Ultima modifica:
06-09-2016

Uranio Mining nel sud-ovest in Nation Natajo, USA

A partire dal 2005, la nazione Navajo ha vietato mineraria di uranio sulla loro terra. Tuttavia, a causa della grande fornitura di uranio sotto le società di prenotazione Navajo hanno cercato di riaprire le miniere. Le passività rimangono.



Questo modulo è stato tradotto per tua comodità utilizzando il software di traduzione fornito da Google Translate. Pertanto, potrebbe contenere errori o discrepanze. In caso di dubbi sull'accuratezza delle informazioni contenute in queste traduzioni, fare riferimento alla versione del caso all'indirizzo: Inglese (Originale)

Descrizione:

Le terre della nazione Navajo comprendono 27.000 miglia quadrate distribuite su tre stati, Utah, Arizona e New Mexico. La geologia di queste terre li rende ricchi di uranio, un minerale radioattivo della domanda dopo lo sviluppo del potere atomico e delle armi alla fine della seconda guerra mondiale. Dal 1944 al 1986, quasi quattro milioni di tonnellate di minerale di uranio sono stati estratti dalle terre navajo sotto leasing con la nazione Navajo. Molti persone Navajo hanno lavorato con le miniere, spesso vivendo e sollevando le famiglie nelle immediate vicinanze delle miniere e dei mulini. Oggi le miniere sono chiuse, ma rimane un'eredità della contaminazione dell'uranio, tra cui oltre 500 miniere di uranio abbandonata (AUMS) e case e fonti di acqua potabile con livelli elevati di radiazione. I potenziali effetti sulla salute includono il cancro del polmone dall'inalazione delle particelle radioattive, nonché il cancro alle ossa e la funzione renale compromessa dall'esposizione ai radionuclidi nell'acqua potabile (EPA U.S). Il popolo Navajo, a causa di una barriera linguistica e dell'istruzione limitata, erano in gran parte isolati dal flusso della conoscenza delle radiazioni e dei suoi rischi [1]. La mobilitazione è iniziata in reazione a diverse fuoriuscite del mulino e di continuare gli effetti sulla salute dei mini sterili. Mentre c'era resistenza, coloro che sono influenzati non erano ascoltati e non avevano risorse adeguate per creare una grande opposizione. Mentre il giornalista Judy Pasternak racconta, alcuni individui eccezionali - tra cui Schoolteacher di Navajo Lorissa Jackson, ex segretario interiore Stewart Udall, suo figlio Tom (ora Sen. Udall, D-N.M.), E U.S. REP. Henry Waxman - ha aiutato ad aumentare la consapevolezza e ha fatto uno stand contro uno dei casi più grossolani di tradimento e supervisione volontaria nella storia del paese. Un'altra voce nella lotta contro questa ingiustizia era Harry Tome, un membro del consiglio tribale e un dipendente successivo del dipartimento dei minerali della tribù, era uno di quelli che notò il problema nei primi anni '60. Nel 1973, il TOME ha spinto l'Albuquerque Tribune di gestire una storia di copertina che ha portato alla prima legislazione nel Congresso degli Stati Uniti volto al risarcimento focalizzato sui benefici per i minatori di uranio. Il conto non è mai passato, ma nel 1978, il tomo ha iniziato a lavorare con Udall che ha presentato due cause giudiziarie nel 1979 in cerca di danni per i minatori di uranio [1].
E
e dopo una lotta di 30 anni, con un conduttore di cause, con il Congresso Risposta dallo sviluppo di un programma che consente la restituzione parziale alle persone che hanno sviluppato gravi malattie dopo l'esposizione alle radiazioni rilasciate durante i test nucleari atmosferici o dopo l'occupazione nell'industria uranio: la legge di compensazione dell'esposizione alle radiazioni (RECA) è stata approvata il 5 ottobre 1990. Questo programma è stato progettato per servire come un'alternativa rapida e a basso costo a contenzioso [2]. In particolare, non ha compensato adeguatamente le persone interessate e i membri Navajo hanno continuato a spingere per il risarcimento compassionevole che consentirebbe loro di pagare le bollette mediche e fornire comfort a seguito della perdita dei familiari. Il Dipartimento di Giustizia U.S. annunciato il 2 marzo 2015, che ha assegnato più di 2 miliardi di dollari nel risarcimento compassionevole ai richiedenti ammissibili ai richiedenti con RECA [3].
E
e lavoro di pulizia dell'EPA continua sotto un secondo piano di 5 anni sviluppato in 2014. Nel 2015, le agenzie federali e navajo costituivano la rete di sensibilizzazione della comunità come parte del piano quinquennale. La rete di sensibilizzazione della Comunità comprende rappresentanti di EPA, il Bureau of Indian Affairs, la Commissione normativa nucleare, il Dipartimento dell'Energia, il Servizio sanitario indiano, l'Agenzia per le sostanze tossiche e il registro delle malattie, l'Agenzia per la protezione ambientale natajo, la nazione Navajo abbandonata Mine Lands / Uranium Mill Rounings Programma d'azione corredo e il Dipartimento della salute della Navajo nazione.
E
e la comunità di piani di rete di sensibilizzazione e coordinazioni di eventi di sensibilizzazione per migliorare la comprensione comunitaria delle agenzie di lavoro stanno facendo per affrontare la contaminazione dell'uranio sulla nazione Natajo [4]. A partire dal 2005, la nazione Navajo ha vietato mineraria di uranio sulla loro terra. Tuttavia, a causa della grande fornitura di uranio nelle società di prenotazione Navajo come Hydro Resourys, Inc (HRI), hanno cercato di riaprire le miniere. HRI, INC ha proposto al mio sito attraverso un processo di lisciviazione in situ che comporterà i livelli di radiazione totale nove a quindici volte il limite di regolamentazione consentito [5]. Le miniere proposte potrebbero contaminare l'unica fonte di acqua potabile per 15.000 cittadini navajo [6].
E
e il 15 dicembre 2015, lo stato del nuovo reparto ambientale del Messico ha terminato il permesso di scarica delle acque sotterranee dell'HRI 558 perché non è conforme alle acque sotterranee Permesso di regolamenti della commissione di controllo della qualità dell'acqua (WQCC). L'HRI è stato incoraggiato a richiedere un nuovo permesso in conformità con i nuovi standard di qualità dell'acqua che erano stati abbassati da 5 mg / l a 0,03 mg / l nel 2004 [7]. Molto è in gioco in questo caso in corso, vale a dire la qualità di milioni di galloni di acqua potabile che sarebbe molto probabilmente contaminata come risultato della proposta di HRI proposta in-situ. I membri di Navajo continuano la lotta per proteggere la loro terra, la loro salute e il loro futuro.
E
e per ulteriori informazioni e aggiornamenti continui su questo caso in corso, visitare: http://nmenvirolaw.org/site/cases/hydro_resources_incys. _uranium_mins
e
e
e

Informazioni di base
Nome del conflittoUranio Mining nel sud-ovest in Nation Natajo, USA
NazioneStati Uniti
Città e regioneNuovo Messico, Arizona, Utah, Colorado
Localizzazione del conflittoRAVAJO Prenotazione nativa americana
Accuratezza della localizzazioneMedia (livello regionale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloEnergia Nucleare
Tipo di confitto. Secondo livelloEstrazione Uranio
RisorseTerra
Uranio
Acqua
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

Ad oggi, sono stati estratti 4 milioni di tonnellate di minerale di uranio, tuttavia 70 milioni di tonnellate rimangono sotto la nazione Navajo. La nazione Navajo ha ancora oltre 1.000 miniere abbandonate che continuano a produrre contaminazioni di terra e acqua. Una fuoriuscita del 1979 alla chiesa rock ha scaricato 94 milioni di galloni del processo di processo Effluent e 1.100 tonnellate di sterili che contaminarono il fiume Puerco. Si stima che 10.000 lavoratori siano stati impiegati nell'estrazione dell'uranio, e circa un quarto di loro erano Navajo. Circa il 40% (3975) ha chiesto il risarcimento del 21 marzo 2001. L'operazione di mineraria in-situ Hydro Resources, Inc (HRI) contaminerebbe l'acquofina incontaminata che fornisca acqua potabile a più di 10.000 - 15.000 cittadini navajo.

Area del progetto7.000.000.
Tipo di popolazioneRurale
Popolazione impattata:200.000-250.000.
Data di inizio del conflitto:1944
Imprese coinvolte (private o pubbliche)Kerr-McGee Corp. from United States of America - The company is mining under U.S government contracts
Vanadium Corporation of America from Canada - Among principal owners of mines
Union Carbide Corporation from United States of America - Employed many Native Americans during the Cold War
Hydro Resources, Inc (HRI) from United States of America - Proposed in-situ leaching operations in Navajo Nation
Attori governativi rilevanti:Agenzia di protezione ambientale degli Stati Uniti, Agenzia di protezione ambientale degli Stati Uniti, governi di stato (Arizona, Nuovo Messico, Utah, Colorado), Commissione di controllo della qualità dell'acqua (WQCC)
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Persone dimenticate (http://forgottennavajopeople.org/), Centrale orientale Navajo contro l'Uranio Mining (Endaum: https://www.facebook.com/endaum/), Centro di ricerca e informazioni sud-ovest (http SRIC: //www.sric .org / uranio /), nuovo Messico centro legislativo ambientale
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoMedia (proteste, mobilitazione visibile)
Temporalità del conflittoMobilitazioni dopo gli impatti
Gruppi mobilitati:Popoli indigeni
Organizzazioni sociali locali
Governi locali/partiti politici
Gruppi etnici/razziali discriminati
Scienziati / professionisti locali
Forme di mobilitazione:Ricerca partecipativa (es. epidemiologia popolare)
Elaborazione di documenti indipendenti (es. reports, dossier, note informative)
Azioni legali/giudiziarie
Media-attivismo
Lettere e petizioni di reclamo
Campagne pubbliche di informazione e denuncia
Appelli/ricorsi per una valutazione economica dello status dell'ambiente
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Contaminazione delle acque di superficie e peggioramento della qualità delle acque, Contaminazione delle falde acquifere/riduzione dei bacini idrici, Impatti sul sistema idrogeologico, Sversamenti di residui di lavorazione dei minerali
Impatti sulla saluteVisibile: Esposizione a fattori a rischio incerti o non conosciuti (es. radiazioni), Incidenti/infortuni, Malattie professionali e incidenti sul lavoro, Morti, Altro (specificare)
Altro (specificare)Secondo l'EPA, i potenziali effetti sanitari includono il cancro del polmone dall'inalazione di particelle radioattive, nonché il cancro alle ossa e la funzione renale compromessa dall'esposizione ai radionuclidi nell'acqua potabile.
Impatti socio-economiciVisibile: Deterioramento del paesaggio/perdita del senso del luogo, Perdità dei mezzi di sussistenza, Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture, Violazione dei diritti umani, Mancanza di sicurezza sul lavoro, assenteismo al lavoro, licenziamenti, disoccupazione
Risultati
Status attuale del progettoFermato
Risultato del conflitto/risposta:Compensazioni
Negoziazione di soluzione alternative
Soluzione tecniche per migliorare erogazione/qualità/distribuzione delle risorse
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:NO
Spiegare brevemente il motivoNo, gli effetti dei decenni di mineraria hanno causato significativi effetti sulla salute e povertà e perdita della terra culturale / tradizionale. La minaccia del minerario di uranio continua nonostante le azioni della nazione Navajo per proteggere la loro terra e le persone dagli effetti dell'ente dell'uranio.
Fonti e materiali
Bibliografia di libri pubblicati, articoli universitari, film o documentari pubblicati

[1] The History of Uranium Mining and the Navajo People by Doug Brugge, PhD, MS and Rob Goble, PhD; Am J Public Health. 2002 September; 92(9): 1410–1419
[click to view]

[2] Radiation Exposure Compensation Act
[click to view]

[3] WISE Uranium Project: Compensation of Navajo Uranium Miners
[click to view]

[4] EPA: Working with Communities on Cleaning Up Abandoned Uranium Mines
[click to view]

[5] Blowing in the Wind: The Navajo Nation and Uranium; Jovana J. Brown, PhD and Lori Lambert, PhD, DS, RN, (2010), The Evergreen State College.
[click to view]

[6] Earthworks: Poisoned once, uranium mining threatens the Navajo again
[click to view]

[7] New Mexico Environmental Law document: Notice of Discharge Permit 558 Termination
[click to view]

Valerie Kuletz, The Tainted Desert: Environmental and Social Ruin in the American West, Routledge, 1998

Judy Pasternak, Yellow Dirt. A Poisoned Land and the Betrayal of the Navajos, Simon and Schuster. ("This investigative feat tells the shocking, heartbreaking story of uranium mining on the Navajo reservation and its terrible legacy of sickness and government neglect, documenting one of the darker chapters in 20th century American history").

Forgotten Navajo People
[click to view]

Abandoned Uranium Mines: An "Overwhelming Problem" in the Navajo Nation
[click to view]

Uranium mining companies descend upon Navajo Nation
[click to view]

EPA
[click to view]

"Uranium Mining in the Navajo Nation after Hydro Resources, Inc."
[click to view]

Navajos ban uranium mining

BY WINONA LADUKE
[click to view]

NYT, "Uranium Mines Dot Navajo Land, Neglected and Still Perilous"
[click to view]

Media correlati - links a video, campagne, social networks

EPA, Addressing Uranium Contamination on the Navajo Nation
[click to view]

Altri commenti:Questo è uno dei primi 40 casi di giustizia ambientali influenti negli Stati Uniti identificati da un'indagine nazionale di attivisti ambientali, studiosi e altri leader da parte degli studenti laureati presso l'Università del Michigan.
Meta informazioni
Collaboratore:Bernadette Grafton and Paul Mohai, [email protected] and [email protected], University of Michigan School of Natural Resources and Environment
Ultima modifica06/09/2016
ID del conflitto:898
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.