Ultima modifica:
26-08-2018

Nuovo aeroporto internazionale Yogyakarta (Niaia), Java, Indonesia

Gli agricoltori resistono allo sfratto per il nuovo aeroporto internazionale Yogyakarta (NYIA) dal 2011. Nyia non è solo un'infrastruttura aeroportuale ma un'Aerotropoli, cioè aree ricreative, commerciali, residenziali e industriali


Descrizione:

Kulon Progo è assegnato sulla zona costiera meridionale della provincia di Yogyakarta. Questo posto è una delle riserve più importanti della natura in Java. Questa zona è inclusa nell'elenco di 14 dune di sabbia del mondo che hanno funzioni speciali come riducendo il pericolo della minaccia dello tsunami, la prevenzione delle intrusioni o l'infiltrazione dell'acqua di mare allo strato delle acque sotterranee e inibiscono l'erosione della terra costiera dalle onde. Inoltre, dagli anni '80, questa zona è stata assegnata alle economie agricole come il modo di vivere dei residenti circostanti. Tuttavia questa regione costiera è interessata anche da investimenti di progetto estrattive anche: mineraria di sabbia, infrastrutture e turismo di ferro [9, 10]. Il governo ha rivelato piani per sviluppare aree circostanti del tempio di Borobudur a Magelang Regency, nel centro di Java come nuove destinazioni turistiche, tra cui Bener District, Salaman e Tritis [4]. Per sviluppare il turismo, un nuovo aeroporto internazionale per Yogyakarta è stato annunciato nel 2011. In questo modo, i percorsi turistici prenderanno persone a nuove destinazioni turistiche e poi al noto tempio di Borobudur (Stupa buddista e complesso del tempio in Giava centrale risalente al Central Java 8 ° secolo e elencato come sito del patrimonio mondiale dell'UNESCO). Inoltre, nel 2017 è stato anche annunciato che il Piano complessivo includeva non solo l'aeroporto ma anche una città che circonda l'aeroporto con luoghi di intrattenimento, hotel, altre infrastrutture e industrie minerarie. $% e quattro studenti universitari hanno fatto sciopero della fame [13, 12]. Le donne svolgono un ruolo di primo piano nel resistere allo sfratto forzato per il nuovo aeroporto, "si stanno attorno al loro motivo contro l'intimidazione di un gran numero di funzionari maschili, di fronte alla pesante aggressione verbale, rifiutando di obbedire ai comandi, confutare rivendicazioni che l'aeroporto è per il loro economico beneficiare e affermare il loro diritto di rimanere nelle loro case "[9]. Inoltre, la Commissione nazionale sui diritti umani (NCHR) ha dichiarato che lo sviluppo del nuovo aeroporto viola i diritti dei residenti locali e degli agricoltori e dei proprietari di terreni che circondano l'area del progetto aeroportuale non avevano ricevuto informazioni appropriate degli impatti negativi sui loro sostenitari [7] . Aiuto legale Organizzazione Yogyakarta ha avvisato che il progetto comporterà la perdita di produzione di verdure (cibo di base per la vita) [11] e i possibili impatti negativi sulla perdita di siti sacri di valore culturali; Come: Glagah Stupa Sites, statue di bronzo di Amoghasidhi e Vajrapani, Brandang Batu, Eyang Gadhung Mlati, Gunung Lanang e Puttri e Makam Mbah Drajad [10]. Secondo la commissione asiatica dei diritti umani (AHRC), la polizia indonesiana, l'unità di polizia del servizio civile (Satpol PP), e l'esercito si comportano violentemente contro i manifestanti e gli abitanti del villaggio che resistono a dislocamento per il nuovo aeroporto [8] e i manifestanti (studenti , i residenti, gli attivisti) sono stati criminalizzati. $% Gruppi di studenti proteggono le case per evitare lo sfratto, pulire e proteggere i luoghi religiosi, mettere lo scudo indonesiano sulle case (è proibito dal governo di toccare quel simbolo). Le ultime notizie [14, 15, 16] hanno informato che ci sono otto investitori che acquisiscono terreni per la costruzione del loro hotel in questa zona e il progetto continua, e il governo locale ha offerto denaro e terreni agricoli come compensazione [17]. $ % E $% e $% e $% &

Informazioni di base
Nome del conflittoNuovo aeroporto internazionale Yogyakarta (Niaia), Java, Indonesia
NazioneIndonesia
Città e regioneGiava
Localizzazione del conflittoKulon Progo, Yogyakarta
Accuratezza della localizzazioneAlta (livello locale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloInfrastrutture e cementificazione
Tipo di confitto. Secondo livelloReti d'infrastrutture per il trasporto (strade, ferrovie, idrovidie, canali, gasdotti, oleodotti, ecc)
Infrastrutture turistiche
Porti e aeroporti
RisorseTerra
Servizi turistici
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

L'Indonesia ha già 237 aeroporti e tra il 2010 e il 2015 numeri passeggeri triplicati per raggiungere 88,7 milioni. L'Associazione internazionale dei trasporti aerei (IATA) progetta la continua crescita dell'aviazione in Indonesia, anticipando 219 milioni di passeggeri nel 2034, il quarto tasso di crescita più veloce del mondo dopo la Cina, gli Stati Uniti e l'India. I rapporti Global Anti-Are-Arenotropolis (GAAM) sono stati rivelati [2,9,10] che questo progetto fa parte del piano nazionale nazionale per l'accelerazione e l'espansione dello sviluppo economico indonesiano (MP3EI). Il progetto MP3EI Mega, lanciato nel 2011, contiene un pacchetto di sviluppi che comprendono l'Indonesia in 6 aree / corridoi di nuovi progetti di industrializzazione intensive capitali. Mp3ei ha pianificato l'isola di Java come area industriale e di servizio nazionale. Soprattutto per Yogyakarta, i documenti MP3EI la posizionano come uno dei topi (riunioni, incentivi, convention, mostra). Il governo indonesiano sta implementando un importante programma di espansione dell'aviazione che richiede grandi quantità di finanziamenti di stato. Nell'aprile 2015 il Ministero dei Trasporti ha annunciato un piano per costruire 57 nuovi aeroporti nei prossimi cinque anni, impegnando ad assegnare 5,5 miliardi di dollari per i progetti [3]. Inoltre, ci sono piani per lo sviluppo commerciale e industriale intorno a diversi aeroporti: Juanda, Hang Nadim, Kuala Namu, Sultan Hasanuddin e Kertajati. Kulon Progo è uno di loro. Tutti sono potenziali esempi di una forma urbana emergente nota come "Aerotropolis" [2]. Secondo Ankara Pura Company, il piano Alotropolis di Kulon Progo è composto da: area aeroportuale (1200 ettari); Area per attività ricreative e affari (800HA), zona per industria e residenza (640 ettari); Area verde e riservata (1500HA). Nel piano è anche incluso una futura strada che collegherà l'Aerotropolis con Yogyakarta Center.

Area del progetto2.000.
Livello degli investimenti:500.000.000.
Tipo di popolazioneRurale
Popolazione impattata:11.501 direttamente sotto la minaccia di sfratto o già sfollati
Data di inizio del conflitto:2011
Imprese coinvolte (private o pubbliche)PT Angkasa Pura from Indonesia
GVK Power and Infractructure (GVK) from India - http://www.gvk.com
Attori governativi rilevanti:Governo indonesiano, impresa del proprietario statale (SOE), esercito, polizia e satpol PP, Agenzia Terrestre nazionale (BPN) a Kulon Progo Regency.
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Paguyuban Warga Penggusuran Kulon Progo Penggusuran Kulon Progo (PWPP-KP) Wahana Tri Tunggal Agricoltori Organizzazione (WTT) https://wahanatritunggal.wordpress.com Yogyakarta Aiuto legale (Lbh Yogyakarta) Jogja Darurat Agraria (https://www.facebook.com/jdagraria /)
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoAlta (diffusa, mobilitazione di massa, arresti e reazione delle forze dell'ordine)
Temporalità del conflittoResistenza preventiva (fase di precauzione)
Gruppi mobilitati:Contadini
Organizzazioni sociali locali
Movimenti sociali
Organizzazioni/comitati di donne
Studenti
Pescatori
Forme di mobilitazione:Azioni artistico-creative (es. teatro guerilla, murales)
Blocchi stradali o picchetti
Lavoro di rete/azioni collettive
Coinvolgimento delle ONG nazionali e internazionali
Occupazione di terre
Media-attivismo
Presentazione osservazioni alla VIA/AIA
Campagne pubbliche di informazione e denuncia
Proteste di strade/manfestazioni
Scioperi
Rifiuto di risarcimento/compensazioni
Gruppi di studenti proteggono le case per evitare di sfrattare, pulire e proteggere luoghi religiosi, metti lo scudo indonesiano nelle case perché è proibito dal governo di toccare quel simbolo.
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Perdita di biodiversità, Desertificazione, Insicurezza alimentare/danni alle produzioni agricole, Degradazione paesaggistica, Erosione, Deforestazione/perdita di aree verdi/vegetazione
Potenziale: Inondazioni, Contaminazione dei suoli, Contaminazione delle falde acquifere/riduzione dei bacini idrici
Impatti sulla salutePotenziale: Malnutrizione, Problemi mentali compresi stress, depressione e suicidi, Episodi di violenza collegata a effetti nocivi sulla salute fisica e mentale (omicidi, stupri, ecc), Problemi di salute pubblica connessi ad alcolismo, prostituzione ecc.
Impatti socio-economiciVisibile: Sgomberi/sfollamenti, Perdità dei mezzi di sussistenza, Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture, Militarizzazione e aumento della presenza/controllo militare e forze dell'ordine, Violazione dei diritti umani, Espropri di terra
Potenziale: Mancanza di sicurezza sul lavoro, assenteismo al lavoro, licenziamenti, disoccupazione
Risultati
Status attuale del progettoIn costruzione
Risultato del conflitto/risposta:Compensazioni
Criminalizzazione degli attivisti
Migrazioni/sfollamenti
Repressione
Rafforzamento della partecipazione
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:NO
Meta informazioni
Ultima modifica26/08/2018
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.