Ultima modifica:
07-06-2022

Abbattimento di terreni su piccola scala da élite politiche ed economiche nella Riserva del gioco del Kalahari centrale, Gaborone, Botswana

Il Botswana è messo in pericolo di questione che colpisce la terra a causa della vasta area rurale e della dinamica della popolazione. Ci stiamo presentando qui del caso più pubblicizzato di assunzione di terreni a Gaborone: il trasferimento delle comunità di SAN dalla CKGR.



Questo modulo è stato tradotto per tua comodità utilizzando il software di traduzione fornito da Google Translate. Pertanto, potrebbe contenere errori o discrepanze. In caso di dubbi sull'accuratezza delle informazioni contenute in queste traduzioni, fare riferimento alla versione del caso all'indirizzo: Inglese (Originale)

Descrizione:

Il Greater Gaborone è noto come hotspot del regime terrestre del Botswana. La regione rappresenta la città di Gaborone e i villaggi circostanti: Tlokweng (a est di Gaborone) e Mogoditshane (a ovest di Gaborone). Ha 102.000 ha, di cui le comunità tribali possiedono il 64%, il 21% è terreno statale e il 15% è terreno di proprietà [1]. Sia Tlokweng che Mogoditshane precedono la città di Gaborone, la capitale del Botswana indipendente nei primi anni '60. Da allora, Gaborone ha subito una forte crescita economica ed è stato riconosciuto come il punto focale dei settori amministrativi, commerciali, educativi, industriali e finanziari del paese. La popolazione della città è aumentata da 3.900 nel 1964 a quasi 274.000 nel 2022. Grande Gaborone rappresenta il 17% della popolazione nazionale, ma una quota molto più elevata della produzione economica nazionale, che ha sempre esercitato un'enorme pressione sulla domanda di terreni per l'edilizia abitativa, Trade, industrie e altre attività [2]. La forte domanda di terra è iniziata a Gaborone negli anni '60 e '70, ma si è rapidamente diffusa nei villaggi suburbani, risultando in una domanda quasi insaziabile di terra caratterizzata da auto-allocazione, transazioni di terra illegale e presa del terreno per esaurimento del diamante esatto nel diamante esatto Maggiore area gaborone. Laddove le custodie su larga scala che colpiscono la terra sono più destinate alla produzione di carburante o alimenti, il terreno su scala su scala in Botswana è più destinato al rivestimento o all'approvvigionamento idrico.

Esistono due opinioni sull'economia politica del Botswana, o un grande successo con un'elevata crescita economica e uno sviluppo, o un'economia caratterizzata dalla corruzione e dalla espropriazione dei poveri. La crescita, la governance, la stabilità e la democrazia africane sono proiettati dalla leadership del paese e dai commentatori occidentali [3]. Questa opinione è stata contrastata da una descrizione autoritaria del liberalismo: record mediocre sulla povertà e sui diritti umani, in particolare la questione della SAN (popoli indigeni dell'Africa meridionale) [4]. Le riforme terrestri elitiche sono state eseguite per sostituire i sistemi di proprietà della comunità con modelli di proprietà privata dagli anni '70.

Queste riforme sono state messe in atto sotto il pretesto dell'economia del paese, Sviluppo sociale e umano, ma ha portato a un terreno di terra dalle minoranze elita a spese delle maggioranze rurali [1]. Questi includono agricoltori di sussistenza e coloro che dipendono da prodotti di veld (naturale) raccolti come fonte di sostentamento. La scherma di terreni comuni ha ridotto la quantità di terra disponibile per il pascolo. I perdenti in questo caso sono piccoli agricoltori o agricoltori di sussistenza che non possono permettersi di affittare ranch. Inoltre, ciò ha comportato la perdita di ulteriori flussi di entrate. La presa del terreno è accompagnata da sfollamenti e trasferimento delle comunità rurali e le comunità di San sono le prime vittime di queste trasferizioni forzate. Fu l'indifferenza per i sistemi di uso del suolo della SAN a causare questa espropriazione. La San ha sfruttato la terra in diversi modi dai gruppi dominanti come Tswana e Bantu. Il caso più pubblicizzato è il trasferimento delle comunità di SAN della Riserva centrale del gioco Kalahari (CKGR) che si è svolta nel 1997 [2]. Nonostante le negazioni iniziali del governo secondo cui i trasferimenti fossero motivati ​​dagli interessi minerari e turistici, nel 2013 c'erano attività di mining di diamanti nel CKGR. In effetti nel contesto, il governo partecipa al profitto nel settore minerale. Lo stato divenne un partner uguale quando si stabilì una società di mining di diamanti con debers a seguito della scoperta di diamanti nel 1967. Il caso CKGR segue questa logica. La campagna di protesta guidata dall'organizzazione di Londra Survival International mostra la sensibilità del paese alla pressione esterna. Survival International ha cercato di dimostrare il legame tra il trasferimento delle comunità CKGR e l'estrazione dei diamanti. L'assimilazione del caso ai diamanti del sangue ha spinto il governo a cambiare la sua strategia verso l'organizzazione. Tra il 1997 e il 2002, circa P44 milioni (3,5 milioni di euro) sono stati spesi nelle tre colonie per infrastrutture fisiche, come acqua, scuole e strutture sanitarie, nonché consegna di bestiame e costruzione di gusci di piante [5].

Le conseguenze di questo trasferimento forzato nei campi di regolamento erano gravi [6]. Ha causato la disintegrazione sociale delle famiglie poiché alcuni bambini erano separati dai genitori o da un marito da sua moglie. Le conseguenze furono anche gravi per coloro che si trasferirono nei campi di insediamento del governo come New Xade. Il Basarwa divenne vulnerabile a diversi problemi sociali, ora concentrati in quartieri più vicini. Basarwa ha sperimentato lo shock culturale [7] e questa crisi si manifesta nella pandemia di HIV/ AIDS, che prima del trasferimento non era un problema significativo.

Per combattere contro la presa del terreno, le comunità di SAN hanno usato con successo la legislazione e le strutture esistenti per sfidare i trasferimenti. In uno degli studi più lunghi mai condotti in Botswana, le comunità di San hanno sfidato i trasferimenti con successo dal CKGR. I gruppi di San hanno usato le disposizioni del Tribal Land Act per affrontare lo sfollamento dalle loro terre tradizionali. Teoricamente, il Tribal Land Act garantisce un equo accesso alla terra a tutti i cittadini del Botswana. Le comunità di San hanno anche intrapreso attività per rivendicare la terra che hanno perso contro altri gruppi in Botswana. Questi sforzi sono al centro degli esercizi di mappatura del sistema di informazione geografica partecipativa (PGIS) facilitati dal KFO (famiglia di organizzazione Kuru), un gruppo affiliato di otto ONG che lavorano in Botswana che ha l'obiettivo comune di potenziare il gruppo più vulnerabile di popolazioni indigene Nell'Africa meridionale.

I casi di terreno su piccola scala che afferrano nelle aree urbane e peri-urbane hanno avuto diversi effetti negativi. Innanzitutto, ha permesso ad alcune persone potenti di accumulare terreni e proprietà a buon mercato a spese dei poveri residenti. Questo processo ha aumentato il malcontento sociale e politico. In secondo luogo, ha comportato una domanda quasi impossibile per la terra urbana e peri-urbana, come evidenziato da lunghe liste di attesa, controversie, appelli per quote di terra e scramble caotiche. In terzo luogo, quando i terreni comuni designati per usi pubblici come scuole, attività ricreative e altre strutture comunitarie sono privatizzate e convertite in aree commerciali o proprietà abitative, i residenti del Greater Gaborone sono privati ​​di un facile accesso alle attività sociali e comuni dei loro diritti di residenti in Botswana. In quarto luogo, è risultata l'assegnazione di grandi tratti di terreni residenziali verso gli sviluppatori del settore privato, contrariamente alle condizioni allegate all'acquisizione, nell'esclusione dell'alloggiamento per i poveri.

Molti casi di cattura del terreno hanno avuto luogo in Botswana e sebbene non tutti abbiano portato a un'espropria diretta della terra come nel caso della CKGR SAN, hanno tutti aumentati le disuguaglianze nella proprietà terriera, hanno causato preoccupazioni sociali e politiche e indirettamente I residenti e le comunità locali svantaggiati rispetto alla mancanza di terra per le strutture sociali nei loro quartieri [1]. Alla fine, i diritti dei poveri sulla città sono stati compromessi e i leader tradizionali e lo stato facilitano la terra nelle aree rurali e urbane.

Informazioni di base
Nome del conflittoAbbattimento di terreni su piccola scala da élite politiche ed economiche nella Riserva del gioco del Kalahari centrale, Gaborone, Botswana
NazioneBotswana
Città e regioneGaborone
Localizzazione del conflittoRiserva del gioco del Kalahari centrale
Accuratezza della localizzazioneMedia (livello regionale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloBiomassa e conflitti legati alla terra (gestione delle foreste, dell'agricoltura, della pesca e degli allevamenti)
Tipo di confitto. Secondo livelloAccaparramento di terre (land grabbing)
RisorseTerra
Diamanti
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

Popolazione della città di Greater Gaborone: 274.000 nel 2022.

Vedi altro
Area del progetto52.800
Tipo di popolazioneUrbana
Popolazione impattata:49.000 persone
Data di inizio del conflitto:01/01/1960
Attori governativi rilevanti:Governo del Botswana
Ex presidente Festus Mogae
Le élite economiche e politiche del Botswana
Debeers Botswana Mining Company
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:- Kuru Family of Organization (Organizzazione che lotta per potenziare le comunità di San)
- Survival International (Organizzazione del diritto umano Fare la lotta per i diritti degli indigeni o dei popoli tribali)
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoMedia (proteste, mobilitazione visibile)
Temporalità del conflittoMobilitazioni dopo gli impatti
Gruppi mobilitati:Contadini
Popoli indigeni
Contadini senza terra
Gruppi etnici/razziali discriminati
San
Forme di mobilitazione:Lavoro di rete/azioni collettive
Occupazione di terre
Azioni legali/giudiziarie
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Perdita di biodiversità, Riscaldamento globale, Contaminazione dei suoli, Deforestazione/perdita di aree verdi/vegetazione
Impatti sulla saluteVisibile: Malnutrizione, Malattie infettive
Impatti socio-economiciVisibile: Aumento della corruzione/cooptazione dei diversi attori, Mancanza di sicurezza sul lavoro, assenteismo al lavoro, licenziamenti, disoccupazione, Perdità dei mezzi di sussistenza, Violazione dei diritti umani, Espropri di terra
Risultati
Status attuale del progettoSconosciuto
Risultato del conflitto/risposta:Compensazioni
Applicazione della legislazione vigente
Uso della legge sulla terra tribale da compensare
Sviluppo di proposte alternative:I gruppi di San hanno usato le disposizioni del Tribal Land Act per affrontare lo sfollamento dalle loro terre tradizionali.
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:NO
Spiegare brevemente il motivoLe comunità di San sono state compensate, ma il risarcimento non è stato nulla rispetto alla perdita della loro terra: circa P44 milioni sono stati spesi per strutture pubbliche.
Fonti e materiali
Leggi e normative correlate - fonti legislative e testi giuridici

Tribal Land Act
[click to view]

Bibliografia di libri pubblicati, articoli universitari, film o documentari pubblicati

[1]Faustin Kalabamu & Paul Lyamuya, 2021. Small-scale land grabbing in Greater Gaborone, Botswana. (Online)
[click to view]

[2]Kenneth Good, 2008. Diamonds, Dispossession and Democracy in Botswana.
[click to view]

[3] Morten Jerven, 2010. Accounting for the African Growth Miracle: The Official Evidence of Botswana 1965-1995
[click to view]

[4]Kenneth Good, 2007. Authoritarian liberalism: A defining characteristic of Botswana
[click to view]

[5]Boga Thura Manatsha, 2009. Chiefs and the Politics of Land Reform in the Northeast District, Botswana, 2005–2008
[click to view]

[6]Motsomi Ndala Marobela, 2010. The State, Mining and the Community: The Case of Basarwa of the Central Kalahari Game Reserve in Botswana.
[click to view]

[7]Keitseope Nthomang, 2004. Relentless colonialism: the case of the Remote Area Development Programme (RADP) and the Basarwa in Botswana.
[click to view]

Media correlati - links a video, campagne, social networks

Survival International website
[click to view]

Meta informazioni
Ultima modifica07/06/2022
ID del conflitto:5865
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.