Ultima modifica:
15-11-2016

Il reattore del allevatore rapido fallito, Monju, Giappone

Nel settembre 2016 il governo ha finalmente deciso di tagliare le sue perdite sul reattore di allevatore rapido alimentato da Plutonio a Monju, nella prefettura di Fukui, tirando la spina sul progetto dopo anni di incidenti, coperchi e rifiuti. La decomposizione diventa una nuova attività.



Questo modulo è stato tradotto per tua comodità utilizzando il software di traduzione fornito da Google Translate. Pertanto, potrebbe contenere errori o discrepanze. In caso di dubbi sull'accuratezza delle informazioni contenute in queste traduzioni, fare riferimento alla versione del caso all'indirizzo: Inglese (Originale)

Descrizione:

Monju (a Tsuruga, prefettura di Fukui) è stata vista come un pilastro del programma di riciclaggio del carburante nucleare del Giappone perché è progettato per bruciare il plutonio recuperato da enormi scorte di combustibili esauriti prodotti alle centrali nucleari. Inoltre, i reattori del allevamento rapido dovrebbero produrre più plutonio di quanto bruciassero mentre generano energia. Ma Monju ha operato solo 250 giorni su più di due decenni a causa di molti incidenti, tra cui una perdita di liquido di raffreddamento del sodio al reattore nel dicembre 1995. Il liquido di raffreddamento del sodio utilizzato nei reattori del allevatore rapido è molto infiammabile e molto difficile da gestire. Finora, nessun paese ha sviluppato un reattore di allevamento rapido per scopi commerciali.
E
e il 27 gennaio 2003 La filiale Kanazawa della High Court di Nagoya aveva tramandato una sentenza storica che annulla il permesso del governo del 1983 per la costruzione del Monju. Il verdetto ha riconosciuto tre aree principali in cui la revisione della pre-costruzione della pre-costruzione della Commissione di sicurezza nucleare è stata inadeguata. Tuttavia, questa decisione della Corte è stata successivamente invertita. (5). Infine, a settembre 2016 è stato riferito che il governo ha deciso di tagliare le sue perdite sul reattore di Allevatore rapido di ¥ 1 trilione di MONJU, tirando la spina sul progetto dopo anni di contrattive, coperture e rifiuti. [1] Monju risale agli anni '80, quando il lavoro è iniziato in mezzo alla realizzazione di una necessità di ridurre la dipendenza dal combustibile fossile. Quasi tutto il petrolio, il carbone e il gas bruciati in Giappone vengono importati.
E
e Monju non solo assorbiti i soldi del contribuente, ma hanno sofferto anche di accidenti e cadali ripetuti mentre vivono solo per alcuni mesi durante la sua esistenza di tre decenni.

E il reattore Monju ha raggiunto la criticità per la prima volta nel 1994, ma è stata costretta a spegnere nel 1995 dopo la perdita di refrigerante di sodio e un incendio. C'è stato un tentativo di copertura.
E
e nel novembre 2012 è emerso che l'operatore, l'agenzia di energia atomica del Giappone, non ha controllato fino a 10.000 componenti di Monju, come richiedono regole di sicurezza. L'autorità del regolamento nucleare ha dichiarato che il JAEA affiliato dal governo è stato "non qualificato come entità per operare in sicurezza" Monju.
E
e ha detto al governo di trovare un operatore alternativo o rottami il progetto. Il governo non è stato in grado di trovare una nuova gestione. Nel frattempo, il dismissibile Monju dopo il 2016 riviverà le preoccupazioni internazionali sulle massicce di plutonio del Giappone, estratto dal combustibile esaurito alle dozzine della nazione delle centrali nucleari convenzionali.
E
e la scorta è stimata a 48 tonnellate di Plutonio, sufficiente per produrre migliaia di bombe atomiche.
e
e senza modo di consumare direttamente Plutonio, il governo prevede di continuare a utilizzare i combustibili MOX - un mix di Plutonio e Uranio - nei reattori nucleari convenzionali.
e
e ma la maggior parte dei reattori commerciali rimangono inattivo sulla scia del disastro nucleare Fukushima del 2011. Il reattore n. 3 della centrale nucleare IKATA nella prefettura di EHIME è attualmente l'unica unità attiva che utilizza il carburante MOX. Le accuse di corruzione sono frequenti. "I massicci quantità di denaro fiscale sono state incanalate nella prefettura del Partito Liberal Democratico per tutti i tipi di usi. Alcuni erano nobili (costruzione di moderne stazioni ferroviarie, scuole, ospedali e strutture per il benessere sociale). Alcuni erano corrotti (i musei di propaganda che hanno giocato I rischi dell'energia nucleare, tutti "Studio" a pagamento da spese
e
e tour per le città del reattore nucleare europeo per i residenti locali che includevano gite turistiche a Parigi). Nessuno sa davvero quanti soldi, direttamente e indirettamente, è andato a Fukui e Tsuruga nel corso dei decenni per "portando il peso del Monju". (6)
e
e
e

Informazioni di base
Nome del conflittoIl reattore del allevatore rapido fallito, Monju, Giappone
NazioneGiappone
Città e regionePrefettura di Fukui
Localizzazione del conflittoTsuruga.
Accuratezza della localizzazioneAlta (livello locale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloEnergia Nucleare
Tipo di confitto. Secondo livelloCentrale nucleare
RisorsePlutonio
Uranio
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

Tsuruga ha già ospitato due reattori convenzionali e nel 1983 i preparativi sono iniziati per la costruzione di un nuovo reattore di Allevatore rapido chiamato Monju. Monju ha funzionato per meno di un anno dal suo completamento del suo completamento nel 1994. Il reattore di Allevatore rapido - una pietra angolare della strategia di energia atomica del Giappone risalente agli anni '50 - userebbe combustibile nucleare speso da altre piante atomiche ed è progettato per produrre più carburante consuma. Il reattore, dal nome della divinità buddista della saggezza, ha a malapena a malapena da quando ha generato per la prima volta l'elettricità nel 1995, l'anno ha subito una perdita di sodio che ha portato a un incendio e un successivo tentativo di copertura. I problemi di sicurezza hanno continuato a pestare la struttura da allora. "La potenziale chiusura di Monju sarebbe un colpo importante non solo alla comunità di allevamenti veloci in Giappone, ma anche a quelli che supportano il ritrattamento del combustibile esaurito," M.V. Ramana, professore del laboratorio di futures nucleare della Princeton University, ha detto via e-mail. [2] La disattivazione sarà grande business, Monju significa abbandonare un progetto che ha divorato più di 1 trilione di yen ($ 9,82 miliardi) dei fondi governativi. Secondo altre fonti [3] il governo ha già speso 1,2 trilioni di yen (US $ 12 miliardi) su Monju. Il governo ha calcolato che avrebbe costato altri 600 miliardi di yen (US $ 6 miliardi) per riavviare Monju e tenerlo funzionare per altri 10 anni. La disattivazione ha un tag di prezzo pesante. Secondo una stima del 2012 da parte dell'Agenzia Giappone Atomic Energy, il monitoraggio Monju costerà circa 300 miliardi di yen (US $ 3 miliardi).

Area del progetto100.
Livello degli investimenti:13.000.000.000 di USD
Tipo di popolazioneSemi-urbana
Data di inizio del conflitto:1994
Imprese coinvolte (private o pubbliche)Japan Nuclear Cycle Development Institute (JNC), owner of Monju from Japan
Attori governativi rilevanti:Japa, Giappone Agenzia Agenzia Atomica Governo del Giappone Autorità di regolazione nucleare
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:- Masaichi Miyashita, dirige il Segretariato di un gruppo anti-nucleare nella prefettura di Fukui (2016) - "Stop Monju" e Centro di informazione nucleare dei cittadini, nel 2001 Campaigning per una firma di un milione di firme per la petizione per la demolizione di Monju FBR. - 2010: l'8 dicembre è "Giorno dell'energia nucleare di fase out" in Giappone. La campagna "Fase Out Nuclear Energy Day", che ora include una vasta gamma di persone, sta sostenendo le campagne intorno al paese l'8 dicembre è l'anniversario della perdita di sodio di Monju e il fuoco nel 1995. - Wise International. - Centro informazioni nucleari dei cittadini, Giappone. - Abate di Myotsu-Ji, un tempio di Shingon Omuro a Wakasa Bay in Fukui Prefecture
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoMedia (proteste, mobilitazione visibile)
Temporalità del conflittoResistenza preventiva (fase di precauzione)
Gruppi mobilitati:Organizzazioni sociali internazionali
Organizzazioni sociali locali
Abitanti (cittadini/comunità rurali)
Scienziati / professionisti locali
Gruppi religiosi
"Il Giappone ha circa 48 tonnellate di plutonio stoccata a livello nazionale e in Europa, e dobbiamo stare attenti. Il plutonio potrebbe essere convertito in armi nucleari, e dobbiamo assicurarci che non sia usato per questo scopo, "ha detto Tetsuen Nakajima, Abate di Myotsu-Ji, un tempio di Shingon Omuro a Wakasa Bay nella prefettura di Fukui e un anti-tempo --Nuclear attivista. [4]
Pescatori
Forme di mobilitazione:Azioni legali/giudiziarie
Media-attivismo
Presentazione osservazioni alla VIA/AIA
Campagne pubbliche di informazione e denuncia
Proteste di strade/manfestazioni
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Incendi
Impatti sulla saluteVisibile: Incidenti/infortuni, Esposizione a fattori a rischio incerti o non conosciuti (es. radiazioni)
Risultati
Status attuale del progettoFermato
Risultato del conflitto/risposta:Corruzione
Giudizio in attesa di sentenza
Cancellazione del progetto
Sviluppo di proposte alternative:Il rally anti-nucleare richiede più di un semplice arresto di Monju http://www.asahi.com/ajw/articles/aj201609230047.html di ryuji kudo / 23 settembre 2016. Migliaia di manifestanti anti-nucleari si sono riuniti a Tokyo su settembre. 22, 2016 per chiedere che il governo vada oltre la disattivazione del prototipo di Monju in difficoltà il reattore del allevatore rapido e abbandona i suoi piani per riavviare altre centrali nucleari. "Non abbiamo sicuramente bisogno del succhiamento dei soldi e del monju pericoloso", ha detto Heaae Sawachi, uno scrittore e un membro del Comitato Organizzatore della Dimostrazione, che si è svolto sotto il banner "No Nukes, nessuna guerra". "Perché i funzionari governativi non hanno il coraggio di chiudere tutte le altre centrali nucleari?" Il rally, a Yoyogi Park nel reparto Shibuya di Tokyo, ha seguito la decisione del governo questa settimana di scollegare il reattore, che ha appena generato alcuna elettricità nonostante il più di 1 trilioni di yen ($ 9,9 miliardi) spesi su di esso oltre due decenni. Masaichi Miyashita, che dirige il Segretariato di un gruppo anti-nucleare nella prefettura di Fukui, ha detto al rally che i funzionari di Tsuruga nella prefettura, dove si trova il reattore, si oppone alla decisione del governo di detracciare il reattore e voglia di tenerlo.
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:Incerto
Spiegare brevemente il motivoPiù di due decenni di fallimenti tecnologici. Non era l'opposizione sociale al potere nucleare che ha vinto il giorno, ma piuttosto il governo che si rese conto che Monju non ha funzionato, e che 10 miliardi di dollari erano già stati spesi inutilmente.
Fonti e materiali
Bibliografia di libri pubblicati, articoli universitari, film o documentari pubblicati

Restarting Monju - Like Playing Russian Roulette. 2009. CNIC

Citizens' Nuclear Information Center. Shinjuku-ku, Tokyo, 162-0065.
[click to view]

[1] Japan to scrap troubled ¥1 trillion Monju fast-breeder reactor BY REIJI YOSHIDA. SEP 21, 2016
[click to view]

[2] Japan’s Monju reactor a costly hot potato no one wants to handle, by Emi Urabe and Stephen Stapczynski
[click to view]

[4] Nuclear cash cow Monju now a liability for residents as plant faces ax,

by Eric Johnston
[click to view]

(6) Fukui poised to benefit from decision to scrap Monju, by Eric Johnston
[click to view]

(5)JAPAN'S SUPREME COURT SNUBS CITIZENS OVER MONJU. Nuclear Monitor Issue: #629. 10/06/2005. Attempts by Japanese citizens' to seek protection from the legal system were struck a cruel blow today when the Supreme Court overturned an earlier Nagoya High Court verdict, which had invalidated the license approval for the Monju fast breeder reactor in Tsuruga, Fukui Prefecture.
[click to view]

Media correlati - links a video, campagne, social networks

[3] 5 October 2016, Dr Jim Green (Renew Economy), national anti-nuclear campaigner with Friends of the Earth Australia and editor of the Nuclear Monitor newsletter published by the World Information Service on Energy.
[click to view]

Citizens' Nuclear Information Center (information on nuclear issues in Japan, including Monju).
[click to view]

Rokassho. DECEMBER 8: NUCLEAR PHASE OUT DAY. Nuclear Monitor Issue: #721. 16/12/2010. Kazuhide Fukada
[click to view]

Japan: Protest against planned reopening of Monju. Nuclear Monitor Issue: #560. 21/12/2001. About 750 people took part in a rally on 8 December to commemorate the 1995 accident at Monju, Japan's prototype fast breeder reactor (FBR), at Tsuruga City, Fukiui Prefecture. The demonstrators further expressed their opposition to the planned restarting of Monju.
[click to view]

Altri commenti:Keiji Kobayashi, ex istruttore di fisica nucleare e esperto di allevamenti veloci presso l'Istituto di Reactor Reactor University Kyoto, è un avversario di lunga data di Monju. Dice che il Giappone potrebbe non essere fatto interamente con reattori veloci. "Ci sono domande senza risposta su ciò che accadrà non solo Monju ma il programma di reattore velocemente allevatore in generale." [4].
Meta informazioni
Collaboratore:JMA
Ultima modifica15/11/2016
ID del conflitto:2477
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.