Ultima modifica:
23-04-2020

Riciclaggio precario di rifiuti informali a Dhaka, Bangladesh

"Tokais" eseguono la maggior parte del riciclaggio di Dhaka, dove i volumi di rifiuti in crescita sono un grosso problema. Senza la possibilità di "rimanere a casa", lavorano in condizioni difficili, anche durante le pandemie, e rimangono socialmente stigmatizzati e privati ​​dai diritti fondamentali.



Questo modulo è stato tradotto per tua comodità utilizzando il software di traduzione fornito da Google Translate. Pertanto, potrebbe contenere errori o discrepanze. In caso di dubbi sull'accuratezza delle informazioni contenute in queste traduzioni, fare riferimento alla versione del caso all'indirizzo: Inglese (Originale)

Descrizione:

I volumi di rifiuti a Dhaka sono in rapida crescita. La mega-città attualmente produce circa 5.000 tonnellate di rifiuti al giorno, di cui solo meno della metà viene raccolta formalmente. La parte rimanente viene raccolta da collezionisti informali o scartata indiscriminatamente in canali e pianure alluvionali, colpendo gravemente i sistemi di drenaggio urbano e i corpi idrici e in parte bruciati anche dalle famiglie. Nel 2011, il comune ha dichiarato apertamente di non poter gestire tutti i rifiuti prodotti dai circa 12 milioni di persone all'interno dei limiti dell'amministrazione della città, mentre l'intera area metropolitana attualmente conta già 21 milioni di persone, accelerate dalla migrazione indotta dai cambiamenti climatici. Responsabili della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti sono Dhaka South City Corporation (DSCC) e Dhaka North City Corporation (DNCC) dopo che nel 2011 gli affari municipali sono stati divisi in due zone per fornire servizi migliori. Gestiscono anche le principali discariche della città: Matuail nel sud e Amin Bazar nel nord [1] [2].

La discarica di Matuail riceve circa l'88 percento del Rifiuti formalmente raccolti, mentre il resto va a Amin Bazar. Entrambi i siti avrebbero dovuto essere aggiornati alle discariche sanitarie nel 2008, ma ci sono stati gravi problemi ambientali e carenze nel monitoraggio [2]. Nella discarica di Matuail, recenti rapporti hanno notato un trattamento inadeguato per il percolato e una compattazione insufficiente dei rifiuti da parte della responsabile Dhaka South City Corporation (DSCC). Il sito è stato utilizzato dal 1995 e ora si estende su un'area di 100 acri (40 ha), con montagne della spazzatura di oltre 20 metri di altezza. Nel 2018 è stato avviato il processo di acquisizione del terreno per la sua ulteriore estensione e l'installazione di un impianto di scarico a energia considerata [3] [4]. La controversa discarica di Amin Bazar si trova in un'area contrassegnata da pianura alluvionale fuori città, vicino a case di circa 22.000 abitanti del villaggio. Il dumping è stato avviato da DNCC senza l'autorizzazione ufficiale del Dipartimento dell'Ambiente e ora ha portato a un trabocco di rifiuti nell'area, con conseguente battaglia legale in corso per fermare le attività - vedere anche il caso correlato nell'Ejatlas. Alla fine del 2019, la divisione del governo locale (LGD) ha annunciato un progetto pilota di scarico in collaborazione con il Power Divison e il DNCC nell'area, dopo che precedenti piani simili per due progetti con una società italiana sono stati eliminati a causa di problemi finanziari. Come è stato ulteriormente comunicato, un gruppo di lavoro con diversi organismi pubblici avrebbe presto scelto tra diverse proposte dalle imprese internazionali [2] [5] [6] [7]. Una critica frequente è la mancanza di una pianificazione a lungo termine quando si tratta di smaltimento dei rifiuti, poiché le società della città estenderebbero solo i discariche una volta che si sono pieni ma continueranno a scaricare in modo incontrollato e insostenibile [3]. 0

In una strategia 3R (Riduci, Riutilizzo, Riciclo) emessa del 2011, tra gli altri, il Dipartimento dell'Ambiente ha reso obbligatoria la segregazione della fonte dei rifiuti e ha affrontato lo smaltimento dei rifiuti illegali. La strategia, che è stata sviluppata con l'Organity Waste preoccupazione, l'UNCRD e l'Agenzia di cooperazione giapponese (JICA), specifica il numero di linee guida per la gestione dei rifiuti e consente anche progetti di scarto-a energia [1] [8]. Anche le ONG come Prodipon e Prism hanno lavorato per una migliore gestione dei rifiuti solidi e medici e il supporto dei riciclatori informali. Secondo l'attuale legislazione, la gestione dei rifiuti rimane la responsabilità di ogni società della città, che esclude indirettamente i raccoglitori di rifiuti in quanto non possono presentare legittime richieste sull'accesso ai rifiuti. Una bozza del 2017 delle nuove regole di gestione dei rifiuti solidi potrebbe presto aumentare il settore del riciclaggio, ma non affronta chiaramente l'inclusione del settore informale. Si teme quindi che i raccoglitori di rifiuti, che dipendono dall'attività come fonte di sostentamento, possano semplicemente ricevere un'ulteriore concorrenza da parte delle imprese commerciali [9] [10] [11]. A partire dal 2020, non ci sono politiche in atto che affronterebbero l'inclusione delle persone che lavorano nel settore del riciclaggio informale [12].

Alam e Xiao (2020) Nota Che l'implementazione di politiche efficaci di gestione dei rifiuti è ancora indietro e si è concentrata principalmente su progetti pilota in aree selezionate. Il riciclaggio è ancora principalmente fatto dal settore informale a causa della mancanza di finanziamenti, volontà politica e ignoranza pubblica delle questioni di gestione dei rifiuti [2]. A Dhaka, sono stati avviati diversi progetti con l'obiettivo di migliorare la raccolta dei rifiuti, spesso con il sostegno della cooperazione internazionale. Ad esempio, le stazioni di trasferimento secondarie avrebbero dovuto essere installate in ogni quartiere, ma spesso non è stato possibile trovare spazio adeguato per questi o i locali o influenti speculatori di terra si sono opposti ai piani, ritardando o prevenendo l'implementazione. [4] [7] Anche un divieto dell'uso di sacchetti di plastica, adottato dal Bangladesh come primo paese al mondo, rimane ampiamente ignorato [13].

Pertanto, prevalgono problemi di traboccamento di rifiuti e scarico illegale. In molte parti della città, in particolare l'imballaggio di plastica ha assunto interi canali, che ora si sono trasformati in zone di scarico. I rifiuti per i rifiuti ora blocca spesso i sistemi di acque reflue, una situazione che peggiora anche nei tempi delle piogge monsoni e porta alle inondazioni di strade e baraccopoli bassi e un aumento della dengue di zanzare, Chikungunya e malaria. Un altro problema è il percolato polimerico, che potrebbe essere tossico per i pesci e gli uccelli idrici [1] [2] [13.] Anche i distretti periferici di Dhaka come Kamrangirchar sono diventati di scarico informale, dove i rifiuti finiscono nel fiume e poveri, poveri, poveri, poveri, poveri, poveri, poveri, poveri, poveri, poveri, poveri, poveri, poveri, poveri, poveri, Compresi i bambini, cerca di guadagnare alcune entrate dai lavori di riciclaggio spontanei [14]. La situazione è simile nel quartiere di Gawair, dove una scuola ha lanciato una campagna contro i rifiuti di plastica e ha tenuto seminari con la comunità locale. Gli studenti hanno scritto lettere al parlamento locale che chiede una migliore gestione dei rifiuti [15].

Mentre questi problemi di immondizia vengono affrontati solo lentamente, è il settore informale che fa un grande parte del riciclaggio. Secondo le stime, circa il 15 percento dei rifiuti di Dhaka viene riciclato da raccoglitori di rifiuti, comunemente chiamati Tkais. Dhaka è tra le città con la massima concentrazione mondiale di raccoglitori di rifiuti informali nella popolazione, circa 120.000 persone in totale, prevalentemente donne e bambini. La raccolta, l'ordinamento e la vendita di riciclabili forniscono loro una fonte di reddito cruciale, mentre aiuta il comune a ridurre i volumi di rifiuti e i costi di smaltimento dei rifiuti. La catena di riciclaggio informale si concentra in genere su metalli, carta, plastica, vetro e avanzi di cibo, ma recupera anche valore da rifiuti specifici come coraggio di animali, vesciche e stomaci, nonché ossa e corna di bestiame, che sono principalmente esportati nell'Asia orientale dell'Asia orientale Paesi. Poiché il Bangladesh ha una significativa industria del riciclaggio della plastica, la domanda di riciclabili è elevata e quindi circa il 50 percento di tutti i rifiuti di plastica viene recuperato, in gran parte dal settore informale. Nonostante questo enorme contributo, i tokais rimangono esclusi dal sistema formale di gestione dei rifiuti. Spesso sono guardati dall'alto in basso e affrontano varie forme di discriminazione, poiché i rifiuti da cui ottengono valore non sono considerati la loro proprietà [1] [2] [3] [9] [12]. Le autorità tollerano tuttavia la raccolta di rifiuti informali, sapendo che una più severa applicazione di regolamenti sul settore informale (ad es. Per formalizzare l'occupazione, registrare le imprese, imporre norme) disincentivi tale riciclaggio a breve [8].

Ci sono circa 2.500 lavori di tukais nella discarica di Matuail, la maggior parte delle quali donne che emigravano dalle aree rurali, spesso unite dai loro figli. La raccolta dei rifiuti consente loro di sostenersi in modo relativamente indipendente possibile intorno a TK 200 al giorno (US $ 2,30), ma comporta anche grandi rischi per la salute e la sicurezza [16]. La comunità ha ricevuto sostegno dal Comitato Unnayan di Grambangla, che ha fornito raccoglitori di rifiuti in Matuail con attrezzature di sicurezza, ha fondato gruppi di auto-aiuto e è riuscito a includerne alcune decine di schemi formali di gestione dei rifiuti. L'organizzazione senza scopo di lucro ha sostenuto i diritti dei raccoglitori di rifiuti e dei bambini e ha organizzato forum pubblici con organizzazioni, accademici, giornalisti e raccoglitori di rifiuti della società civile per sollecitare le autorità a garantirli. Gestisce anche una scuola per più di 200 rifiuti picker, supportati da fondi di ONG internazionali. Inoltre, viene offerta la costruzione di capacità per i raccoglitori di rifiuti, ad esempio nel cucito, per consentire loro di trovare altri lavori [16] [17]. Nel 2015, Grambangla ha avviato il primo tentativo di organizzare i raccoglitori di rifiuti in un sindacato, finanziando l '"Association of Waste Pickers of Bangladesh", che ora ha più di 500 membri, principalmente donne di Matuail. Alcuni dei loro obiettivi principali includevano l'ottenimento dell'accreditamento legale da parte della City Corporation, la creazione dei diritti dei raccoglitori di rifiuti e l'inclusione di raccoglitori di rifiuti e possibilmente cooperative in schemi formali di gestione dei rifiuti [18].

While Dhaka's tokais collect materials in the streets and markets, from collection points, and at dumpsites, there are also itinerant buyers (called feriwallas ), who buy higher value recyclables from households, and door-to-door collectors ( gariwallas ), who typically Raccogli rifiuti misti con cycle-Vans e portali ai contenitori municipali [1]. I Gariwallas sono generalmente "impiegati informalmente" da organizzazioni di welfare locali o leader politici e in carica strade specifiche, in cui residenti, negozi e ristoranti sono disposti a pagare per il loro servizio. Ci sono tra 6.000 e 7.000 datori di lavoro privati ​​a Dhaka, che devono chiedere il permesso per ogni area della City Corporation ma spesso non sono formalmente registrati come aziende. Tokais, Gariwallas e Feriwallas in un certo senso competono su alcuni tipi di rifiuti. Le famiglie immagazzinano spesso i riciclabili più preziosi, come le bottiglie di animali domestici, per venderle a Feriwallas, mentre i tukais dipendono dal libero accesso ai rifiuti. Dopo aver completato i loro turni, Gariwallas continua spesso a scegliere i riciclabili per qualche ora in più per integrare i loro salari bassi [1] [8] [19].

Gran parte di questo lavoro è svolto dai raccoglitori di rifiuti infantili. Un prerequisito per la collezione privata porta a porta che proibisce il reclutamento di bambini non è sanzionato nella pratica. Molti collezionisti iniziano da bambini con un reddito mensile di TK. 1.000 ($ US 12), che con più esperienza può salire a TK. 4.000 negli anni seguenti. Per molti raccoglitori di rifiuti infantili, il lavoro per salari estremamente bassi fornisce un mezzo importante per sopravvivere. Le ONG locali, tuttavia, sottolineano che la raccolta dei rifiuti è un'azienda redditizia e che i bambini vengono sfruttati in assenza di monitoraggio, ignorando non solo la sicurezza professionale ma anche i diritti dei bambini [19]. Inoltre, molti tkais sono bambini di famiglie povere, che ad esempio raccolgono bottiglie e oggetti di plastica nelle strade mentre le loro madri fanno qualche altro lavoro [20].

un altro problema Oltre alla raccolta dei rifiuti infantili e allo sfruttamento del lavoro nel settore informale c'è il riciclaggio illegale di rifiuti medici, ad esempio siringhe, lame usate e medicinali scaduti. Tali rifiuti vengono talvolta venduti illegalmente dagli operatori sanitari all'industria informale di riciclaggio della plastica o raccolti da raccoglitori di rifiuti da bidoni fuori ospedali o discariche. Come Patwary et al. (2011) Nota, è emersa un'economia illecita che ribattezza e rivende articoli medici riciclabili alle comunità. Le persone coinvolte nel processo non sono spesso a conoscenza dei rischi associati di malattie infettive e altri pericoli per la salute. La situazione è aggravata da regolamenti deboli, corruzione a livello di gestione e povertà prevalente, entrambe di persone svantaggiate coinvolte nelle attività di riciclaggio e di coloro che acquistano prodotti medici a basso costo [21]. A partire dal 2020, non c'erano ancora capacità sufficienti per smaltire i rifiuti medici a Dhaka, nonostante le regole esistenti che richiedono discariche specializzate per tali rifiuti e ONG che sensibilizzavano gli ospedali per la questione [22]. Le indagini giornaliste hanno rivelato che da un quotidiano disposto 4.000 kg di rifiuti ospedalieri di plastica, circa 3.500 kg attualmente finiscono sul mercato nero. I rifiuti vengono elaborati in piccoli negozi di scarti - che possono essere trovati, ad esempio, in Islambagh, Old Dhaka, in cui numerosi riciclatori informali che dissimsano sacche di sangue, siringhe, ecc. Scarpe, utensili da cucina e mobili [11].

Un rapporto del 2017 di Grambangla offre una panoramica delle sfide quotidiane dei raccoglitori di rifiuti e delle violazioni associate dei diritti umani. Circa l'85 percento di tutti i raccoglitori di rifiuti è analfabeta e molti di loro mancano di certificati di nascita o carte d'identità, che li esclude dall'accesso ai programmi di welfare. I bambini delle famiglie di piccher di rifiuti non sono generalmente in grado di accedere all'istruzione, quindi il circolo vizioso della povertà continua, con poche altre opportunità che lavorare in condizioni disumane e frequenti discriminazioni e molestie in pubblico. Queste circostanze spesso portano allo sfruttamento da parte degli intermediari quando si tratta di vendere riciclabili, attrezzature di prestito o prendere prestiti e dipendenze da funzionari o attori privati, in quanto vi è anche una tendenza continua a limitare l'accesso alle stazioni di trasferimento dei rifiuti e ai discariche di rifiuti municipali. Inoltre, i raccoglitori di rifiuti sono esposti a rifiuti pericolosi, sostanze tossiche, malattie infettive e numerosi rischi professionali e sanitari. Escluso dall'occupazione formale, rimangono senza accesso al sistema di sicurezza sociale [9].

Un recente caso di studio di Uddin et al. (2020) evidenzia ulteriormente la situazione precaria e vulnerabile dei raccoglitori di rifiuti a Dhaka. Essendo emarginati socialmente e culturalmente, con poca agenzia per esprimere attivamente le loro affermazioni, i raccoglitori di rifiuti mancano anche di sostegno politico e infrastrutturale che migliorerebbe la propria vita e le loro condizioni di lavoro. Nella maggior parte dei casi, i Tkais sono emigrati dalle parti rurali del Bangladesh - spesso a seguito di pericoli naturali, conflitti familiari o mancanza di posti di lavoro - e non hanno scelto attivamente di lavorare con i rifiuti, ma non avevano altra opportunità. Non ricevono un pagamento equo per i servizi che forniscono e hanno anche difficoltà a passare a un altro lavoro. Spesso affrontano problemi finanziari a causa dei prezzi fluttuanti per i riciclabili e dell'incapacità temporanea di lavorare quando si ammalano. La maggior parte di loro non ha una casa stabile o è senzatetto e nessun accesso ai servizi pubblici, come istruzione, acqua e igiene; Circa la metà di loro ha problemi di salute. Sono esposti a rischi di salute e sicurezza estremamente elevati, spesso senza protezione di base da rifiuti pericolosi e malattie infettive, come più recentemente durante l'epidemia di Covid-19, quando molti raccoglitori di rifiuti non avevano altra scelta se non continuare a lavorare per guadagnarsi da vivere [ 12]. Anche migliaia di detergenti municipali impiegati e Gariwallas assunti da organizzazioni volontarie basate sull'area hanno continuato a lavorare, ma non hanno ricevuto attrezzature di sicurezza in modo che la diffusione della casa al virus fosse temuta [23].

Informazioni di base
Nome del conflittoRiciclaggio precario di rifiuti informali a Dhaka, Bangladesh
NazioneBangladesh
Localizzazione del conflittoDhaka
Accuratezza della localizzazioneAlta (livello locale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloGestione dei rifiuti
Tipo di confitto. Secondo livelloConflitti legati allo sviluppo urbano
Conflitti sulla privatizzazione e la gestione di rifiuti
Discariche, trattamento rifiuti speciali/pericolosi, smaltimento illegale
Inceneritori
RisorseTerra
Rifiuti urbani domestici
Elettricità
Metalli riciclati
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

La discarica di Matuail è la più grande discarica di Dhaka e riceve oltre 3.000 tonnellate al giorno, la maggior parte di quelle raccolte nel sud di Dhaka. Attualmente comprende un'area di 100 acri (40 ettari) e un processo di acquisizione del terreno per un'ulteriore espansione di 50 acri è in arrivo. Inoltre, è stato in programma di installare un impianto di scarico a energia, che potrebbe elaborare almeno la metà dei rifiuti in arrivo [3] [16].

Tipo di popolazioneUrbana
Data di inizio del conflitto:2008
Attori governativi rilevanti:Dhaka North City Corporation (DNCC)
Dhaka South City Corporation (DSCC)
Divisione del governo locale (LGD)
Bangladesh Power Development Board (BPDB)
Power Divison
Autorità per lo sviluppo di energia sostenibile e rinnovabile (SRADA)
Dipartimento dell'Ambiente
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Comitato Unnayan Grambangla
Association of Waste Pickers in Bangladesh (anche chiamato: Bangladesh Waste Pickers Union)
Bangladesh Manobadhikar Sangbadik Forum (BMSF)
Programma di potenziamento sociale ed economico
Preoccupazione per i rifiuti
Prodipon
Prisma
Greenman Bangladesh
Associazione degli avvocati ambientali del Bangladesh
Insegnare per tutti
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoBassa (attività modesta di organizzazioni locali con scarsa capacità di mobilitazione)
Temporalità del conflittoIn reazione all'implementazione del progetto
Gruppi mobilitati:Lavoratori informali
Organizzazioni sociali locali
Abitanti (cittadini/comunità rurali)
Operatori dei rifiuti, del riuso e riciclo
Organizzazioni/comitati di donne
Scienziati / professionisti locali
Forme di mobilitazione:Elaborazione di documenti indipendenti (es. reports, dossier, note informative)
Lavoro di rete/azioni collettive
Sviluppo di proposte alternative
Coinvolgimento delle ONG nazionali e internazionali
Lettere e petizioni di reclamo
Referendum e altre consultazioni popolari
Proteste di strade/manfestazioni
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Inquinamento atmosferico, Incendi, Degradazione paesaggistica, Contaminazione dei suoli, Fuoriuscite di contaminanti, Contaminazione delle acque di superficie e peggioramento della qualità delle acque, Contaminazione delle falde acquifere/riduzione dei bacini idrici
Potenziale: Perdita di biodiversità, Inondazioni, Insicurezza alimentare/danni alle produzioni agricole, Riscaldamento globale, Riduzione della resilienza ecologica/idrogeologica
Impatti sulla saluteVisibile: Incidenti/infortuni, Malnutrizione, Problemi mentali compresi stress, depressione e suicidi, Problemi di salute pubblica connessi ad alcolismo, prostituzione ecc., Malattie professionali e incidenti sul lavoro, Malattie infettive
Potenziale: Episodi di violenza collegata a effetti nocivi sulla salute fisica e mentale (omicidi, stupri, ecc)
Impatti socio-economiciVisibile: Aumento della corruzione/cooptazione dei diversi attori, Mancanza di sicurezza sul lavoro, assenteismo al lavoro, licenziamenti, disoccupazione, Perdità dei mezzi di sussistenza, Aumento dei problemi sociali (alcolismo, prostituzione,ecc), Violazione dei diritti umani, Deterioramento del paesaggio/perdita del senso del luogo
Potenziale: Sgomberi/sfollamenti, Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture, Specifici impatti sulle donne
Risultati
Status attuale del progettoOperativo
Risultato del conflitto/risposta:Corruzione
Cambiamenti istituzionali
Rafforzamento della partecipazione
Soluzione tecniche per migliorare erogazione/qualità/distribuzione delle risorse
Negoziazione in corso
Ritiro dell'impresa/investimento
Temporanea sospensione del progetto
Sviluppo di proposte alternative:Nella conclusione di un recente caso di studio sui raccoglitori di rifiuti di Dhaka, Uddin et al. (2020) richiedono un passaggio da un sistema di gestione dei rifiuti caratterizzato da omissione, abbandono e disponibilità a uno che supporta il recupero delle risorse, l'inclusione e la generazione di reddito [12].

Il Comitato UNNAYAN di Grambangla chiede la garanzia del lavoro di base e dei diritti sociali per i raccoglitori di rifiuti e i bambini. Nota che la loro situazione vulnerabile sarebbe migliorata da una migliore attuazione del Bangladesh Environment Conservation Act 2010, della Regola dei rifiuti medici 2008 e di altri articoli della Costituzione per garantire i diritti umani e la Convenzione dell'OIL. Oltre a ciò, un passo avanti essenziale sarebbe quello di coinvolgere i raccoglitori di rifiuti informali nel settore formale della gestione dei rifiuti, accreditando e riconoscendo legalmente il loro ruolo nel riciclaggio. [9]

L'organizzazione elenca le seguenti raccomandazioni politiche:
- Accreditamento legale per i raccoglitori di rifiuti informali
- occupazione dei raccoglitori di rifiuti nel sistema formale di gestione dei rifiuti
- Fornitura di attrezzature di sicurezza e formazione per i raccoglitori di rifiuti
- Programmi di reti di sicurezza speciali per i raccoglitori di rifiuti
- Budget speciale per le misure di sviluppo umano, come l'istruzione e l'assistenza sanitaria per i raccoglitori di rifiuti infantili
- Allenamento delle competenze sul riciclaggio per i raccoglitori di rifiuti, come la promozione delle attività di imprenditorialità e riciclaggio

Il caso di Dhaka mostra che la formalizzazione delle attività di riciclaggio sarebbe un passo cruciale per migliorare le condizioni e i diritti dei raccoglitori di rifiuti, la maggior parte dei quali proviene da parti svantaggiate della società e sono spesso intrappolate in un circolo vizioso di povertà e sfruttamento. Tuttavia, una tale formalizzazione deve avere un approccio attento e politiche a favore dei poveri, poiché una semplice imponente imponente delle norme di gestione dei rifiuti formali andrebbe a beneficio delle più grandi imprese private piuttosto che dei poveri urbani che dipendono in modo fondamentale dalla raccolta dei rifiuti come mezzo per sopravvivere.

Poiché la più grande frazione dei rifiuti di Dhaka è ancora rifiuti organici (tra il 60 e il 75 percento), ci sarebbe anche un grande potenziale per ridurre i volumi e gli impatti dei rifiuti attraverso il compostaggio e altri trattamenti di rifiuti organici [1].
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:NO
Fonti e materiali
Bibliografia di libri pubblicati, articoli universitari, film o documentari pubblicati

[1] Matter, A., Dietschi, M., Zurbrügg, C. (2013): Improving the informal recycling sector through segregation of waste in the household – The case of Dhaka Bangladesh. In: Habitat International, 38, 150 – 156.

[2] Alam, O., Qiao, X. (2020): An in-depth review of municipal solid waste management, treatment and disposal in Bangladesh. In: Sustainable Cities and Society 52 (2020) 101775.

[9] Grambangla Unnayan Committee (2017): Policy Brief. Legal Accreditation for the Informal Sector Waste Pickers and Their Formal Involvement in Municipal Waste Management System: An Opportunity for Their Decent Occupation & Sustainable Livelihood. December 2017.

[12] Uddim, S., Gutberlet, J., Ramezani, A., Nasiruddin, S. (2020): Experiencing the Everyday of Waste Pickers: A Sustainable Livelihoods and Health Assessment in Dhaka City, Bangladesh. In: Journal of International Development (2020). Retrieved from Wiley Online Library.

[3] Khan, M. (2018): Where does all our waste end up?. The Daily Star, 08.06.2018. (Online, last accessed: 17.04.2020)
[click to view]

[4]Hayat, A. (2018): Waste management projects gone to waste. Dhaka Tribune, 12.02.2018. (Online, last accessed: 17.04.2020)
[click to view]

[5] Hasan, S. (2019): LGD moves for incineration-based Waste-to-Energy project. United News of Bangladesh, 29.09.2019. (Online, last accessed: 17.04.2020)
[click to view]

[6] Devnath, B. (2020): Aminbazar, the landfill that ruined lives. The Business Standard, 11.03.2020. (Online, last accessed: 17.04.2020)
[click to view]

[7] Hayat, A. (2017): Waste management down in the dumps. Dhaka Tribune, 25.04.2017. (Online, last accessed: 17.04.2020)
[click to view]

[10] Globalrec (n.d.): Law Report: Bangladesh. (Online, last accessed: 17.04.2020)
[click to view]

[13] Al-Masum, M. (2018): Plastic chokes Dhaka’s drainage. The Third Pole, 09.04.2018. (Online, last accessed: 17.04.2020)
[click to view]

[19] Khan, S. (2019): Unheard, Unseen, Unrecognised: The Plight of Dhaka's Waste Collectors. The Daily Star, 18.01.2019. (Online, last accessed: 17.04.2020)
[click to view]

Khan, M. (2018): Where does all our waste end up?. The Daily Star, 08.06.2018. (Online, last accessed: 17.04.2020)
[click to view]

Media correlati - links a video, campagne, social networks

[20] “Tokai: The Story of A Street Dwelling Boy, Dhaka. (Video on Youtube, 28.10.2012)
[click to view]

Meta informazioni
Collaboratore:EnvJustice Project (MS)
Ultima modifica23/04/2020
ID del conflitto:5029
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.