Ultima modifica:
29-09-2019

Hulene Dump Site e Picker Shaver Pickerers Proteste, Mozambico

Nel 2018, dopo una frana mortale della spazzatura a Dump Hulene in Maputo Mozambico, i residenti di Wastepicker hanno protestato per mezzi di sostentamento più sicuri e sicuri. Per anni, il governo ha ritardato di abbandonare le famiglie e deve ancora riconoscere formalmente il loro lavoro.


Descrizione:

Vivere e morire su una discarica non è una scelta tanto quanto è una realtà necessaria per i rifiuti residenti nella discarica di Hulene in Maputo, Mozambico. Si presenta come una contraddizione di essere un lavoratore del settore informale che - nonostante contribuisca alla sostenibilità e ad un'economia più circolare - affronta negligenza, mancanza di rispetto e la continua minaccia del danno fisico. Maputo, l'hub economico del paese è una città in rapida crescita con circa 1,2 milioni di residenti. Nel 2017, ha provocato circa 1.100 tonnellate di rifiuti giornalieri (5). Tuttavia, la discarica di Hulene è stata costruita in epoca coloniale, quando la popolazione della città era solo una frazione di quello che è ora. Dal 1977 al 1992, il quartiere di Hulene ha subito un boom della popolazione durante la guerra civile del Mozambico, e la gente in fuga la guerra nelle zone rurali più a nord è venuta a cercare rifugio nei centri urbani come Maputo (1). Nel tempo, il crescente costo della vita e la mancanza di alloggi adeguati a Maputo ha spinto molte persone alla periferia come parte di un processo prolungato e disordinato di sprawl urbano, guidando alcuni per impostare case intorno alla discarica (4). Così tante residenze sono state costruite attorno alla discarica che Hulene è diventata essenzialmente un'isola di spazzatura circondata da case (3). La popolazione e la crescita economica (per alcuni) non è stata accompagnata da aumenti proporzionati del provisioning del servizio pubblico, con conseguenti gravi carenze nel trattamento dei rifiuti solidi municipali. $% Dump Hulene ha raggiunto la capacità molto tempo fa, ed è stata affollata per oltre dieci anni ( 3), aggiungendo ai molti rischi di vivere e lavorare vicino a una discarica non convenzionale e pericolosa. Un gruppo di attivismo ambientale locale, Livaningo, è stato campagne per 15 anni per la chiusura della discarica a causa di questo (1). Nel 2013, dopo aver montato la pressione pubblica, il governo della città ha accettato di chiudere la discarica della spazzatura di Hulene e riposizionarlo a Matlemele, una vicina città di Matola (1). Ma la riduzione non è mai accaduta a causa dei presunti "vincoli di budget" (1). A luglio 2016, c'è stato un altro tentativo di pressione delle autorità di velocità per accelerare la chiusura della discarica quando i residenti del quartiere "B" di Hulene hanno incontrato i dirigenti di entrambi i comuni in un evento organizzato da Livaningo (2). Ciò ha nuovamente provocato una piccola azione da parte di tutti i governi locali. Infine, il 19 febbraio 2018, le conseguenze della tristezza di accumulazione di rifiuti non sicure e non gestite in una delle parti più povere della città sono state esposte quando le forti piogge hanno scatenato una frana a Dump di Hulene, uccidendo diciassette persone, ferendo altri 5 anni e distruggendo diverse case (1,4). Dodici dei sedici vittime erano donne (5), evidenziando la dimensione di genere di questo precario lavoro informale. $% Compensa per il loro 86 terreno agricolo (7). Nel giugno, quattro mesi dopo la tragedia, la demolizione di case nella zona intorno a Hulene ha portato a segnalazioni di case meno ingombrarie, persone e automobili stipate nella stretta strada accanto al cumulo della spazzatura (8). Il capo del vicinato locale David Nassone ha dichiarato che "Non posso dire che il problema è risolto, ma di recente non abbiamo avuto tanti problemi come prima". Con ciò si riferiva al fatto che una visibilità migliorata aveva reso l'area meno incline agli assalti e ad altri crimini. Tuttavia, al fine di gestire l'acqua piovana che scorre dai cumuli della spazzatura, il consiglio comunale ha scavato un fossato di drenaggio le cui acque stanno stagnanti, creando un terreno riproduttivo per zanzare e malattie che hanno sempre afflitto i residenti di Hulene. "Ci sono malattie qui, c'è la malaria e il colera come non puoi immaginare", osservò Nassone. Queste preoccupazioni, insieme alla possibilità di affogare per bambini, i residenti di piombo a mettere in discussione perché le promesse fatte per trasferire le famiglie locali non erano ancora soddisfatte. "Quello che ho sentito dalla consincoman quando stavano facendo le demolizioni era che avrebbero costruito un muro attorno alla discarica, ma finora non è stato fatto nulla. Ciò preoccupa la gente del posto ", ha dichiarato Nassone. La lotta per la sopravvivenza continua come demolizioni costrette sprecato per affittare case nelle vicinanze, ma con il proseguimento di dumping di spazzatura nel sito, almeno potrebbero avere più spazio per ordinare e vendere i loro riciclabili (8). $% $% $% $% & $% & A Hulene, i rifiuti residenti hanno affrontato condizioni pericolose con poca protezione, lasciandole vulnerabili a patogeni e biohazard e suscettibili alle malattie. Per cinquanta anni hanno vissuto con le conseguenze: il fallo fetore, ratti, vola, fumi tossici dalla costante combustione della spazzatura, tra le altre questioni (8). I bambini del sito soffrono anche di malattie come la diarrea e la tubercolosi (2). I residenti di Hulene sono sottoposti a questi rischi per la salute perché hanno disperatamente bisogno di raccogliere materiali riciclabili al fine di garantire il loro sostentamento. Così centrale tra tutti i piani per chiudere il sito per il bene dovrebbe essere una strategia globale e inclusiva per aver assicurato che le centinaia di famiglie che vivono lì saranno in grado di continuare a sopravvivere. $% E $% e oltre 120 famiglie che avevano vissuto Le immediate vicinanze di Hulene stanno attualmente ricevendo assistenza in un centro di alloggio istituito dal Consiglio municipale di Maputo nel quartiere di Ferroviario (6). Ma molte famiglie rimangono e, come accennato in precedenza, alcuni si rifiutano di muoversi, nonostante la minaccia del futuri crolli del mucchio della spazzatura (6). Questo perché quasi tutto può essere raccolto, riformato, e venduto da wastepickers in Hulene: rotami di cibo, cibo in scatola da supermercati, ferro, alluminio, ottone, stagno, filo di rame da elettrodomestici danneggiati, bottiglie di vetro e plastica, legno, cartone, carta , Pietre, filtri per sigarette, mobili danneggiati, cotone, gomma, ospedale e rifiuti computerizzati (4). Alcuni sprechi di sprechi hanno riferito che vendono i loro materiali raccolti agli acquirenti cinesi tra cinque e sette meticais (tra otto e 12 centesimi statunitensi) un chilo (6). Quindi, mentre la designazione del governo di 60 ettari per il reinsediamento sembra un risultato positivo (6), non riesce a affrontare come le famiglie nella nuova zona raggiungeranno il reddito, almeno attraverso mezzi relativamente più legali. $% E $% e nel febbraio 2019 , Un anno dopo il disastro della spazzatura frana, è stato riferito che le famiglie che vivono vicino a Dump Hulene dovevano ancora essere reinsediate. Le famiglie le cui case sono state distrutte continuano a vivere in alloggi in affitto pagati dalle autorità municipali (9). I residenti si lamentano per quanto tempo questo processo ha preso, e mentre il posulano, nel distretto di Marracuene fosse stato scelto come la posizione di reinsediamento della famiglia, non c'erano ancora segni di costruzione. "Vivere in una casa di noleggio non è la stessa cosa che viveva nella nostra casa", ha lamentato Elias Matias, un residente colpito. "Nella mia antica casa ho seminato verdure, sollevato animali e potevano fare un sacco di shopping, ma non si adattano a questa casa", ha osservato (9). Altri ex residenti di Hulene, come Simon Matusse, si lamentano di una mancanza di informazioni sul loro futuro. "Finora non hanno detto nulla, non abbiamo speranza dal momento che hanno annullato il contratto di locazione due mesi fa, e non sappiamo cosa succederà" affermò. Alla fine l'ultima puntata del leasing è stata pagata nel dicembre del 2018 (9). I residenti hanno espresso preoccupazione per quanto riguarda se il nuovo sindaco, Eneas Comiche, risolverebbe questo problema. Nel tentativo di rassicurare le famiglie colpite, l'ex consigliere della città di Maputo David Simango ha promesso in un'intervista di fine gennaio che non avrebbe lasciato la questione irrisolta e che paghino sussidi di noleggio domestici, costruendo case decenti e consegnando le chiavi a quelle colpite succede (9). Attribuiva la costruzione di case in ritardo a Marracuene alle procedure amministrative. Apparentemente, il Comune ha lanciato una competizione per la patria, che è stata posticipata a causa delle lamentele dei concorrenti. Simango ha quindi detto che il problema era stato superato e che stavano aspettando i visti in modo che il lavoro possa iniziare. "A quel tempo, i membri recentemente eletti del Consiglio municipale di Maputo ha ancora commentato questo problema (9). $% & $% E mercoledì 27 febbraio 2019, un accordo di cooperazione sulla gestione urbana solida dei rifiuti è stata firmata tra Celso Correia e Yoshiaki Harada, ministro ambientale del Giappone (10). L'accordo si concentra sul rafforzamento dell'assistenza tecnica, della formazione e del trasferimento tecnologico Nell'area della gestione dei rifiuti solidi urbani come mezzo per superare le attuali sfide di gestione dei rifiuti dei rifiuti del Mozambico. Con questo è arrivato l'annuncio che Hulene Dump sarebbe usato per altri 10-15 anni senza danneggiare l'ambiente o la salute pubblica a causa dell'introduzione di una tecnologia giapponese nota come metodo Fukuoka (10). Ciò trasformerà essenzialmente Hulene da una discarica aperta a una discarica semi-aerobica che subirà la fermentazione negli strati interni di th I rifiuti del sito, hanno un'assunzione di aria naturale attraverso la ventilazione del gas e la raccolta dei rifiuti liquidi attraverso i canali. Correia ritiene che questa soluzione porterà speranza e miglioramento del benessere per il popolo di Maputo, in particolare quelli nelle vicinanze di Hulene Dump (10). Tuttavia, solo il tempo ne parlerà se gli sprechi di sprechi di Hulene sperimentano mezzi di sostentamento più sicuri e sicuri dalla conversione. $% E $% e più della metà della popolazione lavorativa del Mozambico lavora nel settore informale, e secondo Livango, tutti i comuni in Deposito del Mozambico Rifiuti solidi nelle discariche all'aperto (4), ad eccezione di ciò che presto diventerà di Hulene. In Hulene, i wastepickers sono tollerati, ma oltre le mura, rimangono sui frange di una società che le ignorano ignoranti come persone fallite. Escluso dalle politiche e dalle strategie nazionali, i wastepickers sono rimasti in gran parte invisibili agli occhi della legge (4). I wastepickers eseguono un importante servizio ambientale e meritano di avere il loro lavoro essere formalmente riconosciuto. A Maputo, mentre alcune vittorie sono state vinte da cooperative di wastepicker da donna come Recicla (5), la vita è ancora precaria per questo settore dei poveri della città. $% E $% &

Informazioni di base
Nome del conflittoHulene Dump Site e Picker Shaver Pickerers Proteste, Mozambico
NazioneMozambico
Localizzazione del conflittoMaputo
Accuratezza della localizzazioneAlta (livello locale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloGestione dei rifiuti
Tipo di confitto. Secondo livelloConflitti sulla privatizzazione e la gestione di rifiuti
RisorseRifiuti urbani domestici
Rifiuti elettronici
Grano
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

Nel 2017, ha provocato circa 1.100 tonnellate di rifiuti giornalieri (5).

Area del progetto17.
Livello degli investimenti:40.000.000 per costruire una nuova discarica (3).
Tipo di popolazioneUrbana
Popolazione impattata:~ 550 famiglie (3)
Data di inizio del conflitto:01/01/2001
Attori governativi rilevanti:Celso Correia - Ministro Mozambicano del terreno, dell'ambiente e dello sviluppo rurale
Calisto Cossa - ex sindaco di Matola
Ereas Comiche - Attuale sindaco di Matola
Yoshiaki Harada - Ministro ambientale del Giappone
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Livango - Una ONG si è concentrata sull'avocazione ambientale, dell'istruzione, dello sviluppo sostenibile e della giustizia sociale.
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoMedia (proteste, mobilitazione visibile)
Temporalità del conflittoMobilitazioni dopo gli impatti
Gruppi mobilitati:Organizzazioni sociali locali
Operatori dei rifiuti, del riuso e riciclo
Forme di mobilitazione:Proteste di strade/manfestazioni
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Incendi, Fuoriuscite di contaminanti, Contaminazione delle acque di superficie e peggioramento della qualità delle acque
Potenziale: Inquinamento atmosferico, Contaminazione dei suoli
Impatti sulla saluteVisibile: Malattie professionali e incidenti sul lavoro, Malattie infettive, Morti, Altre malattie legate alla contaminazione ambientale
Potenziale: Episodi di violenza collegata a effetti nocivi sulla salute fisica e mentale (omicidi, stupri, ecc)
Impatti socio-economiciVisibile: Sgomberi/sfollamenti, Specifici impatti sulle donne
Potenziale: Perdità dei mezzi di sussistenza
Risultati
Status attuale del progettoOperativo
Risultato del conflitto/risposta:Migrazioni/sfollamenti
Soluzione tecniche per migliorare erogazione/qualità/distribuzione delle risorse
Negoziazione in corso
Sviluppo di proposte alternative:Ejos come Livango propongono l'integrazione dei wastepicker nel settore formale di gestione dei rifiuti
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:Incerto
Spiegare brevemente il motivoHulene Dump sarà convertito in una discarica, che dovrebbe contribuire a condizioni più sicure per gli sprechi residenti. Tuttavia, per quanto riguarda il trasferimento dei residenti di Hulene e assicurando che gli sprechi siano formalmente riconosciuti per il loro lavoro, non è necessario eseguire abbastanza con i governi locali.
Meta informazioni
Ultima modifica29/09/2019
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.