Ultima modifica:
01-09-2019

Rio Tinto/Qmm ilmenite minia, Madagascar

QMM, 80% di proprietà di Rio Tinto e 20% dal governo del Madagascar, ha costruito un'operazione di estrazione di sabbie minerali vicino a Taolagnaro sostenuta dalla Banca mondiale. QMM Estrai ilmenite e zircone.



Questo modulo è stato tradotto per tua comodità utilizzando il software di traduzione fornito da Google Translate. Pertanto, potrebbe contenere errori o discrepanze. In caso di dubbi sull'accuratezza delle informazioni contenute in queste traduzioni, fare riferimento alla versione del caso all'indirizzo: Inglese (Originale)

Descrizione:



Simile a Kwale in Kenya, a Pondoland in

Vedi altro
Informazioni di base
Nome del conflittoRio Tinto/Qmm ilmenite minia, Madagascar
NazioneMadagascar
Città e regioneTaolagnaro
Localizzazione del conflittoMandena, Petriky, Sainte Luce
Accuratezza della localizzazioneAlta (livello locale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloEstrazione mineraria e cave
Tipo di confitto. Secondo livelloEsplorazione ed estrazione di minerali
Deforestazione
Scarti / rifiuti da attività minerarie
RisorseTitanio
Ilmenite Zirconio
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

L'attività mineraria iniziale si trova nel sito di HA Mandena del 2000, a nord di Taolagnaro. La produzione su questo sito alla fine aumenterà fino a 750.000 tonnellate all'anno.

Vedi altro
Area del progetto8.000
Livello degli investimenti:1000.000.000 (940 milioni di dollari USA investiti in Mada)
Tipo di popolazioneRurale
Popolazione impattata:60.000 - 70.000
Data di inizio del conflitto:2005
Imprese coinvolte (private o pubbliche)Rio Tinto (Rio Tinto ) from United Kingdom
QIT Madagascar Minerals S.A. from Madagascar
QMM from Canada
Attori governativi rilevanti:Office of National Mines and Strategic Industries, The National Environment Office, Economic Development Board of Madagascar, Malagasy Environment Ministry, Malagasy Mining Cadastre
Istituzioni internazionali o finanziarieThe World Bank (WB) from United States of America
US Agency for International Development (USAID)
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:IUCN, WWF, Panos London, Friends of the Earth, London Mining Network, Andrew Lees Trust
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoAlta (diffusa, mobilitazione di massa, arresti e reazione delle forze dell'ordine)
Temporalità del conflittoIn reazione all'implementazione del progetto
Gruppi mobilitati:Contadini
Organizzazioni sociali internazionali
Pescatori
Forme di mobilitazione:Elaborazione di documenti indipendenti (es. reports, dossier, note informative)
Proteste di strade/manfestazioni
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Perdita di biodiversità, Contaminazione dei suoli, Deforestazione/perdita di aree verdi/vegetazione, Contaminazione delle acque di superficie e peggioramento della qualità delle acque
Altro (specificare sotto)Secondo la London Mining Network, il progetto Rio Tinto/QMM ha attirato l'opposizione da parte degli ambientalisti sin dal suo inizio perché il sito minerario si trova all'interno degli ultimi frammenti rimasti della foresta costiera nel Madagascar; Poiché questo tipo di foresta è unico per il paese. Ad esempio, QMM ha riportato 64 specie di flora endemica non trovate altrove.
Impatti sulla saluteVisibile: Esposizione a fattori a rischio incerti o non conosciuti (es. radiazioni)
Impatti socio-economiciVisibile: Sgomberi/sfollamenti, Espropri di terra, Deterioramento del paesaggio/perdita del senso del luogo
Potenziale: Violazione dei diritti umani
Altro (specificare)Secondo Rio Tinto/QMM, il progetto e i suoi appaltatori impiegano 3.300 persone: 1 800 malgasci dall'area locale (regione di Anosy) che rappresentano il 55%; 1 100 lavoratori malgasci migranti (da aree diverse dalla regione di Anosy) che rappresentano il 33%; e 400 espatriati che rappresentano il 12%. E il risarcimento pagato da Rio Tinto/ QMM ai PAP nel 2007, è di circa 4 milioni di dollari.
Ma nel gennaio 2012, le comunità locali di Taolagnaro hanno fatto manifestazioni per strada, trasportando stendardi e chiedendo le dimissioni del capo della regione di Anosy, il trasferimento del capo distrettuale, il commissario di polizia, il capo del dipartimento delle terre, e i funzionari locali della National Environment Agency (One)
Distruzione di tombe e conseguente perdita di patrimonio privato, culturale e storico.
Risultati
Status attuale del progettoOperativo
Sviluppo di proposte alternative:-Splainando il progetto minerario alla popolazione locale in termini a cui possono relazionarsi e che rientrano nella loro visione del mondo.
-Per Rio Tinto: migliorare la trasparenza e la comunicazione con le parti interessate; Limitare gli impatti negativi della miniera non solo sull'ambiente e sulla biodiversità, ma anche sui mezzi di sussistenza della popolazione locale; Ascolta e impara dai suoi coetanei nella comunità dello sviluppo in misura maggiore e sostenerli nell'esercizio delle loro rispettive competenze.
-Per il governo del Madagascar: condividere con il pubblico il suo caso per i benefici economici e sociali della miniera per percepire
loro; Coinvolgere la popolazione locale in discussione sui ricavi e sui benefici; comunicare i suoi requisiti per Seias per Sainte Luce, Petriky e il porto; Usa la sua influenza e posizione per garantire che le migliori pratiche siano adottate come requisito legale di tutti gli investitori stranieri, al fine di proteggere gli interessi a lungo termine del paese, del suo popolo e dell'ambiente.
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:NO
Spiegare brevemente il motivoIl progetto minerario è in corso e ci sono enormi lacune riguardo alle informazioni e al coordinamento tra le persone locali ed ejo.
Fonti e materiali
Leggi e normative correlate - fonti legislative e testi giuridici

Law no 99-022 (30 August 1999) and modified by Law no. 2005-021 (17 October 2005). Known as the Mining Code.

Social and Environmental Impact Assessment (SEIA)

Decree no 99-954 (15 December 1999) amended by Decree no 2004-167 (3 February 2004). This is about compatibility of investments with the environment

Inter-ministerial Order no 12032/2000 of 6 November 2000. This is about mining areas and environmental protection.

The Extractive Industrys Transparency Initiative (EITI);

Decree no 2000-170 dated 20 February 2000 implementing Mining Code and modified by Decree no. 2006-910 (19 December 2006).

Bibliografia di libri pubblicati, articoli universitari, film o documentari pubblicati

Seagle, Caroline (2011). The mining-conservation nexus: Rio Tinto, development gifts and contested compensation in Madagascar. Available at: Accessed 5 January 2013.
[click to view]

'Forecasting the path towards a Net Positive Impact on biodiversity for Rio Tinto QMM', 90 p.
[click to view]

'Mining Madagascar Forests, Communities and Rio Tintos White Wash', 8 p.
[click to view]

information? Improving communication around the Rio Tinto ilmenite mine in Madagascar',
[click to view]

Webber Wentzel (2012). Mining Law Survey 2012. Available at: Accessed 5 January 2012.
[click to view]

London Mining Network, 2012,

IUCN and Rio Tinto, 2012,

London Mining Network, 2010,

Friends of the Earth (2007),

Panos London, 2007,

'A mine of

Sarrasin, 2006,

'Political economy of mining development in Madagascar: Analysis of the Rio Tinto QMM project in Tolagnaro (Fort-Dauphin)'.

World Bank, 2003,

'Mineral Resources Governance Project, Project Appraisal Document (PAD)', Report no 25777, 17th april.

The Andrew Lees Trust (2009). A Scoping of Impacts: Rio Tinto in Madagascar. Available at: Accessed 5 January 2013.
[click to view]

'Rio Tinto: a record fit for the Olympics?' 16 p.
[click to view]

'Rio Tinto: A Shameful History of Human and Labour Rights Abuses And Environmental Degradation Around the Globe'
[click to view]

Friends of the Earth (2007). Development Recast: a review of the impact of the Rio Tinto ilmenite mine in Southern Madagascar. Available at: Accessed 4 January 2013.
[click to view]

'Madagascar: to eat or to be eaten'
[click to view]

Rio Tinto
[click to view]

'Madagascar: Local protests against Rio Tinto'
[click to view]

Panos London
[click to view]

IUCN
[click to view]

London Mining Network
[click to view]

The Cyber Observer blog (2010). QMMs employees cant enter their site. Available at: Accessed 5 January 2013.
[click to view]

UCN and Rio Tinto signed a 3-year collaboration agreement in 2010
[click to view]

Panos. Fanja: forest is forbidden, a part of the Pushed to the Edge oral history project. Available at: Accessed 5 January 2013.
[click to view]

Rio Tinto: compensation manipulation in southeast Madagascar
[click to view]

The Telegraph (2013). Rio Tinto threatens to exit Madagascar after CEO is trapped by protesters. Available at: Accessed 21 January 2013.
[click to view]

Mongobay

Xinhua 2012. Madagascar : 584.000 tonnes d'ilmenite exportes depuis le dbut delann. Available at: Accessed 5 January 2012.
[click to view]

Mongabay Series: Conservation in Madagascar. Madagascar: Rio Tinto mine breaches sensitive wetland. Edward Carver on 9 April 2019
[click to view]

Media correlati - links a video, campagne, social networks

Youtube video (2010). Rio Tinto Tries Dodging Questions on Madagascar Mine. Available at: Accessed 5 January 2013.
[click to view]

Rio Tinto Picture Library
[click to view]

BBC News
[click to view]

Photos:

Al Jazeera (2009). Madagascar mining damaging environment. Available at: Accessed 5 January 2013.
[click to view]

Kashi, Ed (2010) Madagascar: A Land Out of Balance. Available at Accessed 5 January 2013.
[click to view]

Rio Tinto Picture Library
[click to view]

[click to view]

Altri commenti:QMM ha iniziato a esplorare la regione di Anosy alla fine degli anni '80 e allo stesso tempo a iniziare gli studi sociali e ambientali preliminari. A metà degli anni '90 QMM ha creato un programma sociale e ambientale a tempo pieno. Un accordo di quadro legale e fiscale tra QMM e il governo del Madagascar è stato concluso nel 1998. Ciò è stato ratificato dall'Assemblea nazionale malgascia e promulgata in legge dal presidente del Madagascar. QMM ha condotto una valutazione formale dell'impatto sociale e ambientale (SEIA) tra il 1998 e il 2001. Il governo ha emesso un permesso ambientale nel 2001. Il progetto minerario ha ottenuto il "go-ahead" da Rio Tinto nell'agosto 2005. La costruzione è iniziata nel gennaio 2006.
Secondo Panos London, la miniera di Rio Tinto Ilmenite nella zona di Taolagnaro nel sud del Madagascar è il primo di numerosi progetti minerari previsti per il Madagascar con il supporto del supporto
la Banca mondiale.
-La Banca mondiale ha contribuito con $ 35 milioni al porto e $ 110 milioni QMM.
-La Rio Tinto/QMM è l'unico progetto minerario in Madagascar che ha trascorso quasi 20 anni per sviluppare una valutazione dell'impatto sociale e ambientale (SEIA).
-RIO Tinto (Regno Unito) - Uno dei principali gruppi di mining internazionale con sede nel Regno Unito, combinando Rio Tinto PLC, una società pubblica quotata a Londra e NYSE e Rio Tinto Limited, è una società pubblica quotata allo scambio australiano per i titoli.
-QIT Madagascar Minerals S.A. (QMM - Canada e Madagaskar) è una joint venture tra Rio Tintos interamente controllata la sussidiaria canadese Qit Fer et Titane (80%) e il governo del Madagascar (20%).
Secondo la Confederazione generale dei sindacati del Madagascar (Fisema), esiste un totale squilibrio tra posti di lavoro per persone malgase e posti di lavoro per gli stranieri e anche tra il livello di stipendio. Fisema sostiene che i lavoratori malgasci di tutti i settori sono direttamente colpiti dall'inflazione causata dalla forte presenza di espatriati nella regione.
Meta informazioni
Collaboratore:Vahinala Rahrinirina
Ultima modifica01/09/2019
ID del conflitto:1058
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.