Ultima modifica:
09-12-2019

Bassa valle dell'Omo irrigato sviluppo agricolo, l'Etiopia

piantagioni di zucchero statali e terreni commercialmente locato per Bassa Valle dell'Omo. Questi piani sono collegati alla controversa Gibe III a monte dello sviluppo diga.


Descrizione:

Il governo dell'Etiopia ha piani per lo sviluppo agricolo enorme in forma di piantagioni di zucchero statali e la terra commercialmente locato per Bassa Valle dell'Omo. Questi piani sono collegati alla controversa Gibe III di sviluppo diga a monte della Bassa Valle dell'Omo in che la diga permetterà di irrigazione su larga scala l'agricoltura. Le piantagioni di zucchero sono a loro volta collegati ai piani countrys a crescere la sua quota di mercato internazionale della merce, appoggiate ad un a livello nazionale da una linea di credito $ 640 milioni da Indias Exim Bank [1]. Tuttavia, Bassa Valle dell'Omo è la patria di circa 200.000 agro-pastori, i quali sarebbero interessate negativamente da sviluppo su larga scala in termini di accesso all'acqua per la coltivazione e la capacità di esercitare il loro modo di vivere. Report basati su interviste con abitanti della regione indicano che l'intimidazione e la violenza vengono utilizzati come un modo di costringere le persone a lasciare la propria terra. la politica di Ethiopias villaggizzazione in altre parti del paese è stato ampiamente criticato per la mancanza di consultazione con le comunità locali, l'intimidazione e la forza. La Valle dell'Omo inferiore sembra essere non fa eccezione in questo, come è stato adottato lo stesso approccio.

Informazioni di base
Nome del conflittoBassa valle dell'Omo irrigato sviluppo agricolo, l'Etiopia
NazioneEtiopia
Città e regioneNazioni del Sud, nazionalità e popoli Regione
Localizzazione del conflittoLower Omo
Accuratezza della localizzazioneAlta (livello locale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloBiomassa e conflitti legati alla terra (gestione delle foreste, dell'agricoltura, della pesca e degli allevamenti)
Tipo di confitto. Secondo livelloAccesso all'acqua e modelli di gestione
Produzione agricola intensiva (es.monoculture, allevamenti)
Accaparramento di terre (land grabbing)
RisorseZucchero
Terra
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

piani Etiopia per aumentare la sua produzione di zucchero di sette volte da 314.000 tonnellate (nel 2009/10) a 2,3 milioni di tonnellate entro il 2015. Di questi, 1,2 milioni di tonnellate sono destinati per l'esportazione. Etiopia vuole raggiungere una quota globale del 2,5% entro il 2017 [2].

Area del progetto345.000
Livello degli investimenti:640.000.000
Tipo di popolazioneRurale
Popolazione impattata:500.000
Data di inizio del conflitto:2011
Imprese coinvolte (private o pubbliche)Exim Bank from India
Ethiopia Sugar Corporation from Ethiopia
Kuruz Sugar Industry from India
Attori governativi rilevanti:Governo dell'Etiopia, etiope Ministero dell'Agricoltura e dello sviluppo rurale, etiope Environmental Protection Agency
Istituzioni internazionali o finanziarieThe World Bank (WB) from United States of America
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Human Rights Watch, Survival International, Oakland Institute
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoAlta (diffusa, mobilitazione di massa, arresti e reazione delle forze dell'ordine)
Temporalità del conflittoIn reazione all'implementazione del progetto
Gruppi mobilitati:Contadini
Popoli indigeni
Organizzazioni sociali internazionali
Organizzazioni sociali locali
Pastori
Forme di mobilitazione:Coinvolgimento delle ONG nazionali e internazionali
Lettere e petizioni di reclamo
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Perdita di biodiversità, Insicurezza alimentare/danni alle produzioni agricole, Degradazione paesaggistica, Deforestazione/perdita di aree verdi/vegetazione
Impatti sulla saluteVisibile: Malnutrizione, Episodi di violenza collegata a effetti nocivi sulla salute fisica e mentale (omicidi, stupri, ecc), Malattie professionali e incidenti sul lavoro
Impatti socio-economiciVisibile: Sgomberi/sfollamenti, Aumento della violenza e della criminalità, Perdità dei mezzi di sussistenza, Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture, Militarizzazione e aumento della presenza/controllo militare e forze dell'ordine, Specifici impatti sulle donne, Violazione dei diritti umani, Espropri di terra, Deterioramento del paesaggio/perdita del senso del luogo
Risultati
Status attuale del progettoIn costruzione
Risultato del conflitto/risposta:Compensazioni
Criminalizzazione degli attivisti
Morti, Omicidi, Assassinii
Migrazioni/sfollamenti
Repressione
Attacchi violenti ad attivisti
Sviluppo di proposte alternative:Human Rights Watch ha chiesto il riconoscimento da parte del governo etiope dei diritti delle comunità indigene dell'Omo valli sopra le loro patrie storiche. Hanno chiamato per la discussione significativa con loro sul futuro utilizzo delle loro terre e compensazione. Ricordando che i donatori finanziano la fornitura di servizi di base in ogni distretto dell'Etiopia e potrebbero pertanto essere indirettamente finanziando lo spostamento delle comunità, il corpo vuole i diritti dei donatori per garantire il loro finanziamento non sta sostenendo spostamento forzato o esproprio illegale di terre indigene.
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:NO
Spiegare brevemente il motivoè stato osservato lo sgombero di terreni e la costruzione di infrastrutture per le piantagioni programmate. Human Rights Watch cita rapporti da Ethiopias mezzi Run State che suggeriscono che 10.995 famiglie di pastori sono stati villagized nel 2010 e 2011 nel quartiere woreda Salamago di South Omo Zone, con un altro 20.000 famiglie in programma per
 villaggizzazione nel 2011 e 2012.
 HRW dice un successivo rapporto dei media statale febbraio 2012, ha detto che il governo prevede di trasferirsi 103.000 pastori nel corso di questo esercizio finanziario 2012/13 nelle Nazioni del Sud, nazionalità e dei popoli Regione [1].
 Nel frattempo, una relazione su un campo comune DFID / USAID visita Gennaio 2012 al South Omo disse incontri con i rappresentanti dei gruppi etnici Mursi, Bodi, Hammar e Minogelti sentito le accuse di fino a 80 arresti, l'accesso limitato alle terre agricoltura, uso della forza e intimidazioni, e lo stupro delle donne [3].
Fonti e materiali
Altri commenti:Investimento totale: $ 640 milioni da Exim Bank per il settore dello zucchero
 La legislazione come Charities e le Società Proclama, Mass media e libertà di informazione Proclamazione e proclama antiterrorismo rendono difficile per le comunità di organizzare e per valutare il livello di locale, luogo dell'organizzazione presa. Human Rights Watch rapporti che sotto gli enti e le associazioni Proclama, 41 ONG che operano in seno alle Nazioni del Sud, nazionalità e popoli Regione avevano le loro licenze revocate per lo svolgimento di attività di campagna elettorale. organizzazioni e istituzioni come Human Rights Watch, Survival International e l'Istituto Internazionale di Oakland, tuttavia, hanno condotto una ricerca e organizzata lettera scrivendo campagne e petizioni sulla questione.
Meta informazioni
Collaboratore:Patrick Burnett
Ultima modifica09/12/2019
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.