Ultima modifica:
28-11-2016

Dam di Toktogul, Kirghizistan

Una controversia storica di gestione delle risorse idriche tra i paesi dell'Asia centrale; Una diga costruita nel fiume Naryn alla fine degli anni '70 inondò 26.000 ettari di terreni e siti archeologici. Sono previste ulteriori dighe.



Questo modulo è stato tradotto per tua comodità utilizzando il software di traduzione fornito da Google Translate. Pertanto, potrebbe contenere errori o discrepanze. In caso di dubbi sull'accuratezza delle informazioni contenute in queste traduzioni, fare riferimento alla versione del caso all'indirizzo: Inglese (Originale)

Descrizione:

La diga di Toktogul in Kirghizistan fu costruita sul fiume Naryn (un affluente settentrionale della Syr Darya) negli anni '70 come pezzo centrale degli sforzi dell'Unione Sovietica per conquistare la natura nel suo viaggio per modernizzare l'Asia centrale; La diga fu terminata nel 1973, il serbatoio creato nel 1976 e serviva a controllare la variabilità inter-annuale delle risorse idriche e per garantire che ci fosse sempre acqua sufficiente per l'irrigazione. Il serbatoio ha inondato più di 26 mila ettari di terra nella valle del Kemenb, di cui 21,2 mila ettari di terreni agricoli, 26 comunità tra cui grandi toktogul di insediamento sono state sfollate e la strada principale attraverso la regione è stata reindirizzata. Gli archeologi hanno scavato i siti risalenti all'8 ° secolo d.C. prima che fossero persi. Secondo Eelke Kraak, ricercatore dell'Università di Oxford, “Per i pianificatori sovietici, le dighe erano simboli di sviluppo e modernizzazione. La missione idraulica dell'Unione Sovietica era quella di conquistare la natura trasformando i fiumi a flusso libero in una risorsa economica. In assenza di democrazia, le dighe erano anche un'importante fonte di legittimità per l'Unione Sovietica. In media, la regione ha abbastanza acqua per coltivare colture sufficienti per alimentare la propria popolazione e guadagnare valuta estera attraverso le esportazioni. Il problema, piuttosto, è un'enorme variabilità geografica, stagionale e inter-annuale nella disponibilità di acqua. In risposta, tra il 1950 e il 1990, l'Unione Sovietica costruì centinaia di dighe, canali e laghi artificiali. La fame della fame di Uzbekistan è stata trasformata da un deserto disabitato in una fabbrica di cotone di 300.000 ettari. Il canale di Kara Kum, quando completato nel 1988, ha trasferito 12,9 chilometri cubici di acqua - quasi il 15% del fiume Amu Darya - per irrigare parti del deserto di Kara Kum. " [1] La diga di Toktogul divenne pienamente operativa alla fine degli anni '80. È un componente di una cascata di cinque stazioni idroelettriche a valle, che tutti insieme producono il 90% del potere del Kirghizistan. Man mano che la diga regola i flussi d'acqua transfrontalieri, ha causato diversi attriti tra i paesi dell'Asia centrale.

La diga di toktogul ha oggi più funzioni: è sia il principale fornitore di acqua per l'irrigazione a valle e la principale fonte di elettricità per il Kirghizistan. Eelke Kraak spiega che “il problema è che il Kirghizistan vuole scaricare l'acqua dal serbatoio in inverno per generare elettricità, mentre l'Uzbekistan e il Kazakistan preferiscono scaricare l'acqua in estate, quando ne hanno bisogno per l'irrigazione. In passato, il Kirghizistan ha rilasciato acqua dal serbatoio in estate, in cambio di gas e petrolio dall'Uzbekistan e Kazakistan. Ma questo scambio di risorse è crollato quando l'Unione Sovietica è scoppiata nel 1991. Le controversie sui tempi di scarico dell'acqua hanno portato i due paesi sull'orlo del conflitto. ”[1] Tuttavia, i costi sono stati alti. Il Mar Aral, il lago terminale delle principali fonti d'acqua in Asia centrale, i fiumi di Syr Darya e Amu Darya, si sono ridotti. Damming e deviazione dei fiumi Syr Darya e Amu Darya hanno ridotto radicalmente l'afflusso nel mare arale; Oggi rimane solo il 10% del suo volume del 1960. Le conseguenze sono state terribili: salinizzazione, tempeste di polvere inquinate e una triste prospettiva economica per coloro che vivono intorno al lago. L'aspettativa di vita per le persone in questa regione è scesa a 50 anni e Karakalpakstan, un'area a sud del lago, ora ha una delle più alte incidenze di tubercolosi nel mondo. Quando l'Unione Sovietica si è rotta nel 1991, sono state fondate diverse istituzioni per gestire l'acqua della regione, tra cui il Fondo internazionale per il salvataggio del Mare Aral e del Comitato Interstatale per il coordinamento delle acque. Ci si aspettava che collaborassero con i governi regionali per affrontare i problemi ambientali, ma poco è stato fatto per alleviare i problemi idrici dell'Asia centrale negli ultimi 20 anni e molte aree che circondano ciò che rimane del lago sono anche fortemente inquinate. Nelle estati del 2008 e del 2009, la cattiva gestione della diga di Toktogul ha portato a carenze idriche in Uzbekistan e Kazakistan, nonché lunghe tagli alimentari in Kyrghizstan ”[1].

La gestione dell'acqua e dell'energia è una questione altamente controversa nella regione, in quanto la espulsione del presidente Kurmanbek Bakiyev nell'aprile 2010, in quanto la situazione può essere persino esacerbata dalle conseguenze sui cambiamenti climatici. La rapida fusione di ghiacciai che alimentano i fiumi dell'Asia centrale, ad esempio, suggerisce che i paesi non possono contare su questo livello di approvvigionamento idrico indefinitamente. Si prevede che più acqua fluisca nel bacino nei prossimi 20 anni, ma dopo diminuire rapidamente e senza precedenti.

Kraak spiega inoltre che “i disaccordi sulla gestione del toktogul e altri problemi idrici rimangono irrisolti. Ci sono due motivi chiave per questo. In primo luogo, il controllo sulle risorse idriche è ancora strettamente legato alla legittimità delle élite politiche. Timothy Mitchell, uno scienziato politico americano, ha proposto nel suo libro Rule of Experts che "grandi dighe [offrono] un modo per costruire non solo i sistemi di irrigazione e potere, ma stessi-nazione". In effetti, le dighe e i sistemi di gestione delle acque dell'Asia centrale sono diventati fondamentali per il compito di costruzione della nazione che i suoi paesi hanno affrontato dopo il 1991. L'enorme rete di irrigazione nelle aree desertiche dell'Uzbekistan è una fonte di orgoglio per il paese. Il fatto che il toktogul fornisca la maggior parte della produzione di elettricità del Kirghizistan. Sfortunatamente, questi obiettivi della gestione dell'acqua si contraddicono a vicenda. In secondo luogo, i due paesi non sono d'accordo su cosa sia l'acqua. Il Kirghizistan ha adottato una serie di leggi nel 2001, classificando l'acqua come merce come petrolio e gas. Ciò potrebbe potenzialmente significare che l'Uzbekistan e il Kazakistan a valle dovrebbero pagare i costi di stoccaggio e la manutenzione dei bacini idrici, se non per l'acqua stessa. L'Uzbekistan, d'altra parte, considera ufficialmente l'acqua un bene pubblico e gratuito. Sostiene anche che l'acqua viene da Dio e quindi non può essere scambiata. In realtà, l'Uzbekistan si oppone a quelle leggi perché non vuole pagare il Kirghizistan per l'acqua. I disaccordi fondamentali sul fatto che l'acqua sia una merce negoziabile e il fatto che l'idro-politica regionale sia collegato alle lotte di potere interno, hanno impedito la cooperazione sostenibile. " [1] Il serbatoio di toktogul ha raggiunto uno stato critico per quanto riguarda il livello dell'acqua all'interno della diga nel 2009. I presidenti del Kazakistan e dell'Uzbekistan hanno proposto quindi la risurrezione di una vecchia soluzione sovietica alle questioni relative all'acqua dell'Asia centrale: per deviare l'acqua dal siberiano Yenisei e Ob fiumi nel mare arale e la regione più ampia. Secondo Kraak, il piano è finanziariamente non praticabile e è improbabile che venga realizzato. E ulteriori commenti che “i grandi schemi di ingegneria possono fornire legittimità ai regimi impopolari, ma non riescono a spiegare la natura politica fondamentale dell'acqua. La gestione delle acque richiede una soluzione politica, non tecnica ”[1].

A settembre 2016, l'ADB ha firmato un accordo per la riabilitazione della vecchia e obsoleta infrastruttura della diga Complesso, sotto la direzione delle centrali elettriche della società congiunto della società [2].

Informazioni di base
Nome del conflittoDam di Toktogul, Kirghizistan
NazioneKirghizistan
Città e regioneProvincia di Jalal-Abad
Accuratezza della localizzazioneAlta (livello locale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloGestione dell'acqua
Tipo di confitto. Secondo livelloBacini idrici/acque transfrontaliere
Idroelettrico e conflitti legati alla distribuzione dell'acqua
RisorseElettricità
Acqua
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

La diga di Toktogul è una diga idroelettrica e di irrigazione sul fiume Naryn nella provincia di Jalal-Abad del Kirghizistan. È una diga di gravità in cemento con altezza di 215 metri (705 piedi) e lunghezza di 292,5 metri (960 piedi). Fa parte della cascata Naryn-Syr Darya. Prende il nome da Toktogul Satilganov.

Vedi altro
Area del progetto26.000
Tipo di popolazioneRurale
Popolazione impattata:35.000 sfollati
Data di inizio del conflitto:1976
Imprese coinvolte (private o pubbliche)Electric Power Plants (EPP) from Kyrgyz Republic
Attori governativi rilevanti:Governo del Kirghizistan
Istituzioni internazionali o finanziarieAsian Development Bank (ADB)
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Unison (Civic Environmental Foundation)
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoMedia (proteste, mobilitazione visibile)
Temporalità del conflittoResistenza preventiva (fase di precauzione)
Gruppi mobilitati:Governi locali/partiti politici
Forme di mobilitazione:Lettere e petizioni di reclamo
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Perdita di biodiversità, Desertificazione, Inondazioni, Degradazione paesaggistica, Impatti sul sistema idrogeologico, Riduzione della resilienza ecologica/idrogeologica, Altro (specificare sotto)
Potenziale: Insicurezza alimentare/danni alle produzioni agricole
Altro (specificare sotto)Mancanza di afflusso d'acqua nel mare ararale
Impatti socio-economiciVisibile: Sgomberi/sfollamenti, Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture, Espropri di terra, Deterioramento del paesaggio/perdita del senso del luogo
Risultati
Status attuale del progettoOperativo
Risultato del conflitto/risposta:Migrazioni/sfollamenti
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:Incerto
Spiegare brevemente il motivoQuesto è un caso storico di controversia sulla gestione delle risorse idriche. Pochi record sono disponibili sulla mobilitazione delle persone al momento dello spostamento e su come è stato affrontato il problema negli anni '70.
Fonti e materiali
Bibliografia di libri pubblicati, articoli universitari, film o documentari pubblicati

Wooden, Amanda E. "Kyrgyzstan's dark ages: framing and the 2010 hydroelectric revolution." Central Asian Survey 33.4 (2014): 463-481.
[click to view]

Shiriyazdanov, Sh. (1971). Токтогульский гигант строиться: очерк истории строительства ГЭС [Toktogul giant is being constructed: historical sketch of power plant construction] (in Russian)

Amanda Wooden, J. Féaux de la Croix, D. Gullette, The great future of the country: Dams and hydroelectricity discourses in Kyrgyzstan, in Eric Freedman and Mark Neuzil, eds. Environmental Crises in Central Asia, Routledge, 2016

[1] China dialogue, 01.03.2012. Central Asia’s dam debacle. by Eelke Kraak
[click to view]

[2] ADB - TA-8434 (KGZ) Power Sector Rehabilitation Project, Rehabilitation HPP Toktogul Phase 2
[click to view]

Azernews, 7 September 2015 - Central Asia to experience water crisis in 35 years
[click to view]

Asia Times, JANUARY 25, 201 - Kyrgyz hydro projects hit rocks as Russia rethinks economic plans for Central Asia
[click to view]

Wikipedia - Environmental issues in Kyrgyzstan
[click to view]

Wikipedia - Toktogul_Dam
[click to view]

The Diplomat, January 20, 2016 - Investors Needed for Kyrgyz Hydropower Projects
[click to view]

ADB - ADB Funds the Completion of Toktogul Hydropower Plant Rehabilitation

9 September 2016
[click to view]

Irrigation in the countries of the former Soviet Union in figures. FAO. 1997. p. 128. ISBN 978-92-5-104071-3.
[click to view]

Altri commenti:Alcuni osservatori hanno osservato la differenza tra la forte opposizione della società civile alla miniera d'oro di Kumtor (di proprietà di una società canadese) e l'acquiescenza interna alle dighe nel fiume Naryn (costruito dai russi e ora dalla banca asiatica di sviluppo). Il conflitto qui è con gli stati vicini.
Meta informazioni
Collaboratore:Daniela Del Bene, ICTA - UAB
Ultima modifica28/11/2016
ID del conflitto:2457
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.