Ultima modifica:
18-01-2016

Riconoscimento di terre indigene a Raposa Serra do Sol, Brasile

Dopo decenni di repressione e lotta per i loro diritti, le comunità indigene di Repsa Serra do Sol ottennero il riconoscimento del loro territorio nel 2005. Tuttavia, la difesa dei loro diritti umani rimane una questione calda.


Descrizione:

Il popolo indigeno di Raposa Serra do Sol (le comunità di Makuxi, Wapicana, Tuarepang, Ingarik e Patamana) hanno combattuto per 30 anni per ripristinare e proteggere i loro diritti alle terre ancestrali, minacciate da Fazendeiros e Garimpareiros (allevatori di bovini, produttori di riso e Cacciatori d'oro), che hanno sfruttato e occupavano le loro terre per secoli. $% e $% e presa del terreno è accoppiata anche con implementazione militare. Sotto la spinta di rafforzare la presenza dell'esercito brasiliano sui suoi confini, la presenza militare sulle terre indigene si riunisce con la repressione violenta ricorrente delle comunità [1 e 2]. $% E $% e persone native hanno reagito contro le violazioni del loro diritto costituzionale di vivere Territori che non possono essere sequestrati, un requisito essenziale per l'autodeterminazione. Durante l'Assemblea General Tuxauas nel 2002 i leader delle Comunità indigene individuate alle diverse attività che penetrano nella loro territrice senza il loro consenso e minacciando la sua integrità e l'equilibrio precario, tra cui il minerario d'oro illegale, i proprietari terrieri, la costruzione di un composto militare in uiramutà (e Il programma militare di Calha Norte), una griglia di elettricità ecc ... in cima a quella, due parchi nazionali (Monte Roraima e Serra da Mocidade) impediscono alle comunità indigene di avere un accesso esclusivo alle risorse naturali [6]. Raccolti presso l'Assemblea Generale Tuxauas nel 2002, le comunità indigene invitate in una lettera aperta alle autorità per la delimitazione ufficiale del loro territorio. Tale progresso proteggeva legalmente Raposa Serra do Sol dai coloni degli estranei. Questo è fatto nel 2005 dal decreto presidenziale di Lula, che riconosce la continuità territoriale di Raposa Serra do Sol e facendo così sovvenzione della Autonomia delle Comunità indigene e implica l'evacuazione dei proprietari terrieri dell'area. $% E $% e ancora il governo federale dello stato di Roraima e I proprietari terrieri hanno fatto appello alla Corte Suprema, concordando la delimitazione di Raposa Serra do Sol come un territorio indigeno. A partire dall'inizio del 2009, la Corte Suprema ha soddisfatto i diritti della terra delle Comunità indigene. Tuttavia la decisione della Corte Suprema è stata seguita da 19 condizioni che limitano quegli ammiri diritti. Infatti, in caso di risorse naturali trovate sul loro territorio, le comunità non devono essere consultate [3]. L'argomento per un tale modo di procedere è quello di collocare il principio nazionale della sovranità come priorità in cima ai diritti indigeni. $% E $% e nel 2013, un raduno a Borro, Raposa Serra do Sol, commemora la decisione della Corte Suprema del 2009 . Era anche l'opportunità di protestare contro l'emendamento costituzionale proposto (PEC) 215 [4]. L'emendamento avrebbe trasferito la decisione del potere di demarcare terre indigene da funi al Congresso, rendendo nuovi riconoscimenti di terra molto più difficile. Il (PEC) 215 ha sollevato la concorrenza forte, ampia ea nazione. Finalmente è stato respinto entro la fine del 2015 [5]. $% E $% &

Informazioni di base
Nome del conflittoRiconoscimento di terre indigene a Raposa Serra do Sol, Brasile
NazioneBrasile
Città e regioneRoraima.
Localizzazione del conflittoReposa serra do sol
Accuratezza della localizzazioneMedia (livello regionale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloBiomassa e conflitti legati alla terra (gestione delle foreste, dell'agricoltura, della pesca e degli allevamenti)
Tipo di confitto. Secondo livelloEsplorazione ed estrazione di minerali
Accaparramento di terre (land grabbing)
Deforestazione
Installazioni militari
RisorseTerra
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

I leader indigeni sono stati assassinati dal 1970 alla ricerca del riconoscimento della loro terra. La deforestazione si è verificata in queste terre è di un equivalente di 22.000 ettari. L'estensione dello stato Roraima è di 22.411.800 ettari, da cui è delimitato come territorio indigeno un'area di 10.311.679 ettari. La partecipazione del territorio indigeno in reposa Serra do Sol è di un 7,8% mentre la popolazione indigena è di 49.309 su 394.493 in Repsa Terra do Sol. Oggi Raposa Serra do Sol Reserve è la seconda più grande del Brasile in estensione (1,7 milioni di ettari) e il più popoloso con 17.000 abitanti [3].

Area del progetto10,311.679.
Tipo di popolazioneRurale
Data di inizio del conflitto:10/1970
Attori governativi rilevanti:Governo del Brasile, Governo dello Stato Roraima - Brasile, Ministy of Defense - Brasile, Funai (Departo Affari indigeni del Brasile)
Istituzioni internazionali o finanziarieInter- American Commission on Human Rights
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Makuxi Persone indigene - Brasile, Wapichana Persone indigene - Brasile, Tuarepang Indigenes - Brasile, Ingariko Persone indigene - Brasile, Patamana Persone indigene - Brasile, Consiglio indigeno Roraima (CIR), Sociedade de Defesa Dos IndíGenas Unidos de Roraima (Sodiur), Rainforest Fondazione
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoMedia (proteste, mobilitazione visibile)
Temporalità del conflittoIn reazione all'implementazione del progetto
Gruppi mobilitati:Contadini
Popoli indigeni
Organizzazioni sociali locali
Forme di mobilitazione:Blocchi stradali o picchetti
Coinvolgimento delle ONG nazionali e internazionali
Azioni legali/giudiziarie
Proteste di strade/manfestazioni
Danni a proprietà/incendi dolosi
Scioperi
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Perdita di biodiversità, Fuoriuscite di contaminanti, Deforestazione/perdita di aree verdi/vegetazione, Contaminazione delle acque di superficie e peggioramento della qualità delle acque
Potenziale: Desertificazione, Contaminazione delle falde acquifere/riduzione dei bacini idrici
Impatti sulla saluteVisibile: Episodi di violenza collegata a effetti nocivi sulla salute fisica e mentale (omicidi, stupri, ecc), Problemi di salute pubblica connessi ad alcolismo, prostituzione ecc., Morti
Potenziale: Esposizione a fattori a rischio incerti o non conosciuti (es. radiazioni), Problemi mentali compresi stress, depressione e suicidi, Malattie professionali e incidenti sul lavoro, Malattie infettive, Altre malattie legate alla contaminazione ambientale
Impatti socio-economiciVisibile: Aumento della corruzione/cooptazione dei diversi attori, Sgomberi/sfollamenti, Perdità dei mezzi di sussistenza, Militarizzazione e aumento della presenza/controllo militare e forze dell'ordine, Aumento dei problemi sociali (alcolismo, prostituzione,ecc), Specifici impatti sulle donne, Violazione dei diritti umani
Potenziale: Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture
Risultati
Status attuale del progettoFermato
Risultato del conflitto/risposta:Criminalizzazione degli attivisti
Morti, Omicidi, Assassinii
Delimitazione territoriale
Sentenze favorevoli alla giustizia ambientale
Attacchi violenti ad attivisti
Applicazione della legislazione vigente
Nel 2010 è stato riferito che invasinare i coltivatori di riso avevano lasciato la terra demarcata indigena a Raposa / Serra do Sol, a Roraima, la produzione di riso era tornata.
Sviluppo di proposte alternative:Per accettare il riconoscimento del singolo territorio continuo della popolazione indigena per la reposa serra fai sol e spostare tutta la popolazione non indigena da quella terra, così come le loro pratiche non indigene che influenzano i loro stili di vita e l'ambiente.
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:Incerto
Spiegare brevemente il motivoAnche se il territorio è stato finalmente riconosciuto, gli impatti ambientali e sociali sono stati troppo forti e non compensati.
Meta informazioni
Ultima modifica18/01/2016
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.