Ultima modifica:
10-10-2016

Santa Clara de Uchunya contro la piantagione di olio di palma, Perù

Nel territorio del popolo di Shipibo dell'Amazzonia peruviana, la comunità indigena di Santa Clara de Uchunya affronta la devastazione delle loro foreste e fiumi ancestrali. Ciò è dovuto all'espansione di una piantagione di olio di palma appartenente al gruppo Melka.



Questo modulo è stato tradotto per tua comodità utilizzando il software di traduzione fornito da Google Translate. Pertanto, potrebbe contenere errori o discrepanze. In caso di dubbi sull'accuratezza delle informazioni contenute in queste traduzioni, fare riferimento alla versione del caso all'indirizzo: Inglese (Originale)

Descrizione:

Nel territorio del popolo di Shipibo dell'Amazzonia peruviana, la comunità indigena di Santa Clara de Uchunya sta affrontando la devastazione delle loro foreste e fiumi ancestrali. Ciò è dovuto all'espansione aggressiva di una piantagione di olio di palma gestita da Plantaciones de Pucallpa S.A.C., un membro di un gruppo agroalimentare internazionale noto in Perù come "Melka Group" di proprietà di Dennis Melka. Nell'agosto 2015, oltre 6.000 ettari delle loro foreste erano stati distrutti per far posto all'olio di palma e a coloro che protestano di affrontare minacce di morte e intimidazioni. Il progetto ha anche causato fiumi contaminati, ucciso la biodiversità e ha causato una perdita dilagante del sostentamento tradizionale [1]. Nonostante gli ordini di sospensione del Ministero dell'Agricoltura, la diffusa condanna da parte della società civile e dei ministeri forestali e agricoli peruviani e un ordine di lavoro di stop dall'RSPO, le operazioni continuano.

Il 19 aprile 2018, il leader di Shipibo-Konibo di 81 anni e il guaritore di medicina tradizionale/sciamano Olivia Arévalo Lomas è stato colpito al petto e assassinato. Lo stesso giorno, un'altra leader di Shipibo di nome Magdalena Flores Agustín ricevette una busta anonima con due proiettili e una minaccia di morte. La lettera recitava: “Hai 48 ore per partire qui. Un proiettile per ciascuno di voi ”[1]. Poco dopo, circolava un video sui social media che raffigura il linciaggio della vicina canadese di Arévalo Sebastian Woodroffe, che era stato avvistato che si trovava in giro per la casa di Arévalo nel periodo del suo omicidio. Sebbene alcuni abbiano incolpato la comunità indigena per averlo linciato per il loro consueto senso di giustizia come sospetto per il suo omicidio, altri credono che il linciaggio non sia correlato all'omicidio, che potrebbe invece essere stato politicamente motivato come parte di uno schema di molti altri omicidi irrisolti di attivisti indigeni che avevano ripetutamente affrontato minacce derivanti dai loro sforzi per mantenere logger illegali e coltivatori di olio di palma fuori dalla loro terra [2].

Informazioni di base
Nome del conflittoSanta Clara de Uchunya contro la piantagione di olio di palma, Perù
NazionePeru
Città e regioneUcayali
Localizzazione del conflittoNueva Requena
Accuratezza della localizzazioneAlta (livello locale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloBiomassa e conflitti legati alla terra (gestione delle foreste, dell'agricoltura, della pesca e degli allevamenti)
Tipo di confitto. Secondo livelloPiantagioni
Deforestazione
Accaparramento di terre (land grabbing)
RisorseLegname
Olio di palma
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

La piantagione di olio di palma di Plantaciones de Pucallpa copre un'estensione di 5.889 ettari*. Ad oggi, almeno 5.263 ettari di foreste sono stati fatti sentire per far posto all'olio di palma. Uno studio indipendente pubblicato nell'aprile 2015 dal monitoraggio del progetto Amazon andino ha scoperto che la stragrande maggioranza di questa deforestazione è arrivata a spese della foresta primaria. La semina sembra essere iniziata nel 2012/2013; Entro il 2015, la maggior parte dell'area deforestata era stata piantata con olio di palma.

Vedi altro
Area del progetto6.845
Tipo di popolazioneRurale
Popolazione impattata:300-500
Data di inizio del conflitto:2014
Imprese coinvolte (private o pubbliche)Plantaciones de Pucallpa S.A.C. from Peru - Palm oil company implicated in the dispossession and depredation of the ancestral territory of Santa Clara de Uchunya.
United Cacao Limited SEZC from Cayman Islands
La Fiduciaria S.A. from Peru - On 2 September 2015, the same day that the Ministry of Agriculture issued the stop order to Plantaciones de Pucallpa S.A.C., the properties (223 in total, totalling 10,392 hectares) on which the company - as well as nearby Plantaciones de Ucayali S.A.C. - had installed oil palm plantations were transferred to a trust managed by La Fiduciaria S.A. These same properties were put up for auction in late June/early July 2016.
Attori governativi rilevanti:Dirección Regional de Agricultura Ucayali (Drau) del Gobierno Regional de Ucayali (Goreu).
Cofopri (Organismo de formalización de la propiedad informale).
Dirección General de Asuntos Ambierales Agrarios (DGAAA) del Ministerio de Agricultura Y Riego (Minagri).
La Fiscalía Expecializada del Medio Ambiente de Ucayali.
Defensoría del Pueblo.
Istituzioni internazionali o finanziarieAlternative Investment Market (London Stock Exchange) (AIM) from United Kingdom - Capital raised on the AIM has been used to finance Plantaciones de Pucallpa S.A.C.'s illegal activities.
Roundtable on Sustainable Palm Oil (RSPO) from Malaysia - Industry body which certifies Plantaciones de Pucallpa's produce.
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Feteración de Comunidades Nativas del Ucayali (Feconu): https://www.facebook.com/feconau
Forest Peoples Program (FPP): http://www.forestpeoples.org/
Istituto de Defensa Legal (IDL): http://www.idl.org.pe/
Environmental Investigation Agency (EIA): http://eia-global.org/
Kené, Instituto de Esttudios Forestales y Ambierales: http://www.keneamazon.net/
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoMedia (proteste, mobilitazione visibile)
Temporalità del conflittoIn reazione all'implementazione del progetto
Gruppi mobilitati:Popoli indigeni
Organizzazioni sociali internazionali
Organizzazioni sociali locali
Abitanti (cittadini/comunità rurali)
Movimenti sociali
Gruppi etnici/razziali discriminati
Forme di mobilitazione:Azioni artistico-creative (es. teatro guerilla, murales)
Elaborazione di documenti indipendenti (es. reports, dossier, note informative)
Lavoro di rete/azioni collettive
Coinvolgimento delle ONG nazionali e internazionali
Azioni legali/giudiziarie
Media-attivismo
Lettere e petizioni di reclamo
Azionariato critico
Proteste di strade/manfestazioni
Autodemarcazione del territorio della comunità.
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Perdita di biodiversità, Degradazione paesaggistica, Deforestazione/perdita di aree verdi/vegetazione
Potenziale: Desertificazione, Insicurezza alimentare/danni alle produzioni agricole, Riscaldamento globale, Contaminazione dei suoli, Erosione, Contaminazione delle acque di superficie e peggioramento della qualità delle acque, Contaminazione delle falde acquifere/riduzione dei bacini idrici, Impatti sul sistema idrogeologico, Riduzione della resilienza ecologica/idrogeologica, Inquinamento atmosferico
Impatti sulla saluteVisibile: Problemi mentali compresi stress, depressione e suicidi
Potenziale: Malnutrizione, Problemi di salute pubblica connessi ad alcolismo, prostituzione ecc., Morti, Episodi di violenza collegata a effetti nocivi sulla salute fisica e mentale (omicidi, stupri, ecc), Incidenti/infortuni
Impatti socio-economiciVisibile: Aumento della corruzione/cooptazione dei diversi attori, Sgomberi/sfollamenti, Perdità dei mezzi di sussistenza, Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture, Specifici impatti sulle donne, Violazione dei diritti umani, Espropri di terra, Deterioramento del paesaggio/perdita del senso del luogo
Potenziale: Aumento dei problemi sociali (alcolismo, prostituzione,ecc)
Risultati
Status attuale del progettoOperativo
Risultato del conflitto/risposta:Attacchi violenti ad attivisti
Temporanea sospensione del progetto
A seguito di un'indagine governativa nell'agosto 2015, Plantaciones de Pucallpa S.A.C. è stato emesso con un ordine di sospensione. Tuttavia, a maggio 2016, i funzionari del Ministero dell'Agricoltura, che fanno parte di un'indagine legale in corso sulle attività di Plantaciones de Pucallpa S.A.C., hanno scoperto che la società continua a lavorare, in violazione di questo ordine (https://www.youtubeube .com/orologio? V = upu9nrilte8 e caratteristica = youtu.be). - A seguito di una denuncia formale emessa dalla comunità nel dicembre 2015, l'RSPO ha istruito Plantaciones de Pucallpa S.A.C. per fermare il lavoro, in attesa di ulteriori indagini. Questa indagine è in corso. - Alla fine di giugno 2016, le comunicazioni sono apparse sul quotidiano indonesiano The Jakarta Post che annunciava che Plantaciones de Pucallpa S.A.C., insieme a un'altra società controllata dalla melka, Plantaciones de Ucayali S.A.C. (anche soggetto a un ordine di sospensione di Minagri dal 2014), previsto di vendere le loro terre di piantagioni attraverso la peruviana Trust Services Company, La Fiduciaria S.A. secondo l'Agenzia investigativa ambientale, "L'annuncio di vendita di giugno 2015 elenca la società offshore" Sh Uol Amministrative Agent Limited ", con sede in Bermuda, in quanto beneficiario del Trust, ma i record non sono disponibili su chi possiede davvero questa società. Se questa vendita è strutturata specificamente per eludere peruviano Legge o sanzioni, la vendita sarebbe considerata illegale, secondo l'avvocato peruviano ambientale, Cesar Ipenza. Tuttavia, anche in assenza di illegalità assolutamente, la struttura fiducia loro."
Sviluppo di proposte alternative:La comunità di Santa Clara de Uchunya chiede di sostenere i loro diritti sul loro territorio ancestrale, in conformità con la Costituzione peruviana e la Convenzione ILO n. 169.
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:Incerto
Spiegare brevemente il motivoLa comunità di Santa Clara de Uchunya non è riuscita a fermare le piantagioni di palma da olio, ma viene studiato l'altra.
Fonti e materiali
Leggi e normative correlate - fonti legislative e testi giuridici

Ley 29763 Ley Forestal y de Fauna Silvestre (Forestry and Wildlife Law).
[click to view]

Bibliografia di libri pubblicati, articoli universitari, film o documentari pubblicati

'Deforestation by Definition', Environmental Investigation Agency.
[click to view]

Blog de Juan Arellano, Santa Clara de Uchunya resiste al avance de la palma aceitera
[click to view]

[1] Intercontinental Cry. THE TRAGIC DEATH OF PERUVIAN INDIGENOUS HEALER OLIVIA ARÉVALO (Ortega & Ayuque 2018)
[click to view]

[2] El Pais. Una curandera asesinada y un canadiense linchado: Una historia de terror en la Amazonia peruana (Fowks 2018)
[click to view]

'Who will pay for the illegal destruction of the Peruvian Amazon?'
[click to view]

'Will London Stock Exchange bar firm over Amazon deforestation?'
[click to view]

Primary rainforest cleared for massive palm oil plantations in Peru.
[click to view]

RSPO orders palm oil company to stop work in Shipibo territory in the Peruvian Amazon.
[click to view]

IMAGE #4: LARGE-SCALE OIL PALM CAUSES DEFORESTATION OF PRIMARY FOREST IN THE PERUVIAN AMAZON (PART 1: NUEVA REQUENA)
[click to view]

MAAP #26: DEFORESTATION HOTSPOTS IN THE PERUVIAN AMAZON, 2015
[click to view]

‘Medida preventiva suspensión de actividades agrícolas de PLANTACIONES DE PUCALLPA S.A.C. - Resolución de Dirección General Nº 270-2015-MINAGRI-DVDIAR-DGAAA.'
[click to view]

“We are going to kill you”: Indigenous activist’s life in danger after opposing destruction of Peruvian Amazon.
[click to view]

'Peruvian environmental prosecutor documents Plantaciones de Pucallpa’s violation of government suspension order.'
[click to view]

Media correlati - links a video, campagne, social networks

A video (Spanish only) recording a formal visit to the oil palm plantation of Plantaciones de Pucallpa in Ucayali by Peruvian environmental prosecutors and officials documents how the company has continued to maintain and cultivate its plantation operations in violation of the suspension order of the Ministry of Agriculture issued in September 2015.
[click to view]

Facebook page of FECONAU, an indigenous organisation which represents more than 30 Shipibo-Konibo, Ashaninka, Isconahua and Awajun indigenous communities in the Ucayali region of Peru.
[click to view]

Information about Santa Clara de Uchunya, a Shipibo community resisting the deforestation of their ancestral territory for palm oil.
[click to view]

Portal informativo sobre Santa Clara de Uchunya, una comunidad shipibo luchando contra la deforestación de su territorio ancestral por palma aceitera.
[click to view]

Bosque virgen deforestado por un enorme proyecto de plantaciones de aceite de palma en Perú. 18 junio 2015 / John C. Cannon.
[click to view]

Empresario norteamericano Dennis Melka -director de una compañía de cacao que cotiza en la Bolsa de Valores de Londres- identificado como financista de una red de 25 empresas que han comprado cientos de predios en la Amazonía peruana, según el reporte de la organización Agencia de Investigación Ambiental (EIA, por sus siglas en inglés). Autoridades judiciales de Lima investigan a compañía de palma aceitera, vinculada a millonario inversionista en los mercados de Malasia e Indonesia, por deforestación de siete mil hectáreas de bosques en Ucayali y Loreto.
[click to view]

En el territorio del pueblo Shipibo en la Amazonía peruana, la comunidad indígena de Santa Clara de Uchunya está enfrentando la devastación de sus bosques y ríos ancestrales, debido a la expansión agresiva de palma aceitera. Dicha plantación pertenece a Plantaciones de Pucallpa S.A.C. que forma parte de un grupo de empresas controlado por Dennis Melka.



Este video, basado en testimonios de los comuneros, muestra los impactos que sufre la comunidad a causa de este acaparamiento de sus tierras tradicionales y la lucha que han emprendido para hacer respetar sus derechos territoriales y culturales.



Los esfuerzos de la comunidad para lograr el reconocimiento de sus derechos territoriales abarcan más de 30 años y ahora han llegado a un punto crítico. El caso legal de Santa Clara de Uchunya es emblemático, puesto que su resultado tendrá consecuencias trascendentales para el futuro de la Amazonía peruana y sus Pueblos Indígenas.
[click to view]

In the territory of the Shipibo people of the Peruvian Amazon, the indigenous community of Santa Clara de Uchunya are facing the devastation of their ancestral forests and rivers. This is due to the aggressive expansion of a palm oil plantation operated by Plantaciones de Pucallpa S.A.C., a member of a group of companies controlled by businessman Dennis Melka.



This video, based on community testimonies, shows the impacts which the community are suffering as a result of this appropriation of their traditional lands and the fight to defend their territorial and cultural rights.



The community's efforts to gain recognition of their rights over their territory span more than 30 years and have now reached a critical point. The ongoing legal case of Santa Clara de Uchunya is emblematic, in that its outcome will have far-reaching consequences for the future of the Peruvian Amazon and its indigenous peoples.
[click to view]

Altri commenti:La fiscalía ambiental y la procuraduría para delitos ambienteles del ministerio del ambiente han tenido procesos penlens en marcha contras tres empresas de palma aceitera ela el perú, una del grupo romero (Palmas de shanusi, en loreto) y dos preculadas: cacao melkao Perú Norte y Plantaciones ucayali (de la que es apoderado legale), acusadas de deforestar un totale de 7 mil hectáreas de bosques en tamshiyacu, loreto, y nueva requena en ucayali, rispettose.
Meta informazioni
Collaboratore:Thomas Younger, updated by Dalena Tran
Ultima modifica10/10/2016
ID del conflitto:2363
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.