Ultima modifica:
15-02-2022

Piantagioni di canna da zucchero nella valle di Cauca, Colombia

Le piantagioni di canna da zucchero su larga scala nella valle del Cauca hanno provocato perdita di terra, danni alle risorse idriche, problemi di salute, spostamenti e violenza



Questo modulo è stato tradotto per tua comodità utilizzando il software di traduzione fornito da Google Translate. Pertanto, potrebbe contenere errori o discrepanze. In caso di dubbi sull'accuratezza delle informazioni contenute in queste traduzioni, fare riferimento alla versione del caso all'indirizzo: Inglese (Originale)

Descrizione:

Il conflitto ambientale e sociale nella valle del fiume Cauca è causato dallo sfruttamento intensivo della monocoltura della canna da zucchero. Sebbene la piantagione e la successiva elaborazione industriale di canna siano stati considerati per anni un importante settore di sviluppo economico per la regione, è stato solo fino al 2008 quando Cane Cutters ha iniziato a mobilitarsi per richiedere la vera protezione del lavoro e ambientale nella regione. 0 < /Codice>

Dall'inizio del 20 ° secolo, diverse fattorie sono state raggruppate in società a conduzione familiare, con un crescente uso dei lavoratori, molti dei quali erano stati reclutati da quando la schiavitù era stata abolita. La produzione è stata caratterizzata dall'affitto pagato con manodopera servile, che ha permesso ai proprietari terrieri, allo stesso tempo, di ottenerlo e elaborarla.

grazie al clima, agro- Condizioni ecologiche e sociali (i mulini sono stati costruiti in base allo sfruttamento del lavoro), è stato impiantato un modello di sviluppo basato sull'agroindustria della canna da zucchero, che oggi ha almeno tredici grandi mulini con oltre 100 aziende, in linee come l'energia (etanolo) , carta, sostanze chimiche dello zucchero, zucchero, miele, fertilizzanti biologici, cibo, bevande, alcol, liquori e altri.

Il successo economico del settore della canna da zucchero, attraverso che è stato in grado di consolidare il potere delle imprese politiche, ha avuto conseguenze ambientali e sociali. Questa grande dinamica economica implica anche una grande impronta ecologica che si riflette nell'uso delle risorse naturali e nei loro processi di inquinamento associati. Ciò ha portato a importanti conflitti ambientali relativi a problemi ecologici che hanno influenzato le comunità che vivono vicino alle colture. Inoltre, questi problemi sono rimasti quasi fuori dal controllo dell'autorità ambientale a causa del grande potere politico, economico e di lobbying che il sindacato ha.

La situazione si intensifica con il sostegno che il governo mostra all'agroalimentare non solo attraverso sussidi monetari, ma anche con ciò che alcuni ricercatori hanno chiamato sussidi ecologici, che sono legati a passività ecologiche o ambientali (che obbligaggio legale o sociale di pagare o sostenere una spesa come conseguenza di danni ambientali o danni sociali, derivanti dall'uso delle risorse naturali e dall'ambiente). Quando le attività economiche non coprono queste passività ambientali o esternalità, viene generato un debito ecologico.

L'uso intensivo delle funzioni ambientali della biosfera da parte dell'attività di canna da zucchero ha generato tre tipi di conflitti specifici: i) il sussidio associato all'uso dell'acqua da parte della coltivazione della canna da zucchero; ii) il sussidio associato all'uso di fonti d'acqua come discarica da parte dell'industria dello zucchero; iii) Il sussidio ambientale relativo alla combustione della canna da zucchero. La compensazione monetaria dei Mills non copre adeguatamente le conseguenze ambientali e sociali per la qualità dell'acqua, l'atmosfera e la comunità.

le tensioni causate dallo sfruttamento agro-industriale di La canna da zucchero, che è riassunta nei cosiddetti sussidi, ha provocato la comunità (in particolare le cutte di canna da zucchero a causa delle precarie di lavoro dal 2003) da organizzare. Hanno fondato l'Unione SinalCorteros, il cui compito principale era quello di riformare il modello di contratto esistente in cui le cooperative di lavoro associate hanno assunto migliaia di persone e hanno liberato i mulini dello zucchero dalle responsabilità che avrebbero dovuto assumere con contratti diretti (12.467 taglierine registrate dall'associazione registrate dall'associazione registrate dall'associazione registrate dall'associazione registrate dall'associazione registrate dall'associazione registrate dall'associazione Dei coltivatori di canna da zucchero della Colombia - Asocaña per il 2004, 2.735 sono assunti direttamente dai mulini, mentre i restanti 9.732 sono assunti attraverso le cooperative di lavoro associate - CTA). L'Unione mirava anche a dimostrare che con la recente attività di biocarburanti (etanolo), i profitti non si manifestavano nell'intera catena produttiva. Per questo motivo, a metà del 2008 hanno iniziato uno sciopero che ha paralizzato l'intero agro agroalimentare, costringendo i direttori dei mulini a sedersi al tavolo e rispondere all'elenco delle richieste di Cane Cutters.

< Codice> 0 Nonostante gli accordi e gli impegni che la Sugar Union ha assunto, gli stessi conflitti ambientali e sociali sono ancora presenti oggi a causa della monocoltura della canna da zucchero. Tensioni intensificate all'indomani di diversi omicidi. Ad esempio, il 17 febbraio 2011, Sandra Viviana Cuellar Gallego è stata assassinata sulla strada da casa sua alla National University di Palmira, dove avrebbe insegnato una lezione. Sandra è stata riconosciuta a Valle del Cauca e a livello nazionale e internazionale per il suo lavoro come difensore dei diritti delle comunità locali che lottano contro la canna da zucchero e per il suo lavoro come artista.

Inoltre, il 27 aprile 2012 in Florida, Valle, le persone sconosciute hanno ucciso Daniel Aguirre Piedrahita, un sindacalista, segretario generale della National Union of Sugarcane Cutters-Sinalcorteros e un lavoratore dell'Ingenio del Cauca. Il fatto che il crimine abbia o meno alcuna relazione con le prove e i reclami della monocoltura della canna da zucchero è sotto inchiesta, ma ciò che è chiaro è che i guadagni economici generati dalla monocoltura della canna da zucchero non sono trasmessi a tutti coloro che fanno parte della stessa catena di produzione, lasciando Di conseguenza, gravi passività ambientali e sociali per l'intera regione.

Informazioni di base
Nome del conflittoPiantagioni di canna da zucchero nella valle di Cauca, Colombia
NazioneColombia
Città e regioneValle del Cauca, Cauca, Risaralda Y Caldas
Localizzazione del conflittoSantander, Cali, Florida, Pradera, Palmira, Buga, Tulua, Zarzal, Entre Otros.
Accuratezza della localizzazioneAlta (livello locale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloBiomassa e conflitti legati alla terra (gestione delle foreste, dell'agricoltura, della pesca e degli allevamenti)
Tipo di confitto. Secondo livelloProduzione agricola intensiva (es.monoculture, allevamenti)
Accesso all'acqua e modelli di gestione
Agro-fuel e centrali a biomasse/biogas
Accaparramento di terre (land grabbing)
RisorseTerra
Etanolo
Zucchero
Acqua
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

La monocoltura della canna da zucchero si trova principalmente sulle rive del fiume Cauca, in diversi dipartimenti, a nord di Cauca, Valle del Cauca e parte di Risaralda e Caldas. L'area piantata quasi raddoppiata tra gli anni '60 e '80, passando da 64.000 a 110.000 ha. A partire dal 1990, a seguito dell'apertura economica, la specializzazione verso la coltivazione della canna da zucchero è accentuata fino al raggiungimento di 203 mila ettari piantati (metà della terra disponibile della valle geografica del fiume Cauca).

Vedi altro
Area del progetto205.000
Livello degli investimenti:82.000.000.
Tipo di popolazioneRurale
Popolazione impattata:10.000.000
Data di inizio del conflitto:2003
Imprese coinvolte (private o pubbliche)Asociación de Cultivadores de Caña de Azúcar de Colombia - Asocaña
Centro de Investigación de la Caña de Azucar - Cenicaña
Asociación Colombiana de Productores y Proveedores de Caña de Azucar Procaña from Colombia
Attori governativi rilevanti:Presidencia de la República de Colombia, Ministerio de Agricultura, Gobernación del Valle del Cauca, Gobernación del Cauca, Risaralda Y Caldas, Corporación Autonoma Regional Del Valle del Cauca
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Coordinación Agraria del Cauca, Movimiento de Trabajadores Corteros de Caña 14 de Junio, sindaco Instituto Campesino - IMCA, Sindicato Nacional de Corteros - Sinalcorteros, Sviluppo della biodiversità della comunità e conservazione - CBDC, Universidad Del Valle Cinara, Grupo Semillas
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoAlta (diffusa, mobilitazione di massa, arresti e reazione delle forze dell'ordine)
Temporalità del conflittoMobilitazioni dopo gli impatti
Gruppi mobilitati:Contadini
Organizzazioni sociali locali
Contadini senza terra
Movimenti sociali
Sindacati
Organizzazioni/comitati di donne
Scienziati / professionisti locali
Forme di mobilitazione:Blocchi stradali o picchetti
Ricerca partecipativa (es. epidemiologia popolare)
Elaborazione di documenti indipendenti (es. reports, dossier, note informative)
Lavoro di rete/azioni collettive
Sviluppo di proposte alternative
Coinvolgimento delle ONG nazionali e internazionali
Media-attivismo
Presentazione osservazioni alla VIA/AIA
Lettere e petizioni di reclamo
Campagne pubbliche di informazione e denuncia
Azionariato critico
Proteste di strade/manfestazioni
Rivendicazione dei diritti della natura
Appelli/ricorsi per una valutazione economica dello status dell'ambiente
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Inquinamento atmosferico, Perdita di biodiversità, Incendi, Degradazione paesaggistica, Deforestazione/perdita di aree verdi/vegetazione, Contaminazione delle acque di superficie e peggioramento della qualità delle acque, Contaminazione delle falde acquifere/riduzione dei bacini idrici, Impatti sul sistema idrogeologico, Riduzione della resilienza ecologica/idrogeologica
Potenziale: Contaminazione genetica, Riscaldamento globale, Contaminazione dei suoli, Erosione, Fuoriuscite di contaminanti, Desertificazione, Inondazioni, Insicurezza alimentare/danni alle produzioni agricole
Impatti sulla salutePotenziale: Malattie professionali e incidenti sul lavoro, Altre malattie legate alla contaminazione ambientale, Problemi di salute pubblica connessi ad alcolismo, prostituzione ecc.
Impatti socio-economiciVisibile: Aumento della corruzione/cooptazione dei diversi attori, Sgomberi/sfollamenti, Mancanza di sicurezza sul lavoro, assenteismo al lavoro, licenziamenti, disoccupazione, Espropri di terra
Potenziale: Aumento della violenza e della criminalità, Perdità dei mezzi di sussistenza, Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture, Militarizzazione e aumento della presenza/controllo militare e forze dell'ordine, Specifici impatti sulle donne, Violazione dei diritti umani, Deterioramento del paesaggio/perdita del senso del luogo
Risultati
Status attuale del progettoOperativo
Risultato del conflitto/risposta:Compensazioni
Corruzione
Criminalizzazione degli attivisti
Morti, Omicidi, Assassinii
Miglioramenti ambientali, bonifiche, risanamento delle aree
Repressione
Rafforzamento della partecipazione
Attacchi violenti ad attivisti
Applicazione della legislazione vigente
Il 17 febbraio 2011, Sandra Viviana Cuellar Gallego è stata assassinata. Sandra è stata riconosciuta a Valle del Cauca e a livello nazionale e internazionale per il suo lavoro come difensore dei diritti delle comunità locali che lottano contro la canna da zucchero e per il suo lavoro come artista [1]. Il 27 aprile 2012 in Florida, Valle, le persone sconosciute hanno ucciso Daniel Aguirre Piedrahita, un sindacalista, segretario generale della National Union of Sugarcane Cutters-Sinalcorteros e un lavoratore presso l'Ingenio del Cauca.
Sviluppo di proposte alternative:Alcuni ricercatori indicano che con ciò che la canna da zucchero è dovuta alle ragioni del debito sociale e ambientale del settore per il periodo 1990-2007 (passività ambientali) è un valore vicino a $ 11,1 miliardi di pesos attuali, una somma equivalente a US $ 6.092 milioni di dollari. Ciò potrebbe essere investito in abitazioni, sanità, istruzione e migliori contratti di lavoro per le cutte di canna.
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:NO
Spiegare brevemente il motivoIl conflitto generato dalla monocoltura della canna da zucchero non può essere considerato un trionfo di giustizia ambientale, perché attualmente continua nonostante gli sforzi delle diverse organizzazioni sociali e ambientali, nonché scienziati e ricercatori che hanno dimostrato le gravi conseguenze generate da questo intenso sfruttamento. Il sostegno del governo nazionale è mantenuto per la Sugar Union, che in una certa misura ha polarizzato il conflitto, impedendo che il processo di giustizia ambientale si svolga.
Fonti e materiali
Leggi e normative correlate - fonti legislative e testi giuridici

Ley 693 de 2001 estimula el uso y la producción de alcohol carburante

El Código de Recursos Naturales: Esta norma surgió en 1974 como principal respuesta de Colombia ante los acuerdos alcanzados en la Conferencia de Estocolmo sobre Medio Ambiente y Desarrollo.

Ley 788 de 2002 introdujo las exenciones del IVA, impuesto Global y sobretasa al componente alcohol de los combustibles oxigenados. CONPES 3510 de 2008 en donde se definen las políticas y estímulos para el sector cañero.

Ley 1233 de julio 22 de 2008, pero que solo tiene vigencia a partir del 22 de enero de 2009. Esta nueva Ley rige las Coperativas de Trabajo Asociado.

Ley 99 de 22 de diciembre de 1993. Se crea el MINISTERIO DEL MEDIO AMBIENTE, se reordena el Sector Público encargado de la gestión y conservación del medio ambiente y los recursos naturales renovables, se organiza el Sistema Nacional Ambiental -SINA.

Bibliografia di libri pubblicati, articoli universitari, film o documentari pubblicati

Pérez, M & Alvarez, Paula. (2009) Deuda Social y Ambiental del Negocio Cañicultor en Colombia: Responsabilidad social empresarial y subsidios implícitos en la industria cañera análisis en el contexto del conflicto corteros-empresarios. Grupo Semillas, Bogotá.
[click to view]

Álvarez, P. (2008). Los agrocombustibles en Colombia: una historia de ciencia ficción. En tierra y territorios sin agrocombustibles. Asproinca y Grupo Semillas.

Pérez, M. (2008). Los agrocombustibles: ¿Sólo cantos de Sirena? Análisis de los impactos ambientales y sociales para el caso colombiano.
[click to view]

[1] Censat - Por una permanencia digna en los territorios: Seguimos recordando Sandra Viviana Cuellar Gallego
[click to view]

[2] Vidas Silenciadas - DANIEL AGUIRRE PIEDRAHITA
[click to view]

elespectador.com

26 sept 2008 - 12:00 a. m.

El paro de los corteros de caña
[click to view]

corteros.blogspot.com

Ambiente agitado

2 de octubre de 2008
[click to view]

Meta informazioni
Collaboratore:MARIO PÉREZ RINCÓN, updated by Dalena Tran
Ultima modifica15/02/2022
ID del conflitto:686
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.