Ultima modifica:
07-07-2019

Petrolchimico parco industriale a Hoima, Uganda

7.118 persone sono state sfrattate per un petrolchimico parco industriale nel distretto di Hoima e le lotte per la compensazione equa e riabilitazione continuare. Un aeroporto è in costruzione, nei primi cargo fase fornirà attrezzature per una raffineria di petrolio


Descrizione:

Il governo dell'Uganda ha acquistato 2.957 ettari di terreno nel Kabaale Parish, Busekera secondario-contea, distretto di Hoima per lo sviluppo di un parco industriale petro-based, indicato come Kabaale Industrial Park. Il progetto prevede più fasi: secondo aeroporto dell'Uganda internazionale del petrolio greggio hub di esportazione conduttura, raffineria di petrolio, magazzinaggio e logistica, le industrie dei polimeri e dei fertilizzanti e agro-processori. Il sito si trova sulla riva del lago Albert e giacimenti di petrolio vicino a Graben Albertine Regione. [1] Nel 2012 il Ministero dell'energia e dello sviluppo minerale rilasciato una bozza di mappa che mostra l'area stanziato per il progetto, elencando 13 villaggi colpiti: Kyapaloni, Nyamasoga, Bukona A, Bukona B, Kayeera, Nyahaira, Kitegegwa, Kigaaga B, Katooke, Kitemba, Kabaale A, B e Kabaale Nyakasinini. [2] Un piano d'azione di reinsediamento (RAP) è stato condotto da una società ugandese, Strategic Friends International, e completata nel luglio 2012. [3] Entro il 2014 solo il 52 per cento delle persone colpite 7.118 erano stati compensati per l'acquisizione della loro terra. Un rapporto del Africa Istituto per l'energia Governance (AFIEGO) documentato due anni di violazioni dei diritti umani. Le persone che hanno chiesto il trasferimento o respinti compensazione inadeguata sono stati lasciati languire in ‘villaggi fantasma’, scarsità di cibo sofferenti con poco o nessun accesso all'acqua pulita, le scuole, l'assistenza sanitaria. Entro aprile 2015, 670 sono stati i proprietari di immobili ancora in attesa di un risarcimento, e 42 di loro sono stati disputando i bassi tassi che erano stati offerti. In aprile 2015 93 famiglie che hanno optato per la delocalizzazione, piuttosto che la compensazione erano ancora in attesa terreno che era stato promesso a loro. Sono rimasti bloccati, un disperato bisogno di un riparo, ancora non hanno accesso all'acqua pulita come pozzi era rotto e acutamente a corto di cibo, perché non erano in grado di crescere i raccolti. Nel mese di ottobre 2015, 60 famiglie colpite dimostrato contro il fallimento del governo per trasferirsi loro, tre anni dopo aver acquisito la loro terra. Hanno marciato 50 chilometri alla città di Hoima, dove hanno presentato una petizione che chiede un'azione immediata. [4] impatti socio-economici dello sviluppo di petrolio: un 2016 di carta sugli effetti socio-economici del settore petrolifero a Hoima, di Miriam Kyomugasho, documentato molti lacune nel piano di reinsediamento. Le 93 famiglie che avevano optato per il trasferimento non sono state ancora reinsediati. Avevano tentato tutti i canali disponibili per ottenere giustizia, tra cui una petizione il presidente ugandese, senza alcun risultato. Compensazione per le 1.126 famiglie che hanno optato per contanti era insufficiente per l'acquisto di terreni equivalente a quello che avevano rinunciato, una situazione aggravata da alti tassi di apprezzamento di terra. Le persone che sono rimasti in Kabaale, 132 famiglie, mancavano servizi di base come acqua potabile, scuole e mercati. C'erano impatti specifici sulle donne. diritti negati alla terra propria, alcune donne che ricevono una compensazione per la terra da coltivare finito senza terra e senza casa. strutture familiari sono stati fratturati dalla diffusione di persone e alcuni mariti abbandonato le loro mogli e figli, dopo aver ricevuto un risarcimento. Una moltitudine di fattori aveva eroso la sicurezza alimentare. Le persone in attesa di reinsediamento è stato impedito di utilizzare i loro terreni per le colture perenni e breve termine le colture hanno piantato erano spesso mangiati da animali selvatici che avevano preso le aree sopra lasciati liberi. Gli agricoltori che avevano venduto le colture alimentari in eccedenza avevano ridotto i redditi. prezzi dei prodotti alimentari di base rosa e con i mercati locali chiusi persone hanno dovuto percorrere lunghe distanze per comprare il cibo. La maggior parte delle attività di pesca erano cessate le acque sono venuti sotto il controllo delle compagnie petrolifere. [5]. Nel maggio 2017 Christopher Opio - un residente del villaggio Kyapaloni e segretario generale della Raffineria di petrolio Residents Association (ORRA), costituita per affrontare i problemi causati dalla acquisizione di terreni obbligatoria - ha scritto una lettera in risposta a notizie di stampa che il ministro di stato per la pianificazione, David Bahati , stava difendendo una richiesta di bilancio del governo per l'aeroporto proposto e voluto per iniziare a preparare opere per la costruzione. Opio ha scritto che di iniziare i lavori per l'aeroporto sarebbe preoccupare i 83 famiglie che il governo non aveva ancora trasloco e ‘creare panico nei 27 famiglie, che giustamente rifiutato il governo basso compenso offerto loro’. giardini della gente erano stati distrutti dalle attività precedenti dagli appaltatori per l'aeroporto proposto. Contractors avevano distrutto i raccolti e non li compensato. Opio appello al governo per compensare e riposizionare le persone prima di utilizzare terreni per l'aeroporto. [6] Il 10 ottobre 2017, in vista di una visita a Hoima dall'Uganda presidente Museveni e Tanzania Presidente Magufuli, ORRA ha scritto una lettera al Ispettore Generale della polizia affermando che avrebbero tenere una manifestazione pacifica, ed essere disposti ad arresto faccia, per ricordare al presidente che le infrastrutture del petrolio non dovrebbe essere sviluppata a scapito dei diritti umani a un equo compenso. [7]. Il conflitto tra agricoltori e pastori: Un capitolo di Pablo Pereira de Mattos in un libro pubblicato nel 2018: '‘Sono stato meglio senza l'olio’: Oil-correlato spostamento in Uganda occidentale', richiama l'attenzione allo sviluppo del petrolio e sgomberi che porta a cambiamenti in uso di terra comune. Il rispetto per la terra e la gente comune è diminuito cominciò a tirare sulle recinzioni e dicendo che è terreno privato. Una conseguenza di scherma terra doveva limitare i movimenti di bovini al pascolo, che a loro volta hanno portato al conflitto tra le persone. [8] Gli scontri sono scoppiati tra agricoltori e pastori di bestiame sulla terra raffineria di petrolio nel mese di febbraio 2018. Coltivatori nel villaggio Kitegwa accusati pastori di pascolo nei loro giardini e distruggendo i loro raccolti. Una lotta seria tra agricoltori e pastori ha lasciato sei feriti e almeno 10 vacche sono stati uccisi. Sette persone sono state arrestate. scontri simili si erano verificati nel mese di aprile 2017, in Kitegwa e altri tre villaggi. [9]. In aprile 2018 Hoima residente Distretto commissario John Steven Ekoom detto che centinaia di animali sono stati ostacolando aeroportuali lavori di costruzione, bloccando le vie di camion che trasportano materiali da costruzione. Le autorità di Hoima ordinato l'arresto di pastori della zona raffineria di petrolio. Ekoom ha detto: ". Ho diretto un'operazione congiunta tra l'UPDF [Defense Forces Uganda Personalità] e polizia ad arrestare qualsiasi bestiame custode che interferiscono con i progetti di petrolio e gas, a partire da domani” [10] entro il 3 maggio 2018, a seguito di una direttiva del presidente Museveni , UPDF aveva preso il controllo della raffineria di petrolio. Gli operatori della sicurezza settimana precedenti avevano sfrattati con la forza di un gruppo di pastori e coltivatori dalla scadenza di un ultimatum ordinando loro di lasciare il paese. UPDF aveva schierato un battaglione a Nyahaira scuola primaria per evitare un'ulteriore invasione su raffineria di petrolio terre da pastori e coltivatori [11] compensazione sleale e una maledizione risorsa locale:. Nel gennaio 2018 un gruppo di persone interessate dal progetto di raffineria di petrolio firmato per la compensazione, ma rammarico espresso che il governo aveva usato le obsolete tassi di compensazione 2012. coloro che avevano optato per il risarcimento in denaro nei sei anni da quando l'inizio del progetto di raffineria ha avuto, in base ai reperti della Terra, sopportato 'indicibili sofferenze'. il valore di compensazione, che avrebbe dovuto essere superiore al valore del terreno acquistato e gli sviluppi su di essa, non era stata considerata. Inoltre, un assegno di disturbi del 30 per cento per l'acquisizione di terreni obbligatoria non era mai stato pagato. Tale indennità avrebbe permesso alle persone colpite per costruire alloggi più grandi per le loro famiglie allargate. Sandra Atusinguza, un ufficiale di campo per AFIEGO, chiamato per le indagini di mancato pagamento delle indennità di disturbo, la fornitura di titoli di terra per tutte le famiglie trasferite e la compensazione supplementare che avrebbero dovuto essere pagati come la vendita del terreno è stato involontario e ha causato la perdita di strutture culturali. famiglie colpite avevano 13 chiese, una moschea e un mercato. Nessuno di questi erano in atto nel sito di reinsediamento, Kyakaboga, dove la scuola primaria di sostituzione non era ancora stato consegnato. Le famiglie avevano vissuto meno di un anno in piccole case dal governo costruito con fuoriuscita di soffitti e cablaggi nude sulle pareti che si era già sviluppato crepe. Atusinguza chiamato anche per la costruzione di condotte idriche alternative da fiumi vicini come l'acqua dal pozzo scontando Kyakaboga era duro e salato. [12]. Un articolo di Tom Ogwang, Frank Vanclay e van Arjan den Assem, ‘rent-seeking Pratiche, locale delle risorse maledizione, e il conflitto sociale in Uganda emergenti Oil Economy’, prende in esame molte conseguenze negative di sfruttamento petrolifero sulla popolazione locale nel Graben Regione Albertine. La ricerca condotta tra dicembre 2017 e marzo 2018 ha dimostrato che un orcio risorsa era evidente, soprattutto in Kabaale Parrocchia dove le persone sono state sfollate per la raffineria e l'aeroporto. lo sviluppo del petrolio è stato negativamente interessando altri settori dell'economia; c'è stata una marcata diminuzione delle attività non-oil. impatti di sviluppo Olio inclusi conflitti, insicurezza alimentare, la corruzione, e la polarizzazione sociale, in parte a causa di un afflusso di persone con molte etnie diverse e background culturali. Terra frammentazione era avvenuto e molti casi di land grabbing è venuto alla luce durante le udienze pubbliche e testimonianze. Un esempio è stato l'acquisizione di 400 ettari di terreno da un ex geometra Kabaale Distretto, che ha successivamente ceduto alla Commissione Terra Uganda per un profitto considerevole. Un certo numero di proprietari terrieri aveva beneficiato di speculazioni, raccogliendo enormi ritorni da vendere Terreno, considerando che le persone progetto colpite non avevano. Molte ONG, culturali, accademiche e religiose istituzioni avevano sostenuto le persone colpite nei loro sforzi per ricevere un trattamento equo tra cui un risarcimento adeguato. Il RAP riconosciuto pesca come un sostentamento importanza, in particolare per le donne ei giovani, ma non c'erano piani per sviluppare mezzi di sussistenza alternativi. [13]. mezzi di sussistenza perduti e un caso giudiziario a lungo ritardato il presidente del Comitato Raffineria di reinsediamento olio, Richard Orebi, hanno parlato il reinsediamento in Kyakaboga lui costi e le altre persone coinvolte loro mezzi di sussistenza. Avevano chiesto al governo di costruire case sui loro rispettivi pezzi di terra. Invece tutte le case erano stipati insieme in quello che i funzionari chiamato ‘città satellite’, lontano dai terreni assegnati per la coltivazione di colture e l'allevamento di animali. Questo ambiente urbano ‘assurdo’ lui e molte altre persone aveva costretto a vendere il suo bestiame, i caprini, suini e pollame, che in precedenza li ha aiutati a integrare i loro redditi magri. [14]. Il 29 marzo 2019, seguito ritardato Audizione del petrolio raffineria-persone colpite dalla High Court di Kampala, Principal Giudice dell'Uganda, Dott Yorokamu Bamwine, diretto la divisione della terra di alta corte di accelerare il caso. In una lettera datata 28 marzo raffineria persone colpite lo aveva informato che 20 donne e 10 bambini, che rappresenta i diritti di 7.118 persone, dimostrerebbero, campeggio presso il suo studio fino a quando l'Alta Corte ha cominciato sentire il loro caso senza ulteriori ritardi. Avevano intentato una causa civile Marzo 2014 cerca l'intervento del tribunale per fermare la violazione dei loro diritti al risarcimento equo, dicendo violazione dei loro diritti è iniziata nel mese di giugno 2013, con sottovalutazione della loro terra. [15]. La mancanza di posti di lavoro per la gente del posto in costruzione dell'aeroporto: Contractors ha iniziato respingendo il sito per l'aeroporto, ribattezzato Hoima aeroporto, la compensazione Bush e la costruzione di strade di accesso nei primi mesi del 2018. [16] Nel febbraio 2018 una riunione di crisi tra i funzionari, SBC Uganda (la ditta contratta per costruire l'aeroporto) e SCO, una ditta incaricata di costruire una strada, ha cercato di risolvere una levata di scudi tra i locali della regione di Bunyoro che hanno detto che venivano posti di lavoro negato. L'incontro ha seguito una manifestazione dalla popolazione locale che ha detto SBC Uganda non era riuscito a offrire loro opportunità di lavoro. I rapporti hanno indicato che oltre 400 persone avevano chiesto di posti di lavoro a SNC Uganda, ma non sono stati considerati. Gli abitanti del posto hanno accusato l'imprenditore all'aeroporto di importare manodopera semi e non qualificati dall'esterno Bunyoro. L'incontro ha convenuto che l'imprenditore avrebbe riservare almeno il 30 per cento dei posti di lavoro per le comunità locali e un database di fornitori locali sarebbero stati formulati per migliorare le opportunità per la fornitura di beni e servizi. [17] Ma nel mese di aprile i residenti hanno affermato che, nonostante l'intervento erano ancora trascurate nelle offerte di reclutamento con SBC Uganda in calo per offrire loro lavori come era stato concordato e non riuscendo a rispondere alle ripetute chiamate. I residenti hanno accusato anche SBC di non riuscire a costruire pozzi in Kitegwa, Kabaale e Nyamasoga villaggi come era stato concordato. Ministro Gabinetto dei Lavori e dei Trasporti, Monica Azuba Ntege, ordinato SBC di impiegare più persone provenienti da tutto il distretto di Hoima, e riserva di almeno il 30 per cento dei posti di lavoro per le comunità ospitanti. I residenti hanno anche accusato SBC di non riuscire a costruire pozzi nei villaggi di Kabaale, Kitegwa e Nyamasoga che aveva promesso. [18] Le tensioni più di mancanza di lavoro per i locali a Hoima Aeroporto riaccesero nel dicembre 2018. Gli abitanti del posto hanno accusato SBC Uganda di loro bloccando deliberatamente fuori o posti di lavoro legati al petrolio, mentre stava considerando giovani provenienti da altre parti del paese. Un uomo da Nyamasoga non è stato dato un lavoro lavoratore occasionale, anche se avesse ricevuto raccomandazioni da parte dei leader locali. Un altro residente Nyamasoga con un permesso di camion che guida domanda per un lavoro di guida, ma la sua richiesta è stata respinta. C'erano anche i reclami che SBC l'Uganda è stato non aver applicato le esigenze della politica di contenuti locali messi in atto per consentire i locali di beneficiare del progetto. Responsabile Risorse Umane di SBC dell'Uganda ha detto che la società è stata impegnata a garantire che il 30 per cento della sua forza lavoro era costituito da gente del posto, ma ha detto che la maggior parte di loro non aveva le competenze e l'esperienza necessarie. Recentemente, persone provenienti da villaggi locali avevano furgoni aziendali un agguato che trasportano i lavoratori SBC al cantiere dell'aeroporto, li scrosciante con le pietre. La polizia della regione di Albertine è intervenuto e ha cominciato scortando furgoni al sito. [19] sciopero ad alta sicurezza e dei lavoratori: sicurezza al cantiere Hoima Airport è stato dilagato nel maggio 2018; l'esercito e la polizia sono stati portati per mantenere la sicurezza generale e di sorveglianza contro il furto con giorno e notte pattuglie. La risoluzione di sicurezza ha seguito il furto di diverse taniche di carburante in cantiere dell'aeroporto e ci sono stati trasferimenti di polizia di alto livello a causa di accuse che hanno dato protezione ai ladri di carburante. [20]. La polizia sono stati dispiegati all'aeroporto di Hoima il 16 maggio 2018 in risposta alla sciopero dei lavoratori. I lavoratori hanno protestato per le domande di licenziamento illegale di alcuni dei loro colleghi, sottoposti a un ambiente di lavoro duro per la gestione SBC Uganda e il mancato pagamento degli stipendi per due mesi. Un portavoce della Albertine regione della polizia ha detto il dispiegamento è stato quello di lavoratori del blocco di distruggere proprietà dell'aeroporto. [21] è stato segnalato un ‘dispiegamento di polizia pesante’. [22] Spice FM ha riferito che i lavoratori in sciopero chiedono migliori condizioni di lavoro accusati gestione SBC Uganda di licenziamento senza giusta causa e l'uso di un linguaggio offensivo e hanno chiesto il licenziamento del direttore di progetto di assistenza hanno accusato di essi maltrattano, la pubblicazione di fotografie di una 'protesta pacifica' di oltre 250 lavoratori. [23] Hoima residente Distretto commissario John Steven Ekoom giro di vite sui lavoratori in sciopero, ordinando alla polizia di indagare sette persone ha definito “capoccia” il quale ha accusato di sabotare il progetto dell'aeroporto. Ha anche accusato gli operai di mobilitare clandestinamente i loro colleghi di continuare lo sciopero, anche se le loro rimostranze erano stati affrontati in seguito ad una riunione di crisi con SBC Uganda e rappresentanti dei lavoratori. diritti trascurando alla libertà di parola ha detto: “Alcuni di loro sono stati anche cercando di entrare in contatto con i finanziatori UK esportazione in Inghilterra sul telefono circa lo sciopero il 15 e 16 maggio.” Ekoom anche dimostrato disprezzo per i diritti di lavoro presunti leader dello sciopero, dicendo: ‘Propongo azioni da adottare, sospendendo tutti quei colpevoli con effetto immediato’ [24]. Nel mese di settembre 2018, come la costruzione di infrastrutture petrolifere progredito, è diventato evidente che la delocalizzazione di tombe in diversi villaggi potrebbe ritardare la costruzione di Hoima Airport. Un portavoce di SBC Uganda, Amos Muriisa, ha dichiarato: “La questione delle tombe è alle porte e è una cosa seria. Le persone colpite sono stati compensati nel 2012 e hanno deciso di spostarsi in altre aree. Quello che hanno ottenuto, forse, non era sufficiente per consentire loro delocalizzare i resti dei loro cari.” fornitura di acqua insufficiente nel sito reinsediamento, Kyakaboga, ha continuato. Le persone erano stati informati che sarebbe fornito acqua corrente, ma pozzi che erano stati promessi non erano ancora state costruite e tutti i residenti convenuto che le riserve di acqua esistenti non potevano sostenere. Un centro di salute non era ancora stato costruito in modo residenti hanno dovuto viaggiare a 5 km a l'accesso alle cure mediche. [25]. persone Project-colpite che avevano optato per il reinsediamento in Kyakaboga hanno continuato i loro tentativi di ricorso in tribunale per fallimenti del governo per ripristinare le loro condizioni di vita precedenti. Nel corso di un'audizione svoltasi il 4 marzo 2019, il loro più recente apparizione al Kampala Alta Corte, querelanti ha informato il giudice della sotto-compensazione e di cattive condizioni di vita, con piccole case in un campo simile insediamento, senza illuminazione e l'accesso limitato all'acqua. La mancanza d'acqua è stata una delle ragioni per la scarsa igiene, insieme a cattivi odori da latrine vicino alle case. Il presidente di residenti interessati ha detto otto famiglie avevano abbandonato le loro case a causa di problemi relativi servizi igienico-sanitari. Nel tentativo di accelerare il caso del giudice adito, Lady Justice Cornelia Sabitti, offerto di visita raffineria di persone colpite in Kyakaboga. [26]. più lunga riscaldata oleodotto del mondo Nel mese di aprile 2018 i funzionari del governo dipinte croci rosse su cinque case nel villaggio Hoima Distretto di Kyakatemba. Il governo è stato impostato per prendere circa la metà dei terreni nella zona per più lungo oleodotto riscaldata del mondo. Una donna in piedi al di fuori delle case contrassegnate con i suoi nipoti ha detto che era incerto se impianti per la prossima stagione come lei potrebbe essere trasferito. [27]. L'East African Crude Oil Pipeline (EACOP) è un 1.443 km export pipeline di olio in fase di sviluppo per l'olio di trasporto da Kabaale Industrial Park per il porto di Tanga, sulla costa della Tanzania. [28] In agosto 2018 è stato riferito che i residenti Kyakatemba temeva di perdere terreno dopo che il governo delimitata circa la metà del terreno nella zona per il gasdotto. Un contadino, James Mubona, detto terra nutrire i suoi figli e nipoti sarebbero persi e hanno espresso preoccupazione per l'impatto sull'economia della regione che dipende l'agricoltura. Energia portavoce del ministero, Jusuf Masaba, ha detto che il tracciato del gasdotto era stato tracciato con i piani per compensare e persone il reinsediamento in fase avanzata e che il governo è stato l'acquisizione di terreni agricoli, non le case, perché non c'erano insediamenti nel suo percorso. [29]. Su 28 maggio 2019 una coalizione di 21 africani e le organizzazioni internazionali, tra cui AFIEGO, 350.org, compreso lo sviluppo internazionale (IDI) e la Banca di fondo, ha scritto una lettera invitando Standard Bank del Sud Africa e la giapponese Sumitomo Mitsui Banking Corp (SMBC) di ritirare dal loro ruolo di lead arrangers per EACOP, consigliando i governi dell'Uganda e della Tanzania e organizzare USD 2.5 miliardi in prestiti di finanza per il completamento del progetto di miliardi di USD3.5. La lettera ha evidenziato rischi del progetto tra cui lo spostamento di intere comunità nella zona di estrazione del petrolio e corridoio del gasdotto, con un impatto fino a 14.500 aziende agricole nel tratto della Tanzania, le minacce a fonti di acqua dolce, tra cui Lago Vittoria, grave degrado degli habitat di elefanti, scimpanzé orientale e leoni. La lettera ha anche sottolineato gli impatti climatici; i 216.000 barili di greggio al giorno dovrebbe essere trasportato dal gasdotto è prevista per provocare emissioni di CO2 di oltre 33 milioni di tonnellate all'anno, significativamente maggiore rispetto alle emissioni combinate di Uganda e Tanzania. [30]. Feeder gasdotto e la strada per l'aeroporto di Hoima Nel gennaio 2019 AFIEGO riferito che otto famiglie raffineria colpite che sono stati trasferiti in Kyakaboga affrontato essere spostati di nuovo come Total PE ha acquistato terreni per tubazioni di alimentazione. La gente era senza titoli di proprietà e quindi a rischio di ricevere un risarcimento bassa. Erano stati richiedono titoli di proprietà dal 2014 e ripetuto le loro richieste in una lettera al Hoima RDC (Resident commissario del distretto). [31]. Nel mese di aprile 2019 i rappresentanti di AFIEGO, Associazione Nazionale degli ambientalisti professionali (NAPE) e di altre organizzazioni della società civile hanno visitato un residente di Kigaga Un villaggio in Hoima, signor Jorum Basiima, che temevano che egli possa essere in grado di fornire cibo per i suoi figli a causa di costruzione di una strada a Hoima Airport. Uganda Nazionale Roads Authority (UNRA) aveva imposto una data limite per il pagamento del risarcimento di 2,5 acri della sua terra. date di cut-off scoraggiano comunità provenienti da coltivazioni perché perdono soldi investiti nei semi e la coltivazione. Il signor Basiima era uno di un certo numero di famiglie che hanno detto che non dovrebbero piantare colture perenni dopo la data di cut-off e faccia insicurezza alimentare a seguito del progetto stradale. Nei suoi buchi da giardino che erano stati tagliati nel terreno per piantare i tuberi di manioca erano vuoti. [32] $% & $% &

Informazioni di base
Nome del conflittoPetrolchimico parco industriale a Hoima, Uganda
NazioneUganda
Città e regioneWestern Region, Uganda
Localizzazione del conflittoBuseruka secondario-contea, distretto di Hoima
Accuratezza della localizzazioneAlta (livello locale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloEnergia (fossile, rinnovabile e giustizia climatica)
Tipo di confitto. Secondo livelloAccesso all'acqua e modelli di gestione
Accaparramento di terre (land grabbing)
Reti d'infrastrutture per il trasporto (strade, ferrovie, idrovidie, canali, gasdotti, oleodotti, ecc)
Porti e aeroporti
Raffinazione gas e petrolio
RisorsePetrolio
Terra
Acqua
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

Il governo dell'Uganda ha acquistato 2.957 ettari di terreno in Kabaale parrocchia per lo sviluppo di Kabaale Industrial Park. sviluppo graduale del parco industriale petro-base comprende: secondo aeroporto internazionale dell'Uganda, raffineria di petrolio, petrolio greggio hub di esportazione gasdotto, magazzinaggio e logistica, industrie dei polimeri e dei fertilizzanti, agro-processori e altri servizi quali l'alloggio dei lavoratori. Un Master Plan per lo sviluppo del Parco è stato preparato da consulenti SMEC internazionali. L'attuazione del Master Plan insieme con lo sviluppo e la gestione sono stati conferiti in Uganda National Oil Company (UNOC). [1] Foster Wheeler ha condotto uno studio di fattibilità nel 2010. [3] L'aeroporto masterplan Kabaale, completato nel mese di aprile 2016, prevede che 30.000 tonnellate di attrezzature oltre a materiali da costruzione e materiali di consumo saranno portati per la prima fase di costruzione della raffineria di petrolio: 80% formulato su strada, il 15% in treno e il 5% aria. L'aeroporto sarà anche trasporto di merci e di personale. [33] I prestiti garantiti governo ugandese, USD318,589,732 dal Regno Unito Export Finance (UKEF) e USD43,745,979 da Standard Chartered Bank, per finanziare lo sviluppo dell'aeroporto di Kabaale. Il contratto di finanziamento è stato firmato il 7 dicembre 2017. [34] Il governo britannico ha dichiarato che l'aeroporto, secondo aeroporto internazionale dell'Uganda, consentirà lavorare su progetti energetici e infrastrutturali su larga scala in programma nella zona. Il prestito per la costruzione dell'aeroporto in Kabaale è il primo grande progetto in Uganda per essere sostenuto da UKEF e il più grande prestito mai UKEF a un governo africano. Standard Chartered ha agito come lead arranger per il prestito. [35] In precedenza, nel mese di ottobre 2017, i membri della commissione parlamentare dell'Uganda sull'economia nazionale in discussione l'alto costo dei prestiti, che sono di natura commerciale. Hanno detto che i prestiti agevolati, da parte delle istituzioni finanziarie di sviluppo come la Banca Mondiale, avrebbero offerto termini più generosi come ad esempio un periodo di rimborso più lungo, un periodo di grazia più lungo tra la firma del prestito e il primo rimborso, oltre a tassi di interesse più bassi rispetto disponibili sul mercato. I tassi di interesse di 1.171 per cento per il prestito UKEF e il 4 per cento per il prestito Standard Chartered Bank sono stati segnalati. [36] Nei primi mesi del 2018 le imprese che costruiscono l'aeroporto, Colas Regno Unito e SBI International Holdings (il braccio internazionale di Israele a base Shikun & Binui), ha iniziato a macchia chiara, creare strade di accesso per il traffico costruzione e recintare il sito 29 km quadrato. Quasi 1 chilometro cubo di ghiaia era già stata spostata per la costruzione del terrapieno pista, con altri 6 chilometri cubi di essere spostato prima del completamento del progetto. Ci si aspettava che circa 13.000 tonnellate di bitume siano importati per emersione lavoro tra cui la pista con altri materiali disponibili localmente. Al termine l'aeroporto, ora denominata Hoima aeroporto, con una pista di 3,5 chilometri di lunghezza e 75 metri di larghezza sarà in grado di ospitare più grande aereo cargo del mondo, tra cui Boeing 787-8Fs e Antonov An-124S, che sarà utilizzato per fornire attrezzature fuori misura necessari per la costruzione della raffineria di petrolio e associato infrastrutture dell'industria petrolifera. L'aeroporto sarà supportata da 4 chilometri di strade di accesso. [16] L'area di stazionamento avrà una capacità di parcheggiare quattro grandi aerei con una possibilità di ulteriore espansione in futuro. [37] Il progetto principale è sotto una scadenza stretta, la pianificazione per navi da carico per iniziare l'atterraggio sulla pista nel 2020, circa un anno prima che il terminale è in programma per il completamento. Hoima aeroporto sarà di proprietà della Civil Aviation Authority dell'Uganda. [16] SBC (Uganda) Limited, la joint venture tra Colas Regno Unito e SBI Holdings internazionali costruendo Hoima aeroportuale, è stata costituita nel Regno Unito il 23 marzo 2016. [38] In aprile 2019 SBC Uganda Ltd ha riferito che le opere erano completi 21%. Civil Aviation Authority responsabile degli affari pubblici Vianney Luggya ha detto: “La prima fase di costruzione, tra cui la pista e le strutture di movimentazione delle merci, dovrebbe essere pronto intorno al 2020. Questa fase è in primo luogo alla costruzione sostegno della raffineria di petrolio.” [37 ] Entro giugno 2019 terrapieni per l'aeroporto aveva scavo coinvolti e compattazione del suolo fino a 27 metri dal suolo per fornire una base solida per la pista. La prima fase delle operazioni aeroportuali sosterrà in particolare costruzione della raffineria di petrolio. ENAC gestore Vianney Luggya detto: “Nel 2022, la seconda fase di costruzione è formulato. Questa fase sottolinea di facilitazione dei passeggeri. Essa pertanto promuovere il turismo e le imprese in particolare nel settore agricolo “. [39] Il contratto con Albertine Graben Consorzio di raffineria (AGRC) per la costruzione della raffineria di petrolio USD4 miliardi, chiamato Uganda Raffineria di petrolio, è stato firmato dal governo ugandese in aprile 2018 . [40] La proposta AGRC per i 60.000 barili al giorno di configurazione raffineria di petrolio Kabaale è stato approvato nel marzo 2019. Il consorzio comprende YAATRA Africa, Gruppo LionWorks e Baker Hughes General Electric (BHGE) ed è supportato da Saipem Spa come fornitore di servizi. [41] Anche marzo 2019 una proposta tecnica per la raffineria di petrolio, sviluppato da Saipem Spa, è stata concessa l'approvazione formale da parte del governo. [42] Il previsto East African Crude Oil Pipeline (EACOP), più lungo gasdotto riscaldata del mondo, una condotta di esportazione che si estende 1.443 chilometri da Kabaale Industrial Park per il porto di Tanga in Tanzania, si prevede che richiederà un investimento di USD3.5 miliardi. Al picco di produzione si prevede che il gasdotto per trasportare 216.000 barili al giorno. [28] Nel maggio 2019 il governo ha presentato una proposta che cerca di prendere in prestito USD456,378,107 per l'aggiornamento e la costruzione di strade petrolifere nazionali all'interno del Albertine Graben. China Exim Bank dovrebbe coprire l'85% del contratto commerciale per ogni pacchetto con il governo il finanziamento del 15%. Le strade erano destinati come strade di accesso chiave necessari per la costruzione EACOP e la raffineria di petrolio in Hoima. Il progetto sarà attuato dalla Uganda Nazionale Roads Authority (UNRA). [43]

Area del progetto2.957
Tipo di popolazioneRurale
Popolazione impattata:7118
Data di inizio del conflitto:01/01/2012
Imprese coinvolte (private o pubbliche)Uganda National Oil Company (UNOC) from Uganda - Operator and manager of Kabaale (Hoima) Industrial Park
SBI International Holdings AG (Uganda) from Uganda - Awarded contract to construct Hoima Airport in February 2018, joint venture with Colas UK: SBC Uganda
Colas UK from United Kingdom - Awarded contract to construct Hoima Airport in February 2018, joint venture with SBI International Holdings AG (Uganda): SBC Uganda
Albertine Graben Refinery Consortium (AGRC)
Strategic Friends International (SFI) from Uganda - Contracted by Ministry of Energy and Mineral Development (MEMD) in 2012 to implement a Resettlement Action Plan (RAP) for persons affected by the acquisition of land for Hoima oil refinery
Foster Wheeler from Switzerland - Conducted feasibility study for Hoima oil Refinery, report released in 2010
Newplan from Uganda - Development of Master Plan and Eenvironmental and Social Impact Statement for Hoima Airport (published March 2016).
Ramboll - Development of Master Plan and Environmental and Social Impact Statement for Hoima Arport (published March 2016).
SBC Uganda - Awarded contract to construct Hoima Airport in February 2018
SMEC from Australia - Engaged by Ministry of Energy and Mineral Development of Uganda to develop a Master Plan for Oil and Gas Industrial Park in Kabaale, October 2016 https://www.smec.com/newsroom/current-news/smec-develops-master-plan-oil-and-gas-industrial-park-uganda
Saipem from Italy
Attori governativi rilevanti:Governo dell'Uganda Civil Aviation Authority - Forze di Difesa Uganda Nazionale della Pianificazione Territoriale Consiglio Uganda Popolo (UPDF)
Istituzioni internazionali o finanziarieUK Export Finance (UKEF) from United Kingdom - USD318,589,732 loan to Uganda government to help finance Hoima Airport. Loan agreement signed on 7th December 2017.
Standard Chartered Bank from United Kingdom - Lead arranger for joint UK Export Finance (UKEF) / Standard Chartered Bank loan to finance Hoima Airport. Loan agreement signed on 7th December 2017. USD43,745,979 loan to Ugandan government to help finance Hoima Airport.
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Energy Institute africano per Governance (AFIEGO) - https://www.afiego.org/ Raffineria di petrolio Residents Association (ORRA) Raffineria di petrolio Comitato reinsediamento diritti globali Alert (GRA) - https://globalrightsalert.org/ Enanga - https: / /www.enanga.org/ Associazione nazionale ambientalisti professionali (NUCA) - http://www.nape.or.ug Albertine Watchdog - https://www.albertinewatchdog.org/
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoMedia (proteste, mobilitazione visibile)
Temporalità del conflittoResistenza preventiva (fase di precauzione)
Gruppi mobilitati:Contadini
Popoli indigeni
Lavoratori industriali
Organizzazioni sociali internazionali
Organizzazioni sociali locali
Governi locali/partiti politici
Abitanti (cittadini/comunità rurali)
Pastori
Movimenti sociali
Organizzazioni/comitati di donne
Scienziati / professionisti locali
Pescatori
Forme di mobilitazione:Boicottaggio procedure ufficiali/non partecipazione a processi ufficiali (es. consultazioni)
Ricerca partecipativa (es. epidemiologia popolare)
Elaborazione di documenti indipendenti (es. reports, dossier, note informative)
Lavoro di rete/azioni collettive
Coinvolgimento delle ONG nazionali e internazionali
Occupazione di terre
Azioni legali/giudiziarie
Media-attivismo
Lettere e petizioni di reclamo
Campagne pubbliche di informazione e denuncia
Proteste di strade/manfestazioni
Scioperi
Rivendicazione dei diritti della natura
Appelli/ricorsi per una valutazione economica dello status dell'ambiente
Rifiuto di risarcimento/compensazioni
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Insicurezza alimentare/danni alle produzioni agricole, Degradazione paesaggistica, Deforestazione/perdita di aree verdi/vegetazione, Contaminazione delle acque di superficie e peggioramento della qualità delle acque
Potenziale: Inquinamento atmosferico, Perdita di biodiversità, Riscaldamento globale, Inquinamento acustico, Contaminazione dei suoli, Erosione, Fuoriuscite di petrolio, Contaminazione delle falde acquifere/riduzione dei bacini idrici, Riduzione della resilienza ecologica/idrogeologica, Impatti sul sistema idrogeologico
Impatti sulla saluteVisibile: Malnutrizione, Problemi mentali compresi stress, depressione e suicidi
Potenziale: Malattie infettive, Altro (specificare)
Altro (specificare)Malattie causate da inquinanti emessi dagli aerei malattie causate dalla mancanza di accesso ad acqua pulita
Impatti socio-economiciVisibile: Sgomberi/sfollamenti, Mancanza di sicurezza sul lavoro, assenteismo al lavoro, licenziamenti, disoccupazione, Perdità dei mezzi di sussistenza, Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture, Militarizzazione e aumento della presenza/controllo militare e forze dell'ordine, Specifici impatti sulle donne, Espropri di terra, Deterioramento del paesaggio/perdita del senso del luogo, Aumento della violenza e della criminalità, Violazione dei diritti umani
Altro (specificare)Il conflitto tra agricoltori e pastori perdita di mezzi di sussistenza di pesca
Risultati
Status attuale del progettoIn costruzione
Risultato del conflitto/risposta:Compensazioni
Giudizio in attesa di sentenza
Migrazioni/sfollamenti
Repressione
Rafforzamento della partecipazione
Negoziazione in corso
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:NO
Spiegare brevemente il motivo7.118 persone sono state sfollate per Kabaale Industrial Park e lotte per un risarcimento equo e il reinsediamento continuano.
Meta informazioni
Collaboratore:Rose Bridger, Stay Grounded, email: [email protected]
Ultima modifica07/07/2019
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.