Ultima modifica:
28-05-2018

Merauke Integrated Food and Energy Estate (Mifee), Papua, Indonesia

Lo sviluppo del Merauke Integrated Food and Energy Estate (MIFEE) è iniziato nel 2011. Si tratta di un progetto di 2,5 milioni di HA che cerca di aumentare l'autosufficienza indonesiana in cibo e energia, ma è stato definito un "libro di testo".



Questo modulo è stato tradotto per tua comodità utilizzando il software di traduzione fornito da Google Translate. Pertanto, potrebbe contenere errori o discrepanze. In caso di dubbi sull'accuratezza delle informazioni contenute in queste traduzioni, fare riferimento alla versione del caso all'indirizzo: Inglese (Originale)

Descrizione:

Merauke Regency si trova nella parte sud-orientale della Papua indonesiana, in una regione caratterizzata ecologicamente caratterizzata da terra piatta, savana e palude. Papua ospita la terza più grande foresta tropicale del mondo e dopo l'Amazzonia e il Bacino del Congo. La regione è tradizionalmente abitata da un gran numero di gruppi indigeni, il più grande è il popolo di Malind (1, 2). La regione di Merauke è stata a lungo vista dallo stato come un buon potenziale per l'agricoltura produttiva di piantagioni su larga scala (2, 3). L'iniziativa per l'istituzione della Merauke Integrated Food and Energy Estate (MIFEE) è stata presa dall'ex presidente Susilo Bambang Yudhoyono e la tenuta è stata ulteriormente approvata dall'attuale presidente Jokowi. Il progetto è stato avviato nel 2011, in linea con la regolamentazione presidenziale n. 32/2011 in merito all'accelerazione e all'espansione dello sviluppo economico dell'Indonesia, 2011-2025 "(2, 3, 4). Merauke è stato definito il "futuro cestino del pane dell'Indonesia" e Mifee mira ad aumentare l'autosufficienza nazionale nei colture alimentari come riso, mais e zucchero e quindi ridurre la dipendenza dalle importazioni alimentari. Tuttavia, a partire dal 2014, gran parte delle concessioni concesse erano per esportare le colture (5, 6). Il Dipartimento dell'Agricoltura ha deciso di allocare 1,6 milioni di ettari a Mifee, un'area che non includeva solo terreni agricoli, ma anche foreste primarie e protette, aree residenziali e insediamenti indigeni (3). Fonti più recenti sostengono che la proprietà ha raggiunto circa 2,5 milioni di ettari, occupando terreni appartenenti a 160 villaggi a Merauke (6, 7). A seguito dell'elevata domanda di travaglio nelle piantagioni, nella regione è prevista un afflusso di 2-4 milioni di migranti, che ha attuato la discussione sul genocidio (7, 8). Prima della sua istituzione, la regione era dal governo denominata "improduttiva e scarsamente popolata" (6). Pertanto, i negoziati riguardanti la progettazione di Mifee includevano solo i governi centrali e di reggenza senza cercare il consenso dalla popolazione locale (3). Oggi circa 80 aziende operano nella tenuta e Mifee è stata definita "libretto di testo Landgrab" (5). Attivisti e oppositori sostengono che il governo sta usando l'argomento della sicurezza alimentare per giustificare investimenti nazionali ed esteri nella regione, nonché la sua priorità di coloro che sono sui diritti delle persone di Malind al suo territorio abituale (2). Il programma di popoli forestali in uno sforzo congiunto con 26 organizzazioni indonesiane ha ripetutamente presentato una "richiesta di considerazione della situazione degli indigeni a Merauke" al comitato delle Nazioni Unite per l'eliminazione della discriminazione razziale (CERD) (7, 9). Come risposta a uno di questi, presentato nel 2011, il comitato ha fatto riferimento a una precedente lettera inviata da CERD al governo indonesiano, datato 28 settembre 2009, dove ha esortato il governo indonesiano ad intraprendere azioni per garantire i diritti delle popolazioni indigene del paese (10). Tuttavia, non sembrano misure prese dal governo e i reati sono stati negati di entrare nell'area (5).

La lotta contro Mifee si estende su diverse scale e coinvolge un gran numero di organizzazioni le cui aree di aree di La preoccupazione copre la conservazione, i diritti degli indigeni, la giustizia sociale e il sostegno umanitario. Quelli sono organizzati in reti più grandi, come la coalizione della società civile contro Mifee (Masyarakat Sipil Tolak Mifee), che organizza 30 organizzazioni locali e nazionali, nonché uno dei suoi membri Forum di cooperazione delle ONG Papua (forum Kerjasama Lembanga Swadaya Masyarakat Papua, o Papua Foker LSM Papua), un'organizzazione ombrello con 118 membri. La lotta coinvolge anche organizzazioni nazionali come Green Peace Indonesia, Walhi e Pusaka (5). A livello di comunità locale, la mobilitazione e la resistenza sono state osservate sotto forma di proteste di strada, danni alla proprietà dell'azienda, installazione di segni attorno alle piantagioni che esortano le aziende a lasciare, occupazione degli uffici aziendali, impegni ufficiali al governo reggenza, tra le altre azioni (7 , 11, 12). Nonostante ciò, il Mifee rimane intatto e in funzione.

Informazioni di base
Nome del conflittoMerauke Integrated Food and Energy Estate (Mifee), Papua, Indonesia
NazioneIndonesia
Città e regionePapua
Localizzazione del conflittoKabupaten Merauke
Accuratezza della localizzazioneMedia (livello regionale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloBiomassa e conflitti legati alla terra (gestione delle foreste, dell'agricoltura, della pesca e degli allevamenti)
Tipo di confitto. Secondo livelloProduzione agricola intensiva (es.monoculture, allevamenti)
Piantagioni
Deforestazione
Accaparramento di terre (land grabbing)
RisorseZucchero
Olio di palma
Mais
Legname
Terra
Soia
Riso
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

Il Mifee comprende un'area di circa 2,5 milioni di ettari e il suo scopo dichiarato è quello di produrre merci come legname, olio di palma, mais, soia, riso e canna da zucchero per ridurre la dipendenza indonesiana delle importazioni di cibo e carburante.

Vedi altro
Area del progetto2.500.000
Tipo di popolazioneRurale
Popolazione impattata:50.000+
Data di inizio del conflitto:2010
Imprese coinvolte (private o pubbliche)PT Kertas Nusantara Tbk from Indonesia - 154943 ha of industrial forest
PT Dongin Prabhawa from Republic of Korea - 39800 ha of oil palm
PT Balikpapan Forest Indo (BFI) from Indonesia - 40000 ha of industrial forest
PT Papua Agro Lestari (PAL) from Republic of Korea - 39000 ha of oil palm
Korindo Group from Republic of Korea
PT Berkat Citra Abadi (BCA ) - 40000 ha of oil palm
PT Inocin Kalimantan from Republic of Korea - 45000 ha of industrial forest
PT Bio Inti Agrindo (PT BIA) from Republic of Korea - 39000 ha of oil palm
Pt Ulilin Agro Lestari from Republic of Korea - 30000 ha of oil palm
PT Agrinusa Persada Mulia (APM) from Indonesia - 40000 ha of oil palm
Daewoo International from Republic of Korea
PT Selaras Inti Semesta (SIS) from Indonesia - 301600 ha of oil palm
Medco Group from Indonesia
PT Modern Internasional from Indonesia
PT Plasma Nutfah Malind Papua from Republic of Korea - 67736 ha of industrial forest
PT Hardaya Sugar Papua - 44812 ha of sugar cane
PT Hardaya Sawit Papua - 62150 ha of oil palm
PT Indosawit Lestari from Republic of Korea - 14000 ha of oil palm
PT Bangun Cipta Sarana from Indonesia - 14000 of food crops
PT Digul Agro Lestari - 4000 ha of corn
PT Muting Jaya Lestari from Indonesia - 43000 ha of corn (unclear whether the company is still active within MIFEE)
Moorim Paper Co Ltd from Republic of Korea
PT Cenderawasih Jaya Mandiri from Indonesia - 40000 ha of sugar cane
PT Rajawali Corporation from Indonesia
PT Energi Hijau Kencana from Indonesia - 90225 ha of industrial forest
Pt Wanamulia Sukses Sejati from Indonesia - 122100 ha of industrial forestry and 3000 ha of maize
PT Sumber Alam Sutera from Indonesia - 15000 ha of rice
Artha Graha Network (AG Network) from Indonesia
Pt Karya Bumi Papua from Indonesia - 30000 ha of oil palm
PT Medco Papua Industri Lestari from Indonesia - 2800 ha of wood plantations (+processing)
PT Kharisma Agri Pratama - 40000 ha of sugar cane
PT Agri Surya Agung from Indonesia - 40000 ha of food crops
PT Nusantara Agri Resources from Indonesia - 40000 ha of sugar cane
PT Mega Surya Agung from Indonesia - 24697 ha of oil palm
PT Central Cipta Murdaya from Indonesia - 31000 ha of oil palm
Agro Mandiri Semesta Plantations (Ganda Group) from Indonesia
Wilmar International from Singapore
PT Agriprima Cipta Persada from Indonesia - 33540 ha of oil palm
PT Anugrah Rejeki Nusantara (ARN) from Indonesia - 200000 ha of sugar cane
PT Medco Papua Alam Lestari from Indonesia - 74219 ha
PT Tebu Wahana Kreasi from Indonesia - 20282 ha of sugar cane
PT Papua Daya Bio Energy from Indonesia
PT Anugerah Rejeki Nusantara (ARN) from Singapore
PT Energi Mitra Merauke from Indonesia - 40000 ha
Attori governativi rilevanti:Governo dell'Indonesia Merauke Regency Governo
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Solidaritas Rakyat Papua Tolak Mifee (Sorpatom) Pusaka http://pusakaindonesia.or.id/home Perkumpulan Untuk Pembharuan Hukum Berbasis Masyarakat Dan Ekologis [Associazione per la comunità ed ecologicamente basata su Refforme legale] (Himi) HTTPS: //Huma.or. ID/Keuskupan Agung Merauke/Sekretariat Keadilan Dan Perdamaian (SKP Kame) http://skpkame.com/ Coalizione della società civile contro Mifee, Masyarakat Sipil Tolak Mifee Awasmifee! https://awasmifee.potager.org/?lang=id yayasan santo Antonius (Yasanto, Merauke) Forum Kerjasama Lembaga Swadaya Masyarakat Papua [Papua Ngos Forum] (Foker LSM) http:/fokerlsMpapua.blog.si. Masyarakat Adat Nusantara [Alleanza di persone indigene dell'arcipelago] (Aman) http://www.aman.or.id/ Komali (Komunitas Masyarakat Adat Dan Lingkungan) Walhi (Friends of the Earth Indonesia) https: //walhi.or. Id/Green Peace Indonesia http://www.greenpeace.org/seasia/id/ down to to earth http://www.downtoearth-indonesia.org/ Guarda il programma di popoli forestali indonesiani https://www.forestpeoples.org/
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoAlta (diffusa, mobilitazione di massa, arresti e reazione delle forze dell'ordine)
Temporalità del conflittoResistenza preventiva (fase di precauzione)
Gruppi mobilitati:Contadini
Popoli indigeni
Organizzazioni sociali internazionali
Organizzazioni sociali locali
Abitanti (cittadini/comunità rurali)
Forme di mobilitazione:Boicottaggio procedure ufficiali/non partecipazione a processi ufficiali (es. consultazioni)
Elaborazione di documenti indipendenti (es. reports, dossier, note informative)
Lavoro di rete/azioni collettive
Coinvolgimento delle ONG nazionali e internazionali
Lettere e petizioni di reclamo
Proteste di strade/manfestazioni
Danni a proprietà/incendi dolosi
Presentazione di "richiesta di considerazione della situazione degli indigeni a Merauke" a CERD
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Perdita di biodiversità, Degradazione paesaggistica, Deforestazione/perdita di aree verdi/vegetazione
Potenziale: Riscaldamento globale, Contaminazione dei suoli, Contaminazione delle falde acquifere/riduzione dei bacini idrici
Impatti sulla saluteVisibile: Malnutrizione
Potenziale: Episodi di violenza collegata a effetti nocivi sulla salute fisica e mentale (omicidi, stupri, ecc)
Impatti socio-economiciVisibile: Sgomberi/sfollamenti, Perdità dei mezzi di sussistenza, Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture, Violazione dei diritti umani, Espropri di terra, Deterioramento del paesaggio/perdita del senso del luogo
Potenziale: Altro (specificare)
Altro (specificare)Grande afflusso di migranti
Risultati
Status attuale del progettoOperativo
Risultato del conflitto/risposta:Criminalizzazione degli attivisti
Migrazioni/sfollamenti
Attacchi violenti ad attivisti
Applicazione della legislazione vigente
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:NO
Spiegare brevemente il motivoIl Mifee è ancora in funzione senza modifiche al suo design.
Fonti e materiali
Bibliografia di libri pubblicati, articoli universitari, film o documentari pubblicati

(8) Ito, T., Rachman, N.F., Savitri, L.A., (2011). Naturalizing Land Dispossession: A Policy Discourse Analysis of the Merauke Integrated
[click to view]

(4) Indrawan, M., Caldecott, J. & Ermanyanti (2016). Mitigating Tensions over Land Conversion in Papua, Indonesia
[click to view]

(3) King, P., Elmslie, J., Webb-Gannon, C. (2011). Comprehending West Papua
[click to view]

(10) UN CERD (2011). UN CERD formal communication to the Permanent Mission of Indonesia regarding allegations of threatening and imminent irreparable harm for indigenous peoples in Merauke District related to the MIFEE project
[click to view]

(6) GRAIN & AwasMIFEE (2015). Relaunching destruction in Papua: monoculture agriculture project threatens indigenous lands and livelihoods
[click to view]

(9) FPP (2013). Request for Further Consideration of the Situation of the Indigenous Peoples of Merauke, Papua Province, Indonesia, under the UN CERD's Urgent Action and Early Warning Procedures. 25 July 2013.
[click to view]

(12) AwasMIFEE!, (2018). Home
[click to view]

(1) Faith-based Network on West Papua (FBN) (2011). Human Rights in Papua 2010/2011
[click to view]

(2) AwasMIFEE! (2012). An Agribusiness Attack in West Papua: unravelling the Merauke Integrated Food and Energy Estate
[click to view]

(7) REDD-Monitor (2013). MIFEEs Massive Seuizure of Indigenous Lands is Causing Starvation and Poverty in Papua
[click to view]

(11) AwasMIFEE!, (2017). Statement from Merauke Human Rights Day Demonstration
[click to view]

(5) Ginting, L. & Pye, O. (2013). Resisting Agribusiness Development: The Merauke Integrated Food and Energy Estate in West Papua, Indonesi
[click to view]

Media correlati - links a video, campagne, social networks

Mama Malind su Hilang, Documentary produced by Gekko Studio, Pusaka & SKP KAME
[click to view]

Meta informazioni
Collaboratore:Emmy Iwarsson (ICTA-UAB)
Ultima modifica28/05/2018
ID del conflitto:3475
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.