prematuramente causando lesioni e l'incapacità di rimanere incinta in futuro. Fino ad oggi, le donne riportano dolore e traumi. Il villaggio di Lote Ocho fu completamente distrutto e le donne non solo perdevano la maggior parte delle loro cose, ma anche il loro ruolo di leadership nella comunità a causa dell'umiliazione che hanno vissuto [2].

Sin dalla dittatura militare concessa concessioni per il nichel Mining nell'area di El Estor sul lago Izabal nella Guatemala orientale negli anni '60, il progetto minerario chiamato "Fenix" ha provocato numerosi conflitti violenti con la popolazione locale indigena [2 ]. Altri esempi di brutali scontri con la comunità indigena Mayan Q'eqchi locale nel recente passato includono l'omicidio del leader della comunità Adolfo Ich e la mutilazione del cavo tedesco dopo un incendio ai manifestanti il ​​27 settembre 2009 da parte del personale di sicurezza di Hudbay, con Mynor, con Mynor, con Mynor, con Mynor, con Mynor, con Mynor, con Mynor, con Mynor, con Mynor, con Mynor Padilla come capo dell'azienda e l'omicidio del membro della gilda dei pescatori Carolos Maaz Coc durante le pacifiche proteste nel 2017 [6]. Questi casi sono stati portati anche davanti ai tribunali canadesi.

Lo sviluppo parzialmente illegale di nuovi siti di scavo da parte di varie società multinazionali nel corso dei decenni non solo ha portato a sfollamenti, omicidio e mobili forzati La distruzione degli habitat ancestrali, ma il lago adiacente soffriva anche di una comprovata contaminazione forte a causa delle pratiche relative all'estrazione del nichel [9]. Ciò non solo ha ridotto immensamente la qualità dell'acqua potabile, ma da allora sta anche distruggendo il sostentamento dei pescatori locali. Le minacce ambientali includono danni alla ricca biodiversità della regione. Per estrarre nichel, verrebbe usato un acido solforico. Ciò provoca gli stessi problemi relativi al drenaggio e alla contaminazione dell'acido delle miniere dell'acqua (a terra) come l'estrazione dell'oro. Gli effluenti potrebbero essere dimessi nell'oceano o nel lago Izabal. Alcune comunità si sono lamentate della perforazione dell'esplorazione che ha causato un deflusso di erosione che ha danneggiato e inquinato le forniture di acqua potabile di diverse comunità.

La miniera di nichel è attualmente di proprietà del gruppo di investimenti Solway della società russa/ svizzera e gestita dalla consociata guatemalteca Compañia Guatemalteco de Niquél (CGN), ma era precedentemente di proprietà della società canadese (International Nickel Company) per 40 anni dagli anni '60, che Quindi ha operato come Skye Resources con sede a Vancouver dal 2005 al 2008 dopo che la patente di estrazione di 40 anni è scaduta nel 2004. Nel 2008, la società è stata venduta a Hudbay Minerals con sede a Toronto. Da quel momento in poi, il nome del progetto è stato cambiato da "Exmibal" a "Fenix" [2]. Dopo numerose proteste da parte degli indigeni locali e dell'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) che la Guatemala aveva violato il diritto internazionale concedendo la concessione mineraria di Fenix ​​senza prima consultare il popolo locale Mayan Q'eqchi nel 2006 [6], il tribunale costituzionale del Guatemala, decretato 2021 che la consultazione con i residenti locali è necessaria prima di questo tipo di progetto [5]. Il fatto che ciò non sia stato ottenuto negli ultimi 60 anni rende illegali le operazioni.

Nel luglio 2013, i tribunali canadesi hanno deciso che le tre cause saranno autorizzate a Procedere in Canada a seguito di una sentenza che consente alle aziende di affrontare la responsabilità per incidenti che si verificano all'estero. Il 22 gennaio 2020, respingendo un appello da parte di Hudbay con sede a Toronto, la Corte superiore della Giustizia del Canada ha confermato che un accusa di Hudbay, che aveva assunto la responsabilità legale di Sky Resource da parte del loro acquisto nel 2008, nonché un'accusa del La polizia guatemalteca e i militari sono legali. Le restanti 10 donne di lote Ocho (una è morta nel frattempo) possono ora fornire ulteriori prove [4]. Se il caso ha esito positivo, imposterà un precedente per le società multinazionali che saranno ritenuti responsabili nei loro tribunali nazionali per le loro attività all'estero [1].

Nel 2017, Rodrigo Tot è stato il vincitore del Goldman Environmental Prize. È un leader indigeno nell'Agua Caliente del Guatemala, che ha portato la sua comunità a una decisione di tribunale che ha ordinato al governo di emettere titoli di terra al popolo Q’Eqchi e ha mantenuto l'operazione di miniera ecologica dall'espansione nella sua comunità. Il paragrafo seguente è la citazione dal premio Goldman: "Un leader indigeno nell'Agua Caliente del Guatemala, Rodrigo Tot ha guidato la sua comunità a una decisione di tribunale che ha ordinato al governo di emettere titoli di terra al popolo Q'Eqchi e ha tenuto l'estrazione di nichel ecologicamente distruttiva da espandendosi nella sua comunità. Il lago Izabal, il più grande lago del Guatemala, e la sua terra circostante di El estor, sono un luogo di vitale importanza per gli indigeni Q'eqchi. agricoltura e pesca. Hanno difeso il loro territorio dai coloni spagnoli nel XVI secolo e centinaia di anni dopo, stanno combattendo ancora una volta per la loro terra - questa volta contro il loro governo e le multinazionali interessate a sfruttare i depositi di nichel sotto la loro terra. Negli anni '60, il governo guatemalteco iniziò a emettere autorizzazioni alle compagnie minerarie multinazionali nel tentativo di incassare l'aumento dei prezzi del nichel. Tra T. Durante questa corsa fu fondata in mine durante questa corsa. Ha fermato le sue operazioni negli anni '80 mentre il prezzo del nichel si è schiantato, ma non prima di scaricare le acque reflue non trattate nel lago Izabal e rendendolo il lago più inquinato del paese. Il prezzo globale del nichel è rimbalzato e, nel 2006, le compagnie minerarie sono tornate a El Estor. Il governo ha emesso un permesso per riavviare la miniera di Fénix ed espandere le sue operazioni nel villaggio Q’Eqchi di Agua Caliente. Le forze di sicurezza della società hanno iniziato a rimuovere con la forza le persone dalla loro terra, in violazione dei trattati internazionali che richiedono il consenso gratuito, precedente e informato delle comunità indigene. Rodrigo Tot, leader di Q’Eqchi indigeno, è nato nel Guatemala centrale proprio mentre era in corso il boom minerario degli anni '60. Dopo aver perso i suoi genitori in giovane età, si trasferì a vivere con una famiglia allargata ad Agua Caliente quando aveva 12 anni. Il piccolo villaggio divenne la sua casa dove cresceva, imparò a coltivare, si sposava e cresciò i suoi figli. Tot non ha mai ricevuto un'istruzione formale, ma si è insegnato a parlare spagnolo ascoltando gli altri. Tot ricorda come i funzionari del governo e dell'azienda non abbiano mai parlato con la comunità locale delle miniere. I Q’Eqchi hanno scoperto solo quando i minatori sono arrivati ​​sulla loro terra per iniziare a lavorare. La paura cominciò a diffondersi nella comunità. Le persone erano preoccupate di perdere la terra e, con essa, il loro sostentamento. Tot ha visto la necessità di iniziare a raccogliere prove della proprietà di Q’Eqchi della terra e, nel 2002, come eletto presidente di Agua Caliente, ha portato questi documenti al governo e ha presentato una petizione per i titoli di terra. Con suo sgomento, scoprì che diverse pagine del registro dei terreni ufficiali erano state rimosse nel tentativo deliberato di negare alla sua gente i loro diritti di terra. Poi c'è stata una sentenza di riferimento inaspettata nel 2011. Il prossimo ricorso della comunità è stato quello di portare il governo in tribunale. TOT ha trovato supporto legale con il Indian Law Resource Center (ILRC) e Defensoria Q’Eqchi, una piccola organizzazione per i diritti umani in Guatemala. Il team ha trascorso anni a preparare il suo caso per stabilire le richieste legali della comunità alla terra. L'8 febbraio 2011, due anni dopo che la comunità di Agua Caliente ha intentato causa, il tribunale costituzionale ha emesso una decisione storica. Riconoscendo i diritti di proprietà collettiva di Q’Eqchi, il tribunale ha ordinato al governo di sostituire le pagine mancanti dal registro e di emettere titoli di terra al popolo di Agua Caliente. La sentenza è stata una sorpresa per gli attivisti ambientali e indigeni in tutto il mondo che erano ben consapevoli della corruzione nel sistema legale del Guatemala ed erano stati scettici sulla capacità della Corte di vedere quanto siano state egregiate queste violazioni. "

Nel frattempo, nella stessa Guatemala, il caso giudiziario contro Mynor Padilla, l'ex capo della sicurezza della miniera, iniziata nel 2014, si è concluso nel 2021 con la condanna di Padilla nell'uccisione di Adolfo Ich e il Scatto di Carolos Maaz Chub [7]. Inoltre, il 18 giugno 2020, il più alto tribunale del Guatemala ha ordinato la chiusura del progetto a causa della mancanza di consultazione con la popolazione locale quando l'ultima concessione è stata assegnata nel 2006, fino a quando questa consultazione non viene eseguita. Mentre la miniera ha continuato a operare illegalmente, le consultazioni hanno avuto luogo dal 28 settembre 2021, ma non con la struttura di governance autodeterminata della comunità di Maya Q’Eqchi, il Consiglio ancestrale dei popoli Q'Eqchi [9]. All'inizio del 2022, il ministro dell'Energia e delle miniere del Guatemala (MEM) Alberto Pimentel firmò una risoluzione che consente al gruppo di investimento Solway di riprendere le attività minerarie [8].

Informazioni di base
Nome del conflittoLote Ocho - El Estor, Lake Izabal, Guatemala
NazioneGuatemala
Città e regioneIzabal
Localizzazione del conflittoEl estor
Accuratezza della localizzazioneAlta (livello locale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloEstrazione mineraria e cave
Tipo di confitto. Secondo livelloEsplorazione ed estrazione di minerali
Accaparramento di terre (land grabbing)
RisorseNickel, Ferronickel
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

#VALUE!

Area del progetto3.000
Livello degli investimenti:238.000.000 (1977)
Tipo di popolazioneRurale
Data di inizio del conflitto:1959
Imprese coinvolte (private o pubbliche)Skye Resources Inc. from Canada
Solway Investment Group from Russian Federation
HudBay Minerals Inc. from Canada - Antiguo propietario
Compañía Guatemalteca de Níquel (CGN) (CGN) from Guatemala - subsidiaria de Solway Investment Group
International Nickel Company (INCO) from Canada
Vale Canada Limited from Canada
Vale (Vale) from Brazil
Attori governativi rilevanti:Ministerio de Energia y Minas, Ministerio de Gobernacion de Guatemala, Unidad Fiscal de Delitos Cometidos Contra Actistas de Derechos Humanos - Ministerio Publico
Istituzioni internazionali o finanziarieRelatoria Especial Sobre los Derechos de los Pueblos Indigenas de las Naciones Unidas en Guatemala (OACDH)
Oficina del Alto Comisionado de las Naciones Unidas para los Derechos Humanos (OACNUDH)
International Labour Organization (ILO) from Switzerland
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Comite de unida Campesina CUC, Comite de Barrio de la Comunidad Las Nubes, Mining Watch Canada, Associazione per lo sviluppo integrale di El estor, Amnesty International, Mujeres Transformendo El Mundo, Equipo de Estudios Comunitarios y ACCIón PSicosocial, Azione per i diritti
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoAlta (diffusa, mobilitazione di massa, arresti e reazione delle forze dell'ordine)
Temporalità del conflittoIn reazione all'implementazione del progetto
Gruppi mobilitati:Contadini
Popoli indigeni
Organizzazioni sociali internazionali
Organizzazioni sociali locali
Organizzazioni/comitati di donne
Gruppi etnici/razziali discriminati
Q'ekchi
Forme di mobilitazione:Lavoro di rete/azioni collettive
Occupazione di terre
Azioni legali/giudiziarie
Media-attivismo
Presentazione osservazioni alla VIA/AIA
Lettere e petizioni di reclamo
Proteste di strade/manfestazioni
Danni a proprietà/incendi dolosi
Rivendicazione dei diritti della natura
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Contaminazione delle acque di superficie e peggioramento della qualità delle acque, Contaminazione delle falde acquifere/riduzione dei bacini idrici, Degradazione paesaggistica
Potenziale: Inquinamento atmosferico, Perdita di biodiversità, Insicurezza alimentare/danni alle produzioni agricole, Inquinamento acustico, Contaminazione dei suoli, Fuoriuscite di contaminanti, Deforestazione/perdita di aree verdi/vegetazione, Impatti sul sistema idrogeologico, Riduzione della resilienza ecologica/idrogeologica, Sversamenti di residui di lavorazione dei minerali
Altro (specificare sotto)Per estrarre nichel, verrebbe usato un acido solforico. Ciò provoca gli stessi problemi relativi al drenaggio e alla contaminazione dell'acido delle miniere dell'acqua (a terra) come l'estrazione dell'oro. Gli effluenti potrebbero essere dimessi nell'oceano o nel lago Izabal. Alcune comunità si sono lamentate della perforazione dell'esplorazione che ha causato un deflusso di erosione che ha danneggiato e inquinato le forniture di acqua potabile di diverse comunità
Impatti sulla saluteVisibile: Morti, Episodi di violenza collegata a effetti nocivi sulla salute fisica e mentale (omicidi, stupri, ecc), Esposizione a fattori a rischio incerti o non conosciuti (es. radiazioni), Problemi mentali compresi stress, depressione e suicidi
Impatti socio-economiciVisibile: Violazione dei diritti umani, Espropri di terra, Deterioramento del paesaggio/perdita del senso del luogo, Sgomberi/sfollamenti, Aumento della violenza e della criminalità, Mancanza di sicurezza sul lavoro, assenteismo al lavoro, licenziamenti, disoccupazione, Militarizzazione e aumento della presenza/controllo militare e forze dell'ordine, Specifici impatti sulle donne
Potenziale: Perdità dei mezzi di sussistenza, Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture
Risultati
Status attuale del progettoOperativo
Risultato del conflitto/risposta:Criminalizzazione degli attivisti
Morti, Omicidi, Assassinii
Delimitazione territoriale
Sentenze favorevoli alla giustizia ambientale
Giudizio in attesa di sentenza
Migrazioni/sfollamenti
Negoziazione di soluzione alternative
Repressione
Rafforzamento della partecipazione
Attacchi violenti ad attivisti
Nuove valutazioni d'impatto ambientali e altri studi
Temporanea sospensione del progetto
Le cause sono in corso (2022) Rodrigo Tot è stato il vincitore del Goldman Environmental Prize nel 2017. È un leader indigeno nell'Agua Caliente del Guatemala, che ha portato la sua comunità a una decisione del tribunale di riferimento che ha ordinato al governo di emettere titoli di terra al popolo Q'Eqchi e ha tenuto le miniere ecologico operazione dall'espansione nella sua comunità.
Sviluppo di proposte alternative:Il caso giudiziario contro Hudbay Minerals, Inc. per omicidio, stupri e attacchi commessi contro i guatemaltechi indigeni da parte del personale di sicurezza che lavora per la filiale di Hudbay, Compañía Guatemalteca de Níquel (CGN) nei tribunali canadesi è ancora in corso. Le restanti 10 donne di Lote Ocho sono in grado di presentare ulteriori prove dal 22 gennaio 2020. Se il caso giudiziario avrà successo, la situazione nel campo minerario guatemalteca potrebbe cambiare ma il governo guatemalteco deve agire. Dato il fatto che nel 2022 il permesso per le attività minerarie è stata nuovamente raggruppata dal ministro dell'Energia e delle miniere (MEM) del guatemalteca fa molto improbabile il ministro imminente del progetto. È possibile che ulteriori casi giudiziari e attenzione internazionale possano esercitare pressioni sul governo per fermare finalmente il progetto e sostenere i diritti delle popolazioni indigene. Il prossimo passo potrebbe essere la denuncia del Consiglio ancestrale dei popoli di Q'Eqchi, che non è stato incluso nelle consultazioni locali condotte dal settembre 2021.
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:NO
Spiegare brevemente il motivoI diritti degli affari e dell'uomo hanno riportato nel 2011: "Oltre alla causa di marzo 2011 presentata contro Hudbay Minerals, una causa è stata intentata nel settembre 2010 dalla vedova di un leader della comunità Q'Eqchi, Ich Chamán, che è stato gravemente picchiato e girato nel 2009 Durante una protesta contro la miniera di Fenix. La sua vedova, Angelina Choc, afferma che le guardie di sicurezza del progetto Fenix ​​hanno battuto violentemente e hanno sparato Chamán, che è stato disarmato e ucciso. (La signora Choc è anche una querelante nella causa sopra descritta sopra .) L'attore ha affermato che i minerali di Hudbay non sono riusciti a prendere precauzioni adeguate per garantire che le violazioni dei diritti umani non fossero perpetrati dal suo personale di sicurezza. Il 10 dicembre 2011, un'altra causa è stata intentata contro i minerali di Hudbay in Canada da un sopravvissuto a un incidente di sparatoria in Il progetto Fenix. L'attore, che di conseguenza è diventato paraplegico, sostiene che nel settembre del 2009 gli hanno sparato a distanza ravvicinata in un attacco non provocato dal capo della sicurezza per il progetto Fenix ​​di Hudbay. Tutti. Sono in corso tre cause legali ".

Sebbene il progetto minerario sia stato temporaneamente interrotto a causa della mancanza di consultazione con la popolazione locale nel corso dei decenni, il permesso di riprendere nel 2022 è stato concesso dal ministro dell'Energia e delle miniere (MEM) del Guatemala Alberto Pimentel. Mentre è stata raggiunta l'attenzione dei media al conflitto e Mynor Padilla, ex capo della sicurezza nella miniera, è stata giudicata colpevole in un caso giudiziario guatemalteco nell'omicidio di Adolfo Ich e le sparatorie di Carolos Maaz Chub, molte ingiustizie rimangono irrisolte.
Fonti e materiali
Bibliografia di libri pubblicati, articoli universitari, film o documentari pubblicati

[6]Where Impunity Reigns: Nickel Mining in El Estor, Guatemala

James Rodríguez

First Published January 20, 2021

https://doi.org/10.1177/0094582X20982548
[click to view]

Paley, Dawn (2007). This is what development looks like: Skye Resources and Land Reoccupation in Guatemala.
[click to view]

Esther Vandenbroucke. Environmental and Socio-Economic impacts of mining in Guatemala: The role of local communities and the ecological justice movement
[click to view]

Wiig, Henrik (2008). Promoting Respect for the Collective Rights of the Q’eqchi’Population. An evaluation of AEPDI in El Estor, Guatemala. NIBR
[click to view]

[1] Open Global Rights - The Case of “Lote Ocho”: Indigenous women hold corporations accountable for violence
[click to view]

[2] Creating an international

Gender and Peace agenda:

Impact of Canadian mines in

Latin America

Extraterritorial obligations of Canada

Shadow report to CEDAW 65th session
[click to view]

[3] BHR - Documents filed in affidavit against Hudbay Minerals in the 'Lote Ocho' case show how collusion between business and state works
[click to view]

[4] Ontario Court Rejects Hudbay Minerals Appeal In Lote Ocho Sexual Violence Lawsuit

October 1, 2020
[click to view]

[5] The Intercept - EVICTING LOTE OCHO
[click to view]

[7] New Internationalist - newint.org

‘OUR WHOLE TRUTH WILL COME OUT’
[click to view]

[8] Guatemala lifts Fénix nickel mine suspension

Bnamericas

Published: Friday, January 07, 2022
[click to view]

[9] Cultural Survival - Guatemalan President Suspends Civil Rights to Facilitate Nickel Mine as Demand for Battery Minerals Skyrockets
[click to view]

Business & Human Rights Resource Centre
[click to view]

Siglo 21
[click to view]

Compañía Guatemalteca de Níquel (CGN)
[click to view]

Choc v. HudBay
[click to view]

The Canadian Press, Ontario court rules Guatemalan lawsuits against HudBay can go to trial in Canada, Romina Maurino
[click to view]

Hudbay, 2011, Hudbay Minerals Announces Completion of Sale of Fenix Project and Key Management Appointments
[click to view]

Skye Resources Inc.
[click to view]

Gold Resource News
[click to view]

Hudbay Minerals
[click to view]

Goldcorp Out of Guatemala
[click to view]

Description of court case in English and Spanish, April 2014
[click to view]

Arij Riahi, The end of impunity? Indigenous Guatemalans brin Canaian mining company to court, oct 2013
[click to view]

CentralAmericaData, Nickel Production in Guatemala
[click to view]

El Periodico
[click to view]

Response from Hudbay:
[click to view]

Hudbay Minerals
[click to view]

The Globe and Mail, 2013, Guatemalan plaintiffs in HudBay lawsuit allege interference
[click to view]

Central America Data, junio 2014, Guatemala vuelve a producir Níquel
[click to view]

Media correlati - links a video, campagne, social networks

Mi Mundo blog - En Memoria de Adolfo Ich Chamán – a tres años de su asesinato

El Estor. Izabal, Guatemala.

27 de septiembre, 2012.
[click to view]

Canadian ambassador sued for defaming documentary filmmaker on Estor evictions. Watch the documentary here:
[click to view]

Goldman Prize 2017 to Rodrigo Tot
[click to view]

Maria Cuc Choc: communities face violence related to mining in El Estor, Guatemala
[click to view]

Altri commenti:Nel 2006, l'Organizzazione internazionale del lavoro ha stabilito che il Guatemala aveva violato il diritto internazionale concedendo la concessione mineraria di Fenix ​​senza prima consultare il popolo Maya locale. L'ILO ha pubblicato un rapporto che discuteva della violazione nel 2007. Più tardi, le comunità di Q'ekchi colpite dalla società canadese Hudbay sono andate in tribunale. Questo caso potrebbe diventare influente in Canada a seconda della decisione del tribunale in Guatemala sui casi di omicidio e la violenza avvenuta nel 2009 contro la società Hudbay
Meta informazioni
Collaboratore:Patricio Chavez, Irene Pietropaoli & Joan Martinez Alier. Case updated by Melanie Thut
Ultima modifica04/04/2022
ID del conflitto:784
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.