Ultima modifica:
05-12-2014

Piantazioni di palme da olio nel Bajo Agúan, Honduras

Descrizione:

Il Bajo Aguán è rivolto a tassi elevati di espansione delle piantagioni di palme da petrolio. $% E $% e uno dei più grandi giocatori della regione di Miguel Facussé, proprietario di Dinant Corporation, che gestisce 8.900 ettari di piantagioni di palme da petrolio. L'espansione del palmo del petrolio ha causato un conflitto crescente tra i grandi proprietari terrieri e i piccoli agricoltori che i terreni sono stati illegalmente occupati per far posto al palmo dell'olio e stanno lottando per recuperare le loro terre. $% E $% e il conflitto si è intensificato dopo il colpo di stato État nel 2009. Questo conflitto risale agli anni '60 e '70, il governo dell'Honduran ha sviluppato leggi di riforma agraria, dando terreni nella regione di Aguán a migliaia di agricoltori di sussistenza. Nel 1992 è stata approvata la legge per la modernizzazione della terra, minando i diritti degli agricoltori. Nei due anni successivi il passaggio della legge del 1992, tre grandi proprietari terrieri -Ambientazione dei loro viso- "ha usato una combinazione di frodi, coercizione e violenza per consolidare la proprietà del 73,4% della terra trasferita sotto la precedente riforma agraria", afferma Lauren Caasik, Un esperto di diritti umani scrivendo per Al Jazeera. $% e $% e le principali strategie dalle organizzazioni dei contadini sono la resistenza alle sfrazioni nella loro terra e occupazione dei territori permanenti per Dinant e che ha aumentato la violenza fino ad ora. Tra il 2009 e il 2014, oltre 60 persone collegate alle organizzazioni contadine del Bajo Aguán, oltre a un giornalista, sono stati assassinati. Secondo l'orologio dei diritti umani, la maggior parte degli omicidi è caratterizzata da una mancanza di indagine e impunità. $% E $% e inoltre, la regione è diventata un posto chiave per il traffico di droga, che aggiunge un forte elemento di complessità al problema. $% e $% &

Informazioni di base
Nome del conflittoPiantazioni di palme da olio nel Bajo Agúan, Honduras
NazioneHonduras
Città e regioneColon
Localizzazione del conflittoBajo Agúan.
Accuratezza della localizzazioneAlta (livello locale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloBiomassa e conflitti legati alla terra (gestione delle foreste, dell'agricoltura, della pesca e degli allevamenti)
Tipo di confitto. Secondo livelloPiantagioni
Produzione agricola intensiva (es.monoculture, allevamenti)
Accaparramento di terre (land grabbing)
REDD/CDM
RisorseOlio di palma

Terra
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

L'Honduras attualmente produce più di 300.000 tonnellate di tonnellate di olio di palma, quasi il 70% per l'esportazione. Il numero di ettari è aumentato drammaticamente: 40, 000 ettari negli anni '90 e 80.000 ettari nel 2005, al giorno d'oggi il numero supera i 120.000 ettari. Principalmente situato nei dipartimenti settentrionali di Colón e Atlantis, e continua ad espandersi con nuovi progetti per produrre biodiesel (quasi 100.000 galloni al giorno).

Area del progetto8.900.
Livello degli investimenti:100.000.000.000.
Tipo di popolazioneRurale
Popolazione impattata:350 000 - 400 000
Data di inizio del conflitto:1992
Imprese coinvolte (private o pubbliche)Dinant Corporation from Honduras
Attori governativi rilevanti:Gobierno de Honduras, Ejército militar, Istituto Agrario nazionale (INA),
Istituzioni internazionali o finanziarieDeutsche Entwicklungsgesellschaft from Germany
The World Bank (WB) from United States of America
Inter-American Development Bank (IADB)
Central American Bank for Economic Integration (BCIE)
Clean Development Mechanism Executive Board (CDM Executive Board)
Forest Stewardship Council (FSC)
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:National Pisands Movement, Fian Internacional (Organización Internacional por El Derecho a la alimentazione), Fidh (Federación Internacional de Derechos Humanos), Rel-uita (Regional Latinoamericana de la unión Internacional de los Trabajadores de la alimentazione, agrícolas, hoodes, ristoranti, tabaco Afines), Vía Campesina Internacional, Movimiento Campesino del Aguán (MCA), Movimiento Unificado Campesino del Aguán (Muca), Movimiento Auténtico Reivdicativo Campsino del Aguán (Marca), Vía Campesina Internacional, Observatorio de Derechos Humanos en El Aguán (Odha)
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoAlta (diffusa, mobilitazione di massa, arresti e reazione delle forze dell'ordine)
Temporalità del conflittoIn reazione all'implementazione del progetto
Gruppi mobilitati:Contadini
Popoli indigeni
Organizzazioni sociali internazionali
Organizzazioni sociali locali
Abitanti (cittadini/comunità rurali)
Movimenti sociali
Organizzazioni/comitati di donne
Gruppi etnici/razziali discriminati
Scienziati / professionisti locali
Forme di mobilitazione:Azioni artistico-creative (es. teatro guerilla, murales)
Blocchi stradali o picchetti
Occupazione di terre
Azioni legali/giudiziarie
Media-attivismo
Lettere e petizioni di reclamo
Campagne pubbliche di informazione e denuncia
Proteste di strade/manfestazioni
Minaccia di ritorsioni armate
Rivendicazione dei diritti della natura
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Perdita di biodiversità, Inondazioni, Deforestazione/perdita di aree verdi/vegetazione, Degradazione paesaggistica, Contaminazione dei suoli
Potenziale: Desertificazione, Riscaldamento globale, Contaminazione delle acque di superficie e peggioramento della qualità delle acque, Riduzione della resilienza ecologica/idrogeologica
Impatti sulla saluteVisibile: Incidenti/infortuni, Episodi di violenza collegata a effetti nocivi sulla salute fisica e mentale (omicidi, stupri, ecc), Morti, Problemi mentali compresi stress, depressione e suicidi
Potenziale: Malattie professionali e incidenti sul lavoro, Malattie infettive, Altre malattie legate alla contaminazione ambientale, Problemi di salute pubblica connessi ad alcolismo, prostituzione ecc.
Altro (specificare)Tortures e impatti psicologici ai bambini causati dalla violenza, agli Arsoni nelle scuole e dagli omicidi delle loro madri e dei loro padri.
Impatti socio-economiciVisibile: Aumento della corruzione/cooptazione dei diversi attori, Sgomberi/sfollamenti, Aumento della violenza e della criminalità, Perdità dei mezzi di sussistenza, Militarizzazione e aumento della presenza/controllo militare e forze dell'ordine, Specifici impatti sulle donne, Violazione dei diritti umani, Espropri di terra, Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture, Deterioramento del paesaggio/perdita del senso del luogo
Potenziale: Mancanza di sicurezza sul lavoro, assenteismo al lavoro, licenziamenti, disoccupazione, Aumento dei problemi sociali (alcolismo, prostituzione,ecc)
Risultati
Status attuale del progettoOperativo
Risultato del conflitto/risposta:Corruzione
Criminalizzazione degli attivisti
Morti, Omicidi, Assassinii
Migrazioni/sfollamenti
Repressione
Attacchi violenti ad attivisti
Applicazione della legislazione vigente
Sviluppo di proposte alternative:Occupazione di terre che - secondo le leggi agrarie di riforma- precedentemente appartenevano agli agricoltori
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:NO
Spiegare brevemente il motivoIl conflitto è aumentato dallo stato di stato del 2009. In Honduras, i politici aiutano ancora il settore privato ad aumentare il numero di ettari per piantare il palmo dell'olio. I contadini resistono ancora e attuano strategie di occupazione della terra.
Meta informazioni
Ultima modifica05/12/2014
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.